MERCOLEDÌ 20 MARZO 2019, 01:00, IN TERRIS


UNIONE EUROPEA

Così il Ppe risolverà la "grana" Orban

Si lavora a un compromesso che porti alla sospensione di Fidesz dal gruppo

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Viktor Orban
Viktor Orban
I

l Ppe, alle prese con il caso Orban, starebbe lavorando a una soluzione di compromesso che porti alla sospensione del partito di governo ungherse Fidesz dalla famiglia dei popolari europei.


Via di mezzo

La decisione definitiva sulla vicenda dovrebbe essere adottata oggi pomeriggio, in occasione dell'assemblea dei delegati che andrà in scena all'Europarlamento. Secondo quanto riportato dall'Agi, il presidente del Ppe, Joseph Daul, avrebbe fatto in questi giorni un giro di telefonate ai vertici dei partiti Popolari per testare la possibilità di arrivare a una soluzione condivisa che eviti la spaccatura del Ppe e allo stesso tempo mandi un segnale al primo ministro ungherese, protagonista nelle ultime settimane di un attacco senza precedenti alla Commissione e allo stesso Jean-Claude Juncker.


La proposta

Secondo alcune indiscrezioni, Orban sarebbe già a Bruxelles e avrebbe avuto dei contatti con i vertici del partito in vista del voto di oggi. Il premier ungherese avrebbe già riservato una sala del parlamento per tenere una conferenza stampa dopo l'assemblea. Una soluzione, aggiungono altre fonti, potrebbe essere quella di sospendere Fidesz e creare una sorta di comitato per monitorare una serie di condizioni sul rispetto dei valori cui si ispira il Ppe. Una decisione non è ancora maturata, secondo quanto trapela, anche perché le principali delegazioni non si sono ancora espresse, né gli spagnoli del Partido Popular, né i Repubblicani francesi. Forza Italia invece ha già detto di essere contraria all'espulsione di Orban ma non si è pronunciata sulla sospensione, almeno per il momento. Nemmeno i tedeschi della Cdu hanno pubblicamente preso posizione, ma starebbero lavorando al "lodo Daul". Un'altra incognita che pesa sull'assemblea è quella dei numeri: tutte le proposte infatti, per statuto, devono essere approvate a maggioranza dei presenti. Molto dipenderà quindi da quante delegazioni parteciperanno alla riunione e al voto. Al momento i partiti che hanno già calato le carte sul tavolo sono il gruppo dell'Est, contrario all'espulsione e anche alla sospensione di Fidesz, e il blocco soprattutto composto dalle delegazioni del nord che invece chiede misure drastiche contro il presidente ungherese

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il gioco dei rulli
ROMA

Grave incidente per un concorrente di "Ciao Darwin"

L'uomo rischia la paralisi, il cugino: "Hanno continuato a registrare". Trasmissione spostata al 3 maggio per...
Teste di cuoio
LOURDES

L'ex militare si arrende alla polizia

L'unica ferita è l'ex compagna dell'uomo: raggiunta da un colpo di arma da fuoco
L'Ilva di Taranto
ILVA

Si dimettono i commissari straordinari

Lettera recapitata al Mise. Di Maio: "Grazie per il lavoro svolto, inizia fase due"
Luigi Di Maio
25 APRILE

Di Maio attacca: "Chi lo nega era anche a Verona"

Il vicepremier critico: "Coloro che negano la festa della Liberazione passeggiavano con gli antiabortisti"
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Una delle chiese attaccate
SRI LANKA

Stragi di Pasqua: l'Isis rivendica

La notizia diffusa dall'agenzia Amaq. Sale a 310 morti il bilancio delle vittime, 40 gli arresti. Ieri nuova esplosione a...