DOMENICA 03 SETTEMBRE 2017, 10:34, IN TERRIS

Corea del Nord, sesto test atomico. Trump: "Un attacco? Vedremo"

Detonazione cinque volte superiore all'ordigno che distrusse Nagasaki: provocate due scosse sismiche. E' il test più potente finora effettuato

MATTIA DAMIANI
Corea del Nord, sesto test atomico. Trump:
Corea del Nord, sesto test atomico. Trump: "Un attacco? Vedremo"
Stavolta la provocazione della Corea del Nord è stata di proporzioni gigantesche. Kim Jong-un, alla fine, lo ha fatto davvero: il sesto test atomico, confermato nelle ore mattutine dalle autorità di Seul, è stato effettuato nel Pacifico, liberando una potenza tale da scuotere le fondamenta della Terra. Addirittura due scosse di terremoto, una di 6.3, seguita dopo poco da un'altra di 4.6 (entrambe con ipocentro a zero chilometri), hanno interessato la parte settentrionale della Corea, evidenziando una cosa: il test della bomba a idrogeno è riuscito e la potenza registrata si attesta su un valore di 5 volte superiore (100 kilotoni) a quello della testata che distrusse Nagasaki nel 1945.

Trump e Putin, linee diverse


Dopo un primo momento di stallo, Trump ha convocato il Consiglio di Sicurezza Nazionale della Casa Bianca per parlare della Corea del Nord. Al termine dell'incontro con i vertici militari, a chi gli chiedeva informazioni su un possibile attacco preventivo, il Tycoon ha risposto con un criptico "vedremo", lasciando aperta ogni possibilità. In giornata, il presidente aveva punzecchiato la Cina e tirato in ballo il tentativo (ormai accantonato) di dialogo della Corea del Sud: "Io glielo avevo detto... il dialogo è inutile". Da parte sua, Putin ha fatto sapere (dopo una telefonata con Shinzo Abe) che ogni soluzione dovrà percorrere la strada della diplomazia.

Ricognizioni anti-radiazione


"Abbiamo condotto con successo il test di una bomba all'idrogeno", recita con soddisfazione la tv nordcoreana dando nelle ore pomeridiane (le 8.30 circa in Italia), quando gli Stati Uniti erano ancora addormentati, l'annuncio dell'esplosione che, in un primo momento, si era temuto fosse addirittura stata seguita da una seconda. Il secondo sisma, infatti, dovuto probabilmente a un effetto collaterale della detonazione, aveva fatto serpeggiare il timore che i test fossero stati più del previsto. L'ipotesi avanzata dall'Usgs, invece, è che si fosse trattato del collasso della struttura di Punggye-ri, il sito del test, alimentando il terrore di una fuga di radiazioni. Niente di tutto questo assicurano da Pyongyang: il tutto ha retto e le scorie radioattive sono rimaste confinate sulla montagna. Il secondo sisma, però, ha ridestato anche Cina e Russia, facendo rimbalzare le sue onde fino a Vladivostok. Troppo lontano per restare indifferenti. E per dar credito ai portavoce di Kim: da qui le ricognizioni.

Ombre sulla Corea


Nel frattempo, fra un terremoto e l'altro, la Corea del Sud aveva già convocato il Consiglio di sicurezza, il premier del Giappone, Shinzo Abe, aveva spedito i suoi jet in ricognizione per monitorare le radiazioni e, a quanto pare, lo stesso avrebbe fatto la Cina. Segno evidente che, in questo momento, Kim è fuori controllo anche per il potente vicino. Ma, probabilmente, che anche gli Stati Uniti stiano scegliendo una via che non passi necessariamente per il (complicato) sentiero del dialogo. Le minacce rivolte a Guam, specie dopo l'inquietante test odierno, alimentano la possibilità di un'azione preventiva da parte degli Usa. Ed è ciò che probabilmente Kim teme. D'altronde, quella arrivata a mezzogiorno (ora coreana) assume l'aria di qualcosa in più che una minaccia o una provocazione. A ogni modo, dalla prossima assemblea Onu dovrebbe arrivare qualche risposta sulla linea d'azione. Che sia applicabile a un missile intercontinentale o meno (Pyongyang assicura di sì), però, le stime sulla potenza distruttiva della testata è emblematica: 100 kilotoni (ognuno dei quali pari a 1000 tonnellate di tritolo), 10 volte più forte del quinto test atomico. La promessa di "fuoco e fiamme" da parte di Trump che aveva fatto star buono Kim per qualche tempo, sembra ormai in archivio: il rischio è che l'equilibrio dell'allerta sia troppo sottile per reggere a lungo.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Jost Sustermans, Ritratto di Galileo, 1636, olio su tela, Firenze, Galleria degli Uffizi (particolare)
PADOVA

Galileo: in mostra il genio che ha ridisegnato l'universo

Dal 18 novembre 2017 al 18 marzo 2018 a Palazzo Monte di Pietà
Kim Jong Un
COREA DEL NORD

Pyongyang: "Sul nucleare non si tratta"

Il regime avverte: "Questione di sicurezza. La spada dell'autodifesa va ulteriormente affilata"
RAPPORTO CARITAS 2017

In Italia un "esercito di poveri"

Preoccupa la situazione dei giovani: il 37% a rischio esclusione sociale
Giampiero Ventura
DISFATTA AZZURRA

Parla Ventura: "Le sconfitte non hanno una sola verità"

L'ex ct saluta i tifosi in una dichiarazione all'Ansa: "Grande dispiacere, mi sento incompiuto"
Truppe irachene
IRAQ

Rawa strappata all'Isis

Riconquistata la cittadina nordoccidentale. La Coalizione: "Vicina la fine del Califfato"
Il videomessaggio del Papa
PAPA FRANCESCO

"Il Vangelo è messaggio di riconciliazione"

Video ai fedeli del Myanmar in vista del viaggio di fine novembre