LUNEDÌ 03 DICEMBRE 2018, 18:07, IN TERRIS


STATI UNITI

Bush senior: omaggi, ricordi e la fedeltà di un Labrador

Merkel: "Aveva a cuore la Germania", Pechino: "Vecchio amico". Il cane veglia sulla bara

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Sully veglia sulla bara del suo padrone
Sully veglia sulla bara del suo padrone
P

roseguono gli omaggi dei leader mondiali nei confronti di George Bush senior, morto sabato scorso all'età di 94 anni


Gratitudine

Tra le personalità che parteciperanno alle esequie - in programma nella National Cathedral di Washington mercoledì 5 dicembre - anche Angela Merkel. Il ruolo svolto da Bush nell'ultima fase della Guerra Fredda, che culminò nell'abbattimento del muro di Berlino, secondo la cancelliera tedesca non può essere dimenticato. "Con il presidente Bush è morto un uomo che aveva a cuore la riunificazione della Germania - ha ricordato - e a cui dobbiamo la fine della Guerra Fredda". Nella sua lettera di condoglianze, la cancelliera parla della sua "grande ammirazione dinnanzi alla lunga e piena vita" di Bush senior, aggiungendo di provare "un profondo senso di gratitudine" per aver aiutato i tedeschi "a intraprendere la via verso la riunificazione".


"Vecchio amico"

Il governo cinese, da parte sua, ha mobilitato la stampa di Stato per celebrare il leader scomparso. Il China Daily, in un editoriale, definisce Bush come uno "statista di visione non solo per essere stato un co-fondatore del predominio degli Stati Uniti nell'era post-Guerra Fredda, ma anche per le sue acute osservazioni sulla Cina, che sono state la chiave per formare le politiche sulla Cina degli Stati Uniti negli anni Ottanta e oltre". Il grande merito dell'ex presidente Usa, conclude il quotidiano in lingua inglese, è che "sapeva che la Cina era diversa dall'Unione Sovietica e ha insistito perché Washington cooperasse essa". Per gli esperti sentiti dal giornale pubblicato dal Global Times Bush senior può essere considerato "un vecchio amico del popolo cinese" e uno dei presidenti Usa in assoluto più amichevoli nei confronti di Pechino.


Migliore amico

Fra tanti omaggi formali, l'immagine più commovente è, però, quella di Sully, il cane Labrador che ha vegliato sulla bara dell'ex presidente, suo padrone. "Mission complete", ha scritto il portavoce di Bush senior, Jim McGrath, twittando l'immagine. Il nome Sully era stato dato al Labrador dorato in onore del pilota Chesley Burnett Sullenberger, anche noto come "Sully" , che nel 2009 era riuscito a compiere un atterraggio sul fiume Hudson salvando la vita di 155 persone, tra passeggeri ed equipaggio. Il cucciolo era stato assegnato all'inizio del 2017 come cane da servizio all'ex presidente Bush, costretto a usare la sedia a rotelle.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Biglia di Marco Pantani

Marco Pantani il campione

D  opo quindici anni di oblio, ecco che ritorna alle cronache una delle storie più cupe dello sport...
Basket
BASKET

Denuncia di una mamma: "Razzismo verso mio figlio"

Il 13enne sarebbe stato insultato dai genitori di una squadra avversaria a Milano
Pasta con le alici
LA RICETTA DEL WEEKEND

Pasta con le alici alla palermitana: estate batti un colpo

Sarà una ricetta siciliana a proiettarci, finalmente, verso la bella stagione?
Migranti in Italia

Scontro Onu-Viminale sui migranti

L'Organizzazione contro il Dl sicurezza: "Viola i diritti umani" Secca replica del Ministero dell'Interno
Fake news

Se ad alimentare la democrazia sono le fake

Un'indagine del quotidiano il Sole 24 ore, affronta il tema mai indagato dai media, del numero fasullo dei seguaci...
L'ultima cena (Andrea del Castagno)

Il punto di contatto fra umano e divino

Cosa ci dice Gesù nel Vangelo della quinta domenica di Pasqua