SABATO 16 MAGGIO 2015, 001:01, IN TERRIS

SCAMPATA ALLA STRAGE DI CHARLIE HEBDO, ORA RISCHIA IL LICENZIAMENTO

Zineb El Rahzoui, giornalista del settimanale satirico potrebbe perdere il posto a causa del malessere che sta vivendo la redazione dopo gli attacchi di gennaio

AUTORE OSPITE
SCAMPATA ALLA STRAGE DI CHARLIE HEBDO, ORA RISCHIA IL LICENZIAMENTO
SCAMPATA ALLA STRAGE DI CHARLIE HEBDO, ORA RISCHIA IL LICENZIAMENTO
Zineb El Rahzoui, una delle firme di Charlie Hebdo –nonché volto della lotta all’integralismo islamico – potrebbe essere messa alla porta dal settimanale satirico. Questa sembra essere l’ennesima prova del malessere che sta vivendo la redazione dopo gli attacchi di gennaio, malgrado l’ondata di solidarietà che l’ha investita in seguito, morale ma anche finanziaria, per le donazioni e il boom delle vendite.

El Rahzoui è una sociologa e giornalista franco-marocchina. Nel suo paese d’origine è stata una coraggiosa oppositrice al regime. È stata assunta dal settimanale satirico nel 2011, quando iniziò a seguire le primavere arabe, con diversi reportage. Ha scritto anche il soggetto di “La vita di Maometto”, pubblicazione di successo di Charb, il direttore massacrato dai fratelli Kouachi. È soprattutto per questo motivo che la El Rahzoui è entrata nel mirino degli integralisti, costretta a vivere sotto scorta. Ebbene, nei giorni scorsi ha ricevuto una convocazione da parte della direzione in vista del suo licenziamento “per grave errore professionale”.

La donna non ha perso tempo e ha annunciato la novità ai media francesi. Il problema è che non si capisce cosa sia questo “errore”. La direzione di Charlie Hebdo non ha voluto commentare parlando di una “procedura interna”. “Sono sotto schock perché questa direzione ha beneficiato di un tale sostegno dopo gli attentati di gennaio – ha continuato la El Rahzoui – e dà prova di così poco sostegno nei confronti di una sua dipendente, che è sotto pressione come il resto della squadra”.

La donna fa parte di una lunga lista di dipendenti che avevano firmato una petizione pubblicata da Le Monde a fine marzo, dove si chiedeva di "rifondare" Charlie Hebdo e si contestava l’utilizzo della manna finanziaria (oltre 15 milioni di euro) ricevuta dal settimanale sotto forma di donazioni o di boom di vendite dopo gli attentati. "I nostri azionisti ritengono che quel denaro appartenga a loro. Molti tra di noi, invece, pensano che il loro utilizzo debba essere deciso in maniera democratica", ha dichiarato qualche giorno fa a La Stampa Patrick Pelloux, medico urgentista e altra firma di Charlie Hebdo, che ha sottoscritto la petizione.

 Lo stesso Luz, uno dei disegnatori più conosciuti di Charlie, autore della copertina pubblicata subito dopo il massacro, fa parte dei "frondisti" e ha da poco annunciato che non farà più caricature su Maometto. Nel mirino delle polemiche ci sono l’attuale direttore, succeduto a Charb, il disegnatore Riss, che ha il 40% del capitale, e il direttore finanziario Éric Portheault, che detiene il 20%. Il restante 40% è nelle mani dei familiari di Charb, ancora estremamente scossi per la sua scomparsa.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
Il Papa con alcuni migranti
CONVEGNO

Chiese unite contro la xenofobia

Da domani vertice ecumenico in Vaticano