GIOVEDÌ 14 MARZO 2019, 002:59, IN TERRIS

Cina: occasione o rischio?

La Via della Seta e le reali mire cinesi nel nostro Paese

GIANNICOLA SALDUTTI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Italia e Cina
Italia e Cina
L'

Italia si affaccia al mondo multipolare e lo fa dalla porta principale, tramite quella Via della Seta che dovrebbe collegare le ambizioni della Cina a quelle del continente europeo. Su Roma, infatti, pende l’asse dell’assetto geopolitico futuro: Pechino necessita di uno sbocco sul Mediterraneo per poter fornire un terminale idoneo ad un viatico costellato di progetti infrastrutturali di portata mondiale. Da Pechino fino all’Africa e all’Europa mediterranea, sia via terra che via mare, l’iniziativa varata da Xi Jinping nel 2013 sta coinvolgendo nel progetto tantissimi Paesi interessati al transito delle merci cinesi sul proprio territorio attraverso il finanziamento diretto di opere che potrebbero effettivamente ampliare il volume d’affari di diversi snodi commerciali sia in Asia centrale che in Europa. La partita, inutile dirlo, si sposta sul piano geopolitico, dal momento che la Cina sta penetrando con sempre più aggressività nelle sfere di influenza tradizionalmente di marca euroatlantica: già a più riprese funzionari della Casa Bianca e dell’Unione europea hanno espresso un nemmeno tanto velato disappunto riguardo una possibile partecipazione italiana al progetto.

Recentemente anche il politologo statunitense Edward Luttwak ha parlato di “alto costo politico e diplomatico” pagato da Roma, capace di alterare pesantemente gli equilibri con Usa, Gran Bretagna, India e Giappone. Da contraltare, le dichiarazioni dell’ambasciatore cinese Li Ruiyu, che è entrato nello specifico anticipando l’interesse concreto di Pechino e delle sue aziende per i porti italiani di Trieste, Genova e Venezia. La rotta balcanica, infatti, risulta essere quella prioritaria per il Celeste Impero, presente ormai in maniera capillare negli scambi del bacino dell’Egeo, nonché seriamente intenzionato ad investire nei Paesi ex-jugoslavi. Non a caso, i porti di Trieste e Venezia sono stati valutati come “complementari” e non alternativi al Pireo di Atene, con il nord Italia protagonista dei processi di sdoganamento delle merci in qualità di terminale europeo. Al momento, la Belt and Road Initiative (Bri) cinese ha portato allo sviluppo di circa 900 nuove infrastrutture in 60 Paesi coinvolti, creando una cinghia di collegamento eurasiatica in grado potenzialmente di avere un impatto fortissimo sulle dinamiche commerciali del Pianeta.

L’Occidente, infatti, dopo le accese discussioni che hanno fortemente ridimensionato i progetti di marca nordamericana Ttip e Ceta, guarda con riluttanza la presa di posizione del governo gialloverde, sempre più vicino a posizioni troppo “eterodosse” per le cerchie atlantiche in materia di politica estera. La Cina coglie la palla al balzo per proiettare le sue aspirazioni sul Mediterraneo. Ma cosa spinge Pechino a virare su degli investimenti diretti sul suolo europeo? Le recenti schermaglie commerciali con Washington hanno contribuito a “svegliare” il Dragone: 22 miliardi di investimenti nel continente europeo solo nel 2018, il 54% dei quali nel settore dei trasporti e della logistica, con Gran Bretagna, Svezia e Francia a guidare la classifica dei Paesi più investiti dalla pioggia di yuan cinesi, seguiti da Italia e Germania. La sfida di Pechino in Europa consiste nel variare e nell’alzare il livello qualitativo dei suoi investimenti, cercando risposte alle nuove domande che stanno emergendo nel Celeste Impero, con una società lavoratrice in evidente trasformazione, pronta ad entrare in una fase di post-sviluppo.

Nella guerra commerciale sino-americana, l’Italia diviene tassello decisivo per la definizione di un equilibrio globale; d’altro canto Roma intende rivalutare le proprie ambizioni puntando forte su una rinnovata difesa dell’interesse nazionale attraverso una posizione di apertura verso diversi poli di potere alternativi. A che prezzo? Al netto del disappunto americano, il pericolo rilevato riguarda la straordinaria capacità di penetrazione dimostrata da Pechino nell’infiltrarsi nei destini economici dei Paesi che avvicina. L’esperienza di diversi Stati africani ne è la prova, considerando anche quanto la presenza di Pechino si faccia sempre più insistente ad Atene e Belgrado. Sembra proprio che la Cina abbia una speciale predilezione per i Paesi fortemente indebitati. A buon intenditor…

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Biglia di Marco Pantani

Marco Pantani il campione

D  opo quindici anni di oblio, ecco che ritorna alle cronache una delle storie più cupe dello sport...
Basket
BASKET

Denuncia di una mamma: "Razzismo verso mio figlio"

Il 13enne sarebbe stato insultato dai genitori di una squadra avversaria a Milano
Pasta con le alici
LA RICETTA DEL WEEKEND

Pasta con le alici alla palermitana: estate batti un colpo

Sarà una ricetta siciliana a proiettarci, finalmente, verso la bella stagione?
Migranti in Italia

Scontro Onu-Viminale sui migranti

L'Organizzazione contro il Dl sicurezza: "Viola i diritti umani" Secca replica del Ministero dell'Interno
Fake news

Se ad alimentare la democrazia sono le fake

Un'indagine del quotidiano il Sole 24 ore, affronta il tema mai indagato dai media, del numero fasullo dei seguaci...
L'ultima cena (Andrea del Castagno)

Il punto di contatto fra umano e divino

Cosa ci dice Gesù nel Vangelo della quinta domenica di Pasqua