GIOVEDÌ 07 FEBBRAIO 2019, 17:55, IN TERRIS

"Così riparte la corsa agli armamenti"

Aldo Ferrari (Ispi): "Prova muscolare in atto. Ma il vero avversario di Washington è un altro..."

LUCA LA MANTIA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Un missile nucleare russo
Un missile nucleare russo
L

a sospensione unilaterale del Trattato sulle armi nucelari a medio raggio (Inf) da parte americana segna uno nuovo passaggio nel progressivo deterioramento dei rapporti fra Stati Uniti e Russia. Cosa comporta questo a livello di equilibri globali? Ci troviamo sull'orlo di una nuova Guerra Fredda? Ne abbiamo parlato con il prof. Aldo Ferrari, docente di storia della Russia all'università Ca' Foscari di Venezia e responsabile del programma "Russia; Caucaso e Asia centrale" dell'Istituto per gli studi di politica internazionale (Ispi).

L'Inf è stato uno dei capisaldi della fine della Guerra Fredda. Possiamo dire che la corsa agli armamenti è ufficialmente ripartita?
"Direi di sì, anche se, in parte, era già ricominciata. I russi negli ultimi due anni hanno pubblicizzato nuovi armi balistiche ultramoderne. Tutto, in ogni caso, va ricondotto alla politica estera avviata dall'amministrazione Trump che sta modificando profondamente le dinamiche precedenti". 

In che modo?
"Gli Usa si stanno muovendo in modo molto più reattivo e concentrato su obiettivi immediati di potenza. In generale, tuttavia, è l'intero quadro dei rapporti fra Russia e Occidente a essere problematico. Una situazione difficile, tendente al peggioramento, all'interno della quale si inserisce l'escalation balistica". 

Ha parlato dell'enfasi con cui Mosca ha pubblicizzato i suoi nuovi missili. Quindi, in un certo senso, ha ragione Trump nel sostenere che la Russia abbia a più riprese violato il trattato...
"In parte sì. Va però detto che anche i russi accusano gli americani di averlo violato. Il centro della questione però non è rappresentata dalle singole infrazioni al trattato ma nella reciproca mancanza di fiducia da parte di Mosca e Washington. Quella stessa fiducia che, nel 1987, aveva consentito alle due superpotenze di parlarsi e di procedere con una ragionevole sicurezza sulla serietà della controparte. Ora questo aspetto non esiste più e alcune dinamiche, che già si stavano modificando, sono in via di peggioramento. E' in questo percorso di deterioramento dei rapporti che va inquadrata la questione dell'Inf". 

Eppure in una prima fase i rapporti fra Putin e Trump sembravano tutt'altro che pessimi...
"E' vero. Trump prima di essere eletto avrebbe voluto cambiare i rapporti fra il suo Paese e la Russia. Ma persino negli Stati Uniti il presidente non è onnipotente e deve confrontarsi con un establishment - sia democratica che repubblicana - convintamente anti-russa, come prima era anti-sovietica. Nemmeno la Casa Bianca può permettersi di andare contro questa inerzia del corpo dirigenziale, sia militare che diplomatico. C'è poi un'altro aspetto..."

Quale?
"Trump ha la precisa volontà di dimostrare che gli Stati Uniti sono più forti. E' una prospettiva che a Mosca capiscono molto bene, anche i russi partecipano a questa esibizione muscolare".

E' questo che tendeva quando parlava di un cambiamento dei paradigmi della politca estera americana? 
"Esatto. Con Bush e Obama gli Stati Uniti predicavano bene e razzolavano male, cioè facevano della politica di potenza ammantandola con ideali di diffusione della democrazia. Con Trump il tutto è diventato molto più semplice e sincero: gli Usa devono essere più forti. Punto. I russi capiscono questo tipo di atteggiamento. Per cui la situazione è sì pericolosa, ma anche chiara. E questo può essere persino vantaggioso.."

In che senso?
"Perché da parte occidentale non c'è più la pretesa di proclamarsi paladini dell'ordinamento internazionale violandolo in continuazione. Gli Usa hanno abbandonato l'idea di esportare la democrazia, vogliono semplicemente affermare il proprio primato nel mondo. La Russia non può fare altrettanto ma capisce la realpolitik. Quindi, da un certo punto di vista, le parti comprendono meglio le reciproche intenzioni". 

E forse, con l'indagine Russiagate in corso, a Trump può far comodo alzare i toni e marcare le distanze da Mosca...
"Naturalmente, può fargli comodo. Anche se resta un fatto: il principale avversario degli Stati Uniti, in questo momento, non è la Russia ma la Cina. Proseguire sulla strada della contrapposizione con i russi non è utile all'interesse nazionale americano, visto che Mosca, senza volerlo, in questo modo si sta avvicinando a Pechino". 

Ma se, come dice, Washington vuole primeggiare a livello globale, perché ritirarsi dalla Siria, lasciando campo aperto a Mosca?
"E' una politica calcolata. Gli Stati Uniti stanno ripensando i propri impegni internazionali. Lo stanno facendo nel Vicino Oriente abbandonando molte posizioni e lo stanno facendo all'interno nella Nato chiedendo agli altri Paesi di spendere più nell'Alleanza. L'America oggi ragiona da grande azienda, valutando guadagni e perdite e razionalizzando le spese". 

Un altro terreno di confronto, in questi giorni, è quello del Venezuela. Il sostegno di Mosca a Maduro si giustifica solo in nome della vecchia alleanza col regime chavista?
"La Russia non vuole ingerenze di attori esterni nelle dinamiche interne ai Paesi. E' una caposaldo della sua politica. La vedo, quindi, più come la riaffermazione di un principio che come l'interesse per un alleanza poco significativa per Mosca".

Nel Paese sudamericano molti temono uno scenario simil-libico. E' possibile?
"Ogni situazione è specifica. Il Venezuela non ha la dimensione tribale della Libia. Il rischio concreto è quello di una guerra civile, visto che Maduro continua a essere sostenuto dall'esercito e da parte della popolazione".  

 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Fake news

Se ad alimentare la democrazia sono le fake

Un'indagine del quotidiano il Sole 24 ore, affronta il tema mai indagato dai media, del numero fasullo dei seguaci...
Sassuolo-Roma 0-0. Under inseguito da Rogerio
SERIE A

Sassuolo-Roma a reti bianche: vince la contestazione

Tifosi giallorossi contro la società dopo il caso De Rossi. In coda pari Cagliari-Genoa, vince l'Udinese
Passeggeri su un convoglio Trenord
MILANO

Maxi rissa in treno: 4 feriti

Tre gambiani e un senegalese sono finiti in ospedale
I soccorsi

Torino: anziano aggredisce donna incinta

L'uomo si è scagliato anche contro i carabinieri che lo stavano arrestando
Il camper della famiglia dopo il rogo
CONFESSIONE CHOC

Cagliari, la madre di Esperanza: "L'ho soffocata io"

Della bimba di 20 mesi si erano perse le tracce il 23 dicembre scorso
La Luna
SPAZIO

La Nasa presenta Artemis

La sorella gemella di Apollo si prepara per riportare gli astronauti sulla Luna