VENERDÌ 02 SETTEMBRE 2016, 10:14, IN TERRIS

CARACAS, SCONTRI DURANTE LA MANIFESTAZIONE DI PIAZZA: 20 ARRESTI

Fermati, dopo il corteo, anche alcuni politici dell'opposizione per dei controlli

EDITH DRISCOLL
CARACAS, SCONTRI DURANTE LA MANIFESTAZIONE DI PIAZZA: 20 ARRESTI
CARACAS, SCONTRI DURANTE LA MANIFESTAZIONE DI PIAZZA: 20 ARRESTI
Almeno 20 persone sono state arrestate oggi a Caracas, capitale del Venezuela, dopo che gruppi di incappucciati si sono scontrati con le forze dell'ordine mentre si disperdevano i partecipanti alla grande manifestazione di piazza organizzata dalla opposizione a favore del referendum contro il presidente Nicolas Maduro. Ribattezzata la "Presa di Caracas", alla manifestazione hanno partecipato centinaia di migliaia di persone; oltre un milione i manifestanti secondo le stime - non confermate dal governo - degli organizzatori. Anche se la manifestazione è stata per lo più pacifica, la polizia - che ha in parte aveva ostacolato il percorso del corteo - ha poi disposto l’arresto anche di alcuni politici di opposizione per non meglio precisati controlli.

I partiti di opposizione chiedono l'allontanamento di Maduro e nuove elezioni presidenziali. Il presidente è accusato di essere responsabile della profonda crisi economica che sta attanagliando il paese, dove molti beni primari - medicinali compresi - sono praticamente introvabili da mesi. Il governo ha tagliato la fornitura di elettricità e le città soffrono continui blackout e funzionano solo poche ore al giorno. Inoltre, a causa della povertà diffusa, è tornata a diffondersi la malaria, non solo nelle zone rurali e dalle miniere - da dove è endemica - ma anche nelle città.

Sempre per le strade di Caracas, migliaia di persone hanno partecipato a una manifestazione a sostegno di Maduro, per contrastare quella delle opposizioni, accusate dallo stesso presidente di volere organizzare “un colpo di stato” per strappargli la presidenza. Maduro ha accusato i manifestanti contro di lui di avere fallito l’obiettivo di portare più di un milione di persone in piazza: “La nazione ha trionfato. Ci volevano intimidire, ma il popolo è qui. Abbiamo sconfitto un tentato golpe che avrebbe portato violenza e morte a Caracas e nel resto del Venezuela”, ha detto l'ex sindacalista.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Maria Elena Boschi
BANCA ETRURIA

Boschi: "Mai mentito al Parlamento"

Presidente della Consob: "Parlai della questione con lei"
Le
F1

Niente più "ombrelline" sulla griglia di partenza

Chase Carey: "Una giusta decisione per il futuro dello sport è necessaria"
Il premier italiano, Paolo Gentiloni
MIGRANTI

Gentiloni: "Le quote obbligatorie sono il minimo sindacale”

Il Premier al termine del V4: "Serve più impegno da parte della Ue"
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Dan Johnson
KENTUCKY

Si suicida deputato accusato di stupro

Il repubblicano Dan Johnson era nell'occhio del ciclone per un presunto caso di violenza sessuale
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"