SABATO 09 MAGGIO 2015, 12:17, IN TERRIS

CICLONE CAMERON, I CONSERVATORI STRAVINCONO LE ELEZIONI IN GRAN BRETAGNA

Il partito centra la maggioranza assoluta. Si dimettono Miliband (laburisti), Clegg (Libdem) e Farage (Ukip)

MILENA CASTIGLI
CICLONE CAMERON, I CONSERVATORI STRAVINCONO LE ELEZIONI IN GRAN BRETAGNA
CICLONE CAMERON, I CONSERVATORI STRAVINCONO LE ELEZIONI IN GRAN BRETAGNA
Dopo il tanto atteso fiocco rosa del nuovo royal baby, i britannici hanno un’altra certezza: il nuovo governo sarà dei conservatori. Il leader del partito, David Cameron, ha infatti fatto “strike” alle ultime elezione del 7 maggio scorso, guadagnando 331 seggi, 5 in più rispetto a quelli necessari e ben 28 in più rispetto al 2010. Una vittoria assoluta che neppure i vertici del suo schieramento di aspettavano. Il Premier, tenendo fede alla promessa di stabilità che lo ha premiato alle urne, ha già riconfermato quattro membri del precedente governo: George Osborne all'economia, Theresa May agli interni, Michael Fallon alla difesa e Philip Hammond agli esteri.

Nel breve discorso pronunciato a Downing Street dopo aver ricevuto dalla regina Elisabetta l'incarico di formare il nuovo governo, Cameron ha confermato l'intenzione di voler indire un referendum sulla permanenza del Regno Unito nell’Unione. “Faremo il referendum sul nostro futuro in Europa", ha detto. Commentando la vittoria elettorale, Cameron ha poi aggiunto: “Il governo che ho guidato finora ha fatto un buon lavoro e gettato le basi per un futuro migliore: ora bisogna costruire sulle fondamenta”.

Ottimi anche i risultati raggiunti dallo Scottish National Party di Nicola Sturgeon che ha guadagnato 56 sui 59 seggi scozzesi, superando anche qui ogni più rosea aspettativa. E poi ci sono i perdenti, a cominciare da Ed Miliband, il cui partito è andato male e ha ottenuto solo 232 seggi, perdendo per strada membri importanti come Ed Balls, cancelliere ombra, e Jim Murphy, leader dell'ormai esanime Labour scozzese. E Nick Clegg, che con gli 8 seggi LibDem ha registrato una calo devastante del 60% rispetto al voto del 2010, uscendo malconcio da un'esperienza di governo in cui gli elettori non gli hanno riconosciuto di aver fatto la differenza sull'aumento delle tasse universitarie. Infine, il terzo perdente della giornata è stato Nigel Farage, il cui partito anti-europeista Ukip si è posizionato terzo su scala nazionale con il 12,6% dei voti anche se ha ottenuto soltanto un seggio. Tutti e tre i leader politici si sono dimessi. “Avevo detto che se non avessi vinto mi sarei dimesso”, ha dichiarato Farage e mantenendo fede alla parola data, ha nominando Suzanne Evans come nuova “leader temporanea”. Per adesso, Cameron può dormire sonni tranquilli: la Gran Bretagna ha scelto il suo Premier senza incertezze.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Serie A, 17ma giornata
CALCIO | SERIE A

L'Inter cade con l'Udinese, Napoli solo in vetta

Gli azzurri vincono 3-1 in trasferta. I nerazzurri cadono a San Siro, primo ko di Spalletti
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau
Paolo Gentiloni e Maria Elena Boschi in una foto d'archivio
BRUXELLES

Gentiloni difende il ministro Boschi

Il premier: "Ha chiarito, sarà candidata Pd"
Rahul Gandhi
INDIA

Rahul Gandhi è il leader del Partito del Congresso

Nipote di Indira, succede alla madre, l'italo-indiana Sonia