GIOVEDÌ 24 OTTOBRE 2019, 08:48, IN TERRIS

BANGLADESH

Condannate a morte 16 persone per l'omicidio di Rafi

La 19enne venne arsa viva dopo aver denunciato per molestie sessuali il suo preside

MILENA CASTIGLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Una manifestazione di protesta per la morte di Nusrat Jahan Rafi a Dacca, la capitale del Bangladesh
Una manifestazione di protesta per la morte di Nusrat Jahan Rafi a Dacca, la capitale del Bangladesh
U

n tribunale del Bangladesh ha condannato a morte 16 persone per l'omicidio, avvenuto il 6 aprile scorso, di Nusrat Jahan Rafi, studentessa di 19 anni bruciata viva il 6 aprile, alcuni giorni dopo aver denunciato per molestie sessuali il preside della scuola coranica che frequentava, a Feni, nel sud-est del paese. Tra gli accusati c’è lo stesso preside, Siraj Ud Doula, che ha confessato di avere organizzato l’omicidio di Rafi dal carcere, dove si trova fin dalla denuncia della ragazza, dopo che lei si era rifiutata di ritirare le accuse nei suoi confronti. Lo riporta la bbc online. Tra gli accusati ci sono anche diversi studenti della scuola coranica e due politici locali, membri del partito di governo, la Lega Popolare Bengalese, e tra gli amministratori della scuola. L’accusa aveva chiesto la pena di morte per tutti gli imputati. I due politici e altri due imputati avevano negato le accuse, mentre gli altri avevano confessato. Nelle scorse ore, la sentenza capitale.


La denuncia e la morte

Come ricostruisce il Post.it, la tragedia è iniziata lo scorso 27 marzo quando Rafi era andata dalla polizia insieme ad alcuni familiari per raccontare che il preside della scuola l’aveva invitata nel suo ufficio, dove l’aveva ripetutamente toccata in modo inappropriato fino a che lei era scappata. Il poliziotto che aveva scritto la deposizione l’aveva filmata illegalmente, poi aveva diffuso il video su internet, reato per cui ora è formalmente accusato. Dopo l’arresto del preside, in seguito alla denuncia, alcune persone avevano preso le parti del preside, Siraj Ud Doula, organizzando una manifestazione per chiedere il suo rilascio. Il 6 aprile Rafi era andata a scuola per partecipare agli esami finali: secondo il racconto che lei stessa ha fatto prima di morire, è stata portata sul tetto dall’edificio, dove un gruppo di persone che indossavano dei burka le aveva gettato del cherosene addosso e le aveva dato fuoco, cercando di farlo sembrare un suicidio. Dopo essere stata soccorsa, Rafi era sopravvissuta per qualche giorno, fino al 10 aprile, ma poi era morta a causa delle ferite riportate: era ustionata sull’80 per cento del corpo.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
REGNO UNITO

La regina firma l'accordo sulla Brexit: da oggi è legge

Si è concluso l'iter di ratifica parlamentare a Westmister a tre anni e 7 mesi dal referendum
Un turista cinese indossa la mascherina assieme alla figlia nell'aeroporto di Bangkok - Foto © Reuters
ALLARME EPIDEMIA

Virus cinese, un caso sospetto in Francia e 4 in Scozia

Annullati i festeggiamenti per il capodanno cinese anche a Pechino. I ricercatori: viene dai pipistrelli
LOCRI

Chiedevano il sussidio, ma avevano la Ferrari

Denunciate 237 "furbetti" del reddito di cittadinanza in Calabria. Dai detenuti agli imprenditori, chi sono coloro che...
CLIMA

La tempesta Gloria fa 7 morti in Spagna

Evacuate 1.500 persone nei Pirenei orientali. Allerta in Francia
Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella nell'incontro con il il presidente dello Stato d'Israele, Reuven Rivlin
VISITE DI STATO

Mattarella: Sull'antisemitismo mai abbassare la guardia

Il presidente della Repubblica ha incontrato Rivlin. Oggi atteso al Forum sull'antisemitismo e la Shoah
CORONAVIRUS

Ricciardi:"Gli inglesi mettano a disposizione il test di laboratorio"

Il direttore dell'Osservatorio Italiano sulla Salute spiega a Interris.it le misure dell'Oms per prevenire la pandemia
Passeggeri che indossano mascherina all'aeroporto di Hong Kong - Foto © Anthony Wallace per AFP; a destra: particelle del virus della Sars - Foto © NIAID
ALLERTA EPIDEMIA

Virus cinese, sono 25 le vittime. A Roma il primo aereo da Wuhan

Effettuati controlli all'aeroporto di Fiumicino. Si teme una nuova Sars
GERMANIA

Turingia, si ribalta scuolabus: morti due bimbi

Nella stessa giornata un altro incidente in Alta Baviera: diversi alunni feriti
L'aeroporto di Mitiga, a Tripoli
LIBIA

Haftar annuncia una no-fly zone su Tripoli: chiude l'aeroporto di Mitiga

L'uomo forte della Cirenaica ha dichiarato che verrà abbattuto qualsiasi aereo militare o civile che sorvolerà...
GEMELLI

Bassetti: "No a una sanità per i poveri e una per i ricchi"

All'inaugurazione dell'anno accademico dell'Università Cattolica, il presidente della Cei mette in guardia da...
INDAGINE DEL CENSIS

In Italia il 2031 sarà l'anno zero dei matrimoni

La diminuzione costante delle nozze raggiungerà tra 11 anni la data di "decadenza statistica"
Coltivazione di marijuana a Gioia Tauro
CATANIA E GIOIA TAURO

Doppio blitz contro lo spaccio: sequestrati 13 mln di dosi

Si è suicidato in carcere un esponente della 'ndrangheta della cosca Figliomeni di Siderno
ANAGRAFE

Nel nome del padre e della madre

Sempre più genitori decidono di dare al neonato il cognome di entrambi. Le norme in Italia e nel resto d'Europa
Ospedale Civico di Palermo
OSPEDALE CIVICO E ASP | PALERMO

Truffa al servizio sanitario: primario ai domiciliari, 15 indagati

Dichiarato l’uso di dispositivi medici in numero notevolmente superiore rispetto a quello realmente usato