VENERDÌ 12 GIUGNO 2015, 001:01, IN TERRIS

CINA: CONDANNATO ALL'ERGASTOLO L'EX CAPO DELLA SICUREZZA

La "tigre" più grande del Paese ha fatto sapere che non ricorrerà in appello e sconterà la sua pena

AUTORE OSPITE
CINA: CONDANNATO ALL'ERGASTOLO L'EX CAPO DELLA SICUREZZA
CINA: CONDANNATO ALL'ERGASTOLO L'EX CAPO DELLA SICUREZZA
Continua la guerra di Jinping in Cina contro la corruzione, contro “le tigri (funzionari di alto rango) e le mosche (funzionari di rango inferiore)”. Questa volta a finire in manette è proprio una “tigre”, anche piuttosto grande: Zhou Yongkang, ex capo dei servizi di sicurezza interni del Paese ed ex membro del più potente organo di governo del Partito Comunista, il Comitato permanente, è stato condannato all’ergastolo. L’accusa è quella di corruzione, rivelazione di segreti di stato e abuso di potere, e l’agenzia di stampa Xinhua che ne ha dato la notizia, ha riferito che l’imputato non ricorrerà in appello.

Zhou è il funzionario di più alto rango mai condannato dai tempi della purghe di Mao Zedong, e il più potente di sempre a essere condannato per corruzione. Fino al 2012, anno del suo ritiro dalla politica, era uno degli uomini più temuti di tutta la Cina, secondo solo al presidente, e la sua influenza sui servizi di sicurezza e sul settore del petrolio, dove ha ricoperto incarichi di alto livello, fino a diventare capo della gigantesca China National Petroleum Corporation, ne facevano un intoccabile a Pechino.

Dall’inizio della campagna del presidente Xi Jinping nel 2013, si stima che sono 250mila le persone indagate e processate, ci sono stati episodi celebri, ma nessuno del livello di Yongkang. Poco dopo l’annuncio della condanna, le immagini del processo sono state trasmesse su Cctv, la televisione di stato cinese. Nel video ha letto un comunicato in cui ammetteva i suoi gravi “crimini” e chiedeva perdono “per il danno causato al Partito e al popolo”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il premier italiano, Paolo Gentiloni
MIGRANTI

Gentiloni: "Le quote obbligatorie sono il minimo sindacale”

Il Premier al termine del V4: "Serve più impegno da parte della Ue"
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
polizia somala
SOMALIA

Sangue a Mogadiscio: attentato in una scuola di polizia

Un uomo del gruppo al-Shabaab si è fatto saltare in aria: almeno 17 morti
La navetta Soyuz
MISSIONE VITA

Rientrata la Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

La navetta è atterrata nella steppa del Kazakistan dopo 139 giorni nello spazio
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...