GIOVEDÌ 18 FEBBRAIO 2016, 001:15, IN TERRIS

BREXIT, JUNCKER: "NON ABBIAMO UN PIANO B, ABBIAMO UN PIANO A. LA GRAN BRETAGNA RESTERA' NELL'UE"

Nelle giornate di giovedì e venerdì si terrà un vertice durante il quale Cameron dovrà strappare un accordo che gli permetta di vincere il referendum presso i suoi concittadini

REDAZIONE
BREXIT, JUNCKER:
BREXIT, JUNCKER: "NON ABBIAMO UN PIANO B, ABBIAMO UN PIANO A. LA GRAN BRETAGNA RESTERA' NELL'UE"
Si avvicina a grandi passi il momento in cui si dovrà discutere del futuro della Gran Bretagna e dalla sua possibile uscita dall'Unione. Per giovedì e venerdì è infatti previsto un vertice durante il quale il premier britannico David Cameron dovrà battersi per ottenere l'approvazione delle riforme negoziate e quindi di vincere poi il referendum presso i suoi concittadini.

Ma, come ha sottolineato il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz, "l'Unione Europea non è mai stata in una situazione così drammatica come questa settimana", a cui si aggiunge l'avvertimento del presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker: “Non abbiamo un piano B, abbiamo un piano A: la Gran Bretagna resterà nell’Unione”. Anche il presidente del Consiglio Europeo, Donald Tusk ha messo in guardia sulla delicatezza della situazione: "Il rischio di una rottura è reale, perché questo processo è molto fragile, da maneggiare con cura. Quel che è rotto non si può riparare”

Il piano di riforme negoziato da Cameron con le autorità europee, prevede di dare maggiori poteri ai parlamenti nazionali, che potranno bloccare una legislazione europea se superano il 55% dei voti. Più controversa la richiesta britannica di vietare una più stretta integrazione europea, alcuni stati temono che possa bloccare la futura costruzione europea. Anche la domanda di non danneggiare i paesi fuori dalla zona euro è considerata da alcuni come un diritto di interferenza concesso alla Gran Bretagna nell’evoluzione della zona euro.

Ma la riforma che più divide i 28 Paesi membri riguarda i sussidi sociali che vengono concessi ai cittadini europei che cercano lavoro in Gran Bretagna. Cameron ha infatti chiesto che questi finanziamenti vengano tagliati per 4 anni. Polonia, Ungheria, Repubblica ceca e Slovacchia si sono già dichiarati contrari a questa proposta.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni e Matteo Salvini
VERSO LE ELEZIONI

Centrodestra, i leader firmano il programma

Berlusconi, Salvini e Meloni sottoscrivono il documento a Palazzo Grazioli. L'ex premier: "Ampiamente condiviso"
Perris, la casa-prigione dei 13 ragazzi
IL CASO

California, i genitori aguzzini rischiano l'ergastolo

I due coniugi sono accusati di tortura. Rivelati dettagli inquietanti sulle condizioni di detenzione dei propri figli
Michele Gesualdi
FIRENZE

E' morto Michele Gesualdi, l'allievo di don Milani

Ex presidente della Provincia di Firenze, è stato un sostenitore della legge sul biotestamento. Aveva 74 anni
MILANO | INCIDENTE SUL LAVORO

Morto anche il quarto operaio intossicato

L'uomo, operaio della "Lamina", era ricoverato presso il "San Raffaele". Nella tragedia morto anche suo...
I danni causati dalla tempesta Friederike
MALTEMPO IN NORD EUROPA

Otto vittime
tra Olanda, Belgio
e Germania

Centinaia di migliaia di persone, dal Regno Unito alla Romania, sono senza elettricità
INFLUENZA

Mai così tanti casi dal 2004. A letto 4 milioni di italiani

La fascia di età più colpita dal virus influenzale è quella dei bambini al di sotto dei cinque anni