LUNEDÌ 10 DICEMBRE 2018, 15:42, IN TERRIS


SVEZIA

Colloqui Yemen: verso una tregua a Hudaydah?

Clima positivo durante i negoziati. Si lavora per un cessate il fuoco nel porto assediato

ALBERTO TUNO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Un miliziano houti a Hudaydah
Un miliziano houti a Hudaydah
S

i starebbe discutendo anche di una tregua nel porto di Hudaydah, sul Mar Rosso, durante i colloqui inter-yemeniti in corso in Svezia e mediati dall'Onu tra ribelli Houthi e forze lealiste sostenute dall'Arabia Saudita. Lo riferiscono fonti vicine ai negoziati citate sia dalla tv libanese al Mayadin, vicina all'Iran e agli insorti, sia dalla tv al Arabiya, finanziata invece dai sauditi.


Sotto assedio

Le fonti riportano che nel quinto giorno di negoziati, che proseguiranno fino a giovedì, il clima è "costruttivo" e le parti sono impegnate "seriamente" nel cercare dei compromessi. Stamani l'inviato dell'Onu, Martin Griffiths, ha presentato una proposta per raggiungere la tregua a Hudaydah, in mano agli Houthi e assediata dalle forze lealiste. Un altro aspetto oggi sul tavolo dei negoziati è la città meridionale di Taiz, controllata dai lealisti ma sotto attacco dagli insorti.


La guerra

In tre mesi, tra agosto e ottobre scorsi, la guerra nello Yemen ha fatto 1500 vittime civili. Ciò, secondo l'Onu, significa, 123 morti o feriti alla settimana. Il 33% erano donne e bambini, di cui 217 morti e 268 feriti. Inoltre, l'Onu sottolinea come nello Yemen, al momento, non ci sia nessun luogo sicuro considerato che ci sono state vittime di attacchi sia in ospedale che nelle case. L'Onu sottolinea che nel Paese "ogni giornata di conflitto infligge nuove sofferenze a una popolazione già piagata". Le città più bersagliate sono state, in questo periodo, Saada e Hudaydaa. Secondo i dati delle Nazioni Unite dall'inizio della guerra in Yemen sono state 65 mila le vittime tra morti e feriti, di cui 16 mila i morti tra i civili. Dopo quasi quattro anni di conflitto il Paese mostra la più grave crisi umanitaria del mondo, con 22 milioni di persone (circa il 75% della popolazione) bisognose di assistenza e protezione. Inoltre, 2,3 milioni di yemeniti sono stati costretti ad abbandonare la loro terra per migrare all'interno del Paese.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Sea Watch
MIGRANTI

Il comandante della Sea Watch ai pm: "Rifarei tutto"

Arturo Centore, interrogato alla Procura di Agrigento, si sarebbe assunto la piena responsabilità di quanto accaduto
Migranti
GOVERNO

Sicurezza bis, via il riferimento al soccorso dei migranti

Nuova bozza che punta a risolvere le criticità palesate dal Colle. Il Viminale: "Ora l'approvazione"
Manifesto con il volto di Stefano Cucchi
IL PROCESSO

Cucchi, Arma e Difesa chiedono di essere parte civile

Il gip Antonella Minunni si è riservata di decidere. Ilaria Cucchi: "Una cosa senza precedenti"
Van der Bellen e Kurz
AUSTRIA

Governo: c'è l'ok di Van der Bellen ai tecnici

Nelle prossime ore Kurz dovrebbe presentare la lista dei nuovi ministri
Incendio doloso alla sede della municipale di Mirandola (MO)
MIRANDOLA

Rogo nella sede dei vigili: due morti. Arrestato un uomo

Le fiamme di origine dolosa: fermato un nordafricano. Salvini: "Azzerare immigrazione clandestina"
Niki Lauda
F1

Lauda, il pilota che capiva la macchina

Un campione discreto, con l'orecchio assoluto per l'automobile