VENERDÌ 23 MARZO 2018, 23:14, IN TERRIS

DATAGATE

Cambridge Analytica, ok a perquisizioni in sede

Autorizzato il controllo dei server. Il Senato Usa convoca Zuckerberg ed Elon Musk cancella le pagine di Tesla e Space X

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
La sede di Cambridge Analytica a Londra
La sede di Cambridge Analytica a Londra
E'

arrivato l'ok da parte del giudice Leonard alla perquisizione della sede londinese di Cambridge Analytica, la società coinvolta nello scandalo datagate in quanto sospettata di aver utilizzato i dati dei profili di ben 50 milioni di utenti del social network Facebook, i quali sarebbero stati sottratti per scopi di propaganda volta all'influenza dei voti sulla Brexit e per la campagna elettorale di Donald Trump. Il magistrato britannico ha dunque concesso il via libera all'authority britannica per la protezione dei dati personali a effettuare controlli sui server e negli archivi della società di consulenza politica. Un provvedimento atteso già nei giorni scorsi, quando l'eco mediatica dello scandalo aveva assunto proporzioni notevoli, spingendo il capo della sicurezza di Facebook, Alex Stamos, alle dimissioni e il Ceo dell'azienda, Mark Zuckerberg, a intervenire per spiegare quanto accaduto.


Musk boicotta Facebook

Mentre Cambridge analytica nega ogni irregolarità, come del resto anche Facebook, dicendosi pronta a consegnare il materiale richiesto annunciando una "piena collaborazione" con le autorità, il Senato Usa ha convocato con invito formale il fondatore del social a testimoniare in aula: "Su base bipartisan, riteniamo necessaria la testimonianza del signor Zuckerberg per capire meglio come la società stia pensando di riguadagnare la fiducia persa, mettere al sicuro i dati degli utenti e smetterla con risposte blande a una gamma di problemi", come scritto dal repubblicano John Thune presidente della commissione. Nel frattempo, la piattaforma è stata oggetto di un nuovo duro colpo, portato dal numero uno di Tesla, Elon Musk, il quale ha seguito il consiglio dell'hashtag "whatsappiano" #deleteFacebook rendendo inaccessibile il profilo della società e anche quello di Space X della quale, così come per Tesla, ricopre l'incarico di amministratore delegato.


Il ruolo nella Brexit

Intanto, mentre Musk boicotta Facebook, una ex dirigente di C.A., Brittany Kaiser, rivela al 'Guardian' in che modo la società abbia svolto il suo ruolo nell'influenza dei voti per la Brexit, raccontando di alcuni incontri svolti con i rappresentanti di Leave.eu (fra le piattaforme che animarono la campagna in tempo di referendum) per un progetto di analisi sui dati dell'Ukip, il partito di Farage, principale promotore della piattaforma. Secondo il quotidiano britannico, quanto raccontato da Kaiser andrebbe a cozzare con quanto affermato da Nix durante un'audizione parlamentare, nella quale aveva specificato di non aver "mai lavorato con Leave.eu".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Sagra paesana
TORINO

Sgominata banda dell'ammoniaca: 5 arresti

Rubavano nelle abitazioni usando uno spray per neutralizzare gli animali di guardia
La casa il giorno del rogo
FERMO

Bimba morta nel rogo in casa: madre fermata per omicidio

La donna avrebbe ucciso la figlia maggiore e abbandonato il corpo tra le fiamme per coprire le prove
Il nuovo leader dell'Isis
TERRORISMO

L'Isis annuncia il nuovo leader: è il "Califfo" Abu Ibrahim

Guidò la persecuzione sulla minoranza yazidi in Iraq. Su di lui una taglia da 5 milioni di dollari
L'epicentro del sisma
PUGLIA

Terremoto 3.6 nel foggiano

Due scosse di lieve entità nella notte anche in provincia di Bologna
SBARCHI

A processo per la nave Gregoretti, la sfida di Salvini

Il leader leghista: "Sono il primo politico che chiede di essere processato"
WELFARE E ISTRUZIONE

Un'impresa su 3 è guidata da donne

E’ la fotografia delle aziende scattata dall’Osservatorio per l’imprenditorialità femminile di...
VIVERE IN CITTÀ

Se vivi a Roma 254 ore all'anno le passi nel traffico

La Global card scorecard di Inrix pubblica l'analisi dei trend della mobilità e della congestione urbana in 200...
SALUTE

Il virus misterioso che spaventa la Cina

Accertata la terza vittima, 140 i nuovi casi di contagio
Il Papa in visita alla sinagoga di Roma
MONITO PAPALE

“Condannare fermamente ogni forma di antisemitismo”

Il Papa al Centro Simon Wiesenthal: "La memoria dell’Olocausto per non annientare il futuro"
NEW ECONOMY

Smart&Start Italia: da oggi si possono inviare le domande

Al via la misura che sostiene la nascita e lo sviluppo di startup innovative. Cosa prevede la circolare ministeriale
RESTAURO

Gli ambulatori delle bambole antiche

Attraverso l'artigianato tornano in vita i ricordi: botteghe specializzate in tutta Italia
POLITICA

Il caso Gregoretti, oggi la decisione

Dal caso Gregoretti al taglio del cuneo fiscale, passando per le sardine in piazza: l'inizio della settimana politica
Un momento degli scontri a sud di Tripoli - Foto © Abdullah Doma per AFP
SCONTRI

Libia, fragile cessate il fuoco. L'Ue invita alla calma

Il vertice di Berlino non spegne le ostilità a sud di Tripoli
Brad Pitt e Jennifer Aniston ai SAG Awards 2020
HOLLYWOOD

Ai Sag "Parasite" fa la storia: vince come "straniero" e "miglior film"

Ma a fare davvero notizia è la reunion di Brad e Jennifer. Vincono anche Phoenix, Zellwegger e Dern