MERCOLEDÌ 23 SETTEMBRE 2015, 17:31, IN TERRIS

BURKINA FASO: FINITO IL COLPO DI STATO, IL PRESIDENTE AD INTERIM PRESTA DI NUOVO GIURAMENTO

I golpisti e l'esercito regolare nella notte tra il 22 e il 23 settembre hanno raggiunto un'intesa per evitare scontri armati nella capitale Ouagadougou

AUTORE OSPITE
BURKINA FASO: FINITO IL COLPO DI STATO, IL PRESIDENTE AD INTERIM PRESTA DI NUOVO GIURAMENTO
BURKINA FASO: FINITO IL COLPO DI STATO, IL PRESIDENTE AD INTERIM PRESTA DI NUOVO GIURAMENTO
Il presidente ad interim del Burkina Faso, Michel Kafando, ha prestato nuovamente giuramento quest'oggi come capo dello Stato dopo essere stato deposto dagli uomini della guardia presidenziale dell'ex presidente Blaise Compaorè. Lo riferisce il sito web locale "Burkina24". Alla cerimonia hanno partecipato i leader della Comunità economica degli Stati dell'Africa occidentale (Ecowas) che ieri, in una riunione d'emergenza tenuta ad Abuja, hanno approvato la proposta di pace che ha chiuso la crisi iniziata la scorsa settimana. Presenti, in particolare, il presidente nigeriano Muhammadu Buhari, il senegalese Macky Sall, il beninese Thomas Boni Yayi e il togolese Faure Gnassingbe'.

Ciò è stato possibile solo grazie al raggiungimento di un accordo tra i golpisti e l'esercito regolare, che nella notte tra il 22 e il 23 settembre hanno raggiunto un'intesa per evitare scontri armati nella capitale Ouagadougou, mettendo così fine ad un colpo di stato iniziato sei giorni fa con l'arresto del governo provvisorio da parte della Guardia Presidenziale.

Non ha partecipato alla cerimonia di re-insediamento del governo di transizione il generale Gilbert Diendeè, l'ex capo di Stato Maggiore dell'esercito che ha guidato i golpisti nel rovesciamento delle autorità. Gli uomini del Reggimento di sicurezza presidenziale (Rsp), nel frattempo, hanno abbandonato la sede della televisione di Stato, pur mantenendo alcune posizioni nei dintorni del palazzo presidenziale. L'accordo firmato ieri con l'esercito prevede che i militari si mantengano per ora a 50 chilometri di distanza da Ouagadougou. L'intesa sancisce inoltre l'amnistia per i leader golpisti e lo slittamento delle elezioni presidenziali, inizialmente in programma l'11 ottobre prossimo, con l'inclusione tra i candidati degli esponenti politici vicini all'ex capo dello Stato.

L'accordo è arrivato dopo diverse ore di discussione tra i leader della Comunità economica degli Stati dell'Africa occidentale (Ecowas), riuniti d'urgenza ad Abuja per tutta la giornata di ieri, sulla proposta formulata lo scorso fine settimana da una squadra di mediatori tra cui il presidente senegalese Macky Sall e il beninense Thomas Boni Yayi.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"