LUNEDÌ 07 NOVEMBRE 2016, 000:05, IN TERRIS

Colpi di mortaio su un asilo nei pressi di Damasco: strage di bambini

La scuola è nella zona di Harasta controllata dai ribelli. Assad: "Nessuna soluzione politica con i fanatici religiosi"

REDAZIONE
Colpi di mortaio su un asilo nei pressi di Damasco: strage di bambini
Colpi di mortaio su un asilo nei pressi di Damasco: strage di bambini
Non si ferma l'inutile strage in Siria e pagare il prezzo più alto sono ancora una volta gli indifesi. Almeno sei bambini sono rimasti uccisi e altri 17 feriti, alcuni in modo molto grave, in seguito a un bombardamento che ha colpito una scuola materna nell'area di Harasta, alle porte di Damasco, controllata dai ribelli. Secondo quanto riferisce l'Osservatorio nazionale per i diritti umani, colpi di mortaio sono stati sparati dalle forze fedeli al regime siriano mentre i bambini stavano giocando nel cortile della scuola. Il gruppo di controllo con sede nel Regno Unito ha detto che il bilancio delle vittime potrebbe aumentare proprio a causa dell'elevato numero di bambini feriti.
Harasta è una delle principali aree controllate dai ribelli vicino a Damasco. Si tratta di una zona adiacente alla strada internazionale che collega Damasco con la Siria centrale e settentrionale, nella regione della Ghuta orientale, dove da anni gli insorti sono asserragliati. L'Ondus segnala anche raid aerei governativi compiuti sulla stessa Ghuta orientale in particolare contro il villaggio di al-Maidaani e nelle vicinanze di al-Zuraifiya. I bombardamenti, ripresi dopo la beve tregua umanitaria, hanno causato almeno un morto e diversi feriti. Secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani, il bilancio dei morti nelle ultime 24 ore a sud e nordovest di Aleppo è salito a diciassette persone. Di queste, quattro sono bambini e due donne. Le vittime sono state registrate nei bombardamenti contro Allirmon, al-Atareb, Ebien, Darat Azza e Kafrnaha, alla periferia di Aleppo.
Intanto in un'intervista rilasciata al britannico Sunday Times, il presidente siriano Bashar al-Assad ha detto di considerare quello che sta accadendo nel suo Paese “qualcosa tra la guerra fredda e la terza mondiale". Secondo il leader siriano trovare una soluzione politica alla crisi non è realistico perché sono coinvolti “fanatici religiosi”. Inoltre, il processo di negoziazione è ostacolato dall'intervento nella crisi di diversi Paesi: "Non è realistico parlare di decisione politica, quando l'altra parte è sotto il controllo dell'Arabia Saudita, Turchia, Regno Unito, USA e Francia. La radice del problema è che questi Paesi intervengono - sostiene Assad - Quando smetteranno di farlo, i terroristi si affaticheranno e fuggiranno via, oppure verranno sconfitti. Allora noi, i siriani, potremo sederci al tavolo delle trattative per discutere le possibili soluzioni al conflitto".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'esultanza del Milan al termine del match contro il Bologna
CALCIO | SERIE A

Frenano Roma e Napoli, sorride il Milan

Giallorossi e partenopei fermati sullo 0-0 da Chievo e Fiorentina. Primo successo per Gattuso, ok Udinese e Sassuolo
Monsignor Antonio Riboldi
NAPOLI

Addio a monsignor Riboldi, protagonista della lotta alla camorra

Il vescovo emerito di Acerra (Napoli) si è spento all'età di 94 anni
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella
MATTARELLA

"Il rispetto dei diritti umani è il pilastro di una società giusta"

Il messaggio del presidente della Repubblica in occasione della Giornata mondiale per i diritti umani
Il Duomo di Milano
CONCERTO DI NATALE

Arie sacre in Duomo di Milano

In scaletta le più belle "Ave Maria" del reportorio classico
La Stazione spaziale internazionale
MICRORGANISMI IN ORBITA

Trovati batteri terrestri all'interno della Stazione Spaziale

Sono stati portati in orbita dagli astronauti
il vescovo di Mazara del Vallo, monsignor Domenico Mogavero

Il senso d'umanità

In seguito alla decisione del Tribunale di sorveglianza di Roma che ha respinto la sua richiesta di sospensione della...