MARTEDÌ 30 AGOSTO 2016, 17:30, IN TERRIS

BRASILE, SCONTRI A SAN PAOLO TRA POLIZIA E MANIFESTANTI PRO ROUSSEFF

L'ultimo appello della presidente ai senatori prima del voto sull'impeachment

EDITH DRISCOLL
BRASILE, SCONTRI A SAN PAOLO TRA POLIZIA E MANIFESTANTI PRO ROUSSEFF
BRASILE, SCONTRI A SAN PAOLO TRA POLIZIA E MANIFESTANTI PRO ROUSSEFF
A San Paolo, città del Brasile, sono scoppiati dei tafferugli tra le forze dell'ordine e i manifestanti contro l'impeachment della presidente brasiliana, Dilma Rousseff. Il battaglione anti-sommossa della polizia militare carioca ha usato lacrimogeni e granate stordenti per disperdere la folla, che aveva costruito barricate improvvisate per bloccare l'Avenida Paulista. Da alcuni camion della polizia sono poi partiti getti d'acqua per respingere i dimostranti, che protestano anche contro il presidente ad interim, Michel Temer, ex vice presidente con Dilma e considerato dagli avversari di essere la mente del "colpo di stato camuffato".

“Votate contro l’impeachment, votate per la democrazia”, è stato l’ultimo appello lanciato dalla Presidente la cui sospensione dalle funzioni di Capo dello Stato dovrebbe diventare definitiva entro domani. Durante il lungo dibattito di ieri dinanzi agli 81 senatori che decideranno la sua sorte politica, Rousseff ha negato, ancora una volta, d’aver commesso alcun reato amministrativo manipolando il budget dello Stato ed ha denunciato un tentativo di golpe. “La Costituzione è chiara, dice che per avviare una procedura di impeachment ci vuole un reato. Se non c‘è reato, allora questo processo di impeachment che esclude dal governo una persona innocente è un colpo di Stato” ha detto.

Rousseff ha indicato chiaramente chi sono i responsabili di questo “attentato” alla massima carica dello Stato: il Presidente ad interim Michel Temer, l’ex-Presidente della Camera Eduardo Cunha - dimessosi dopo essere stato travolto da scandali di corruzione - e i vertici ultraconservatori. Stando all’intenzione di voto dei senatori, il destino della Rousseff sembra segnato, salvo miracoli: sui 54 voti a favore necessari per destituirla, 52 sarebbero già certi. La sua destituzione chiuderebbe 13 anni di presidenza continuativi da parte di politici del Partito dei Lavoratori, a cominciare da Lula in carica dal 2003 al 2011.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Filippine, il monte Mayon in fase di eruzione
FILIPPINE

Allarme Mayon: il vulcano in fase di eruzione

Villaggi sommersi dalla cenere e rischio colate piroclastiche: evacuate 30 mila persone
Congresso degli Stati Uniti
USA

Shutdown, accordo bipartisan per la revoca

Lo annuncia il leader della minoranza democratica, Schumer: "voteremo per riaprire il governo federale"
Sparatoria a Bellona, nel casertano
PAURA NEL CASERTANO

Uccide la moglie e spara ai passanti, poi si toglie la vita

Morto suicida il 48enne, guardia giurata, che ha seminato il terrore a Bellona dopo aver assassinato la moglie
Una valanga sulle Alpi
MALTEMPO AL NORD

Tre metri di neve in Val Senales. Pericolo valanghe sulle Alpi

Oltre un centinaio di turisti sono rimasti bloccati a causa della chiusura delle strade che portano a valle
CORIGLIANO CALABRO

Spara al figlio e alla nuora e poi si barrica in casa: arrestato

A finire in manette un uomo di 85 anni. Ignoti i motivi del gesto
Carles Puigdemont
CATALOGNA

Puigdemont: "Voglio formare un nuovo governo"

Le "minacce di Madrid" non spaventano l'ex president. "Non capitoliamo davanti all'autoritarismo"