MERCOLEDÌ 20 LUGLIO 2016, 11:23, IN TERRIS

CASO REGENI, L'EGITTO: "INCOSTITUZIONALI LE RICHIESTE ITALIANE"

No della commissione trilaterale alla condivisione dei materiali dell'inchiesta con Roma

EDITH DRISCOLL
CASO REGENI, L'EGITTO:
CASO REGENI, L'EGITTO: "INCOSTITUZIONALI LE RICHIESTE ITALIANE"
Nuovo "no" della commissione parlamentare trilaterale egiziana sul caso Regeni a condividere una parte dei materiali dell'inchiesta con gli inquirenti italiani. Lo ha detto all'Ansa il deputato Tarek al Kholi, segretario della commissione Esteri della Camera egiziana, perché le richieste italiane sono "incostituzionali" secondo la legislazione egiziana. Si tratta dell'invio dei tabulati telefonici, dell'estradizione di tre persone in relazione al caso e dell'acquisizione delle immagini di alcune telecamere a circuito chiuso.

In un comunicato il deputato ha riferito "della riunione della Commissione parlamentare trilaterale egiziana (Esteri, Difesa e Diritti umani) con i rappresentanti del ministero dell'Interno, della Giustizia e della sicurezza nazionale", dove si "è fatto il punto sulle inchieste riguardanti l'omicidio del giovane italiano Regeni".

Al Kholi ha indicato che "i rappresentanti dei due ministeri hanno informato le tre Commissioni del loro rapporto con gli investigatori italiani e della loro piena collaborazione con la parte italiana", aggiungendo che "la riunione odierna ha svelato quelle che sono le vere richieste italiane: i tabulati telefonici, l'estradizione di tre persone e l'acquisizione delle immagini di alcune telecamere a circuito chiuso". Kholi ha poi precisato che "le tre commissioni hanno confermato il rifiuto delle autorità egiziane a rispondere alle domande italiane, in quanto ciò è vietato dalla Costituzione", aggiungendo che le "commissioni hanno già steso un rapporto definitivo e dettagliato che sarà presentato al presidente del Parlamento Ali Abdel Al".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Medico in corsia (repertorio)
SCIOPERO DEI MEDICI

A rischio 40 mila interventi chirurgici

Incrociano le braccia in 134 mila. Lorenzin: "Sono al loro fianco"
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...
prostitute
PROSTITUZIONE

Cisl Campania contro la tratta

Una conferenza a Napoli per promuovere strumenti di contrasto al fenomeno
L'esultanza dei Granata
CALCIO | SERIE A

Lazio, Immobile-rosso: il Toro espugna l'Olimpico

I granata vincono 3-1 a Roma ma è furia biancoceleste per l'espulsione dell'attaccante
VAPRIO D'ADDA

Uccise ladro in casa: archiviata l'accusa di omicidio

Riconosciuta la legittima difesa a Francesco Sicignano: colpì a morte un giovane albanese nel 2015
Luigi Di Maio
FESTIVITÀ

Negozi chiusi a Natale,
Di Maio: "Famiglie più felici"

Il candidato premier torna sulla proposta di legge di Dell'Orco: "Tutti hanno diritto al riposo"