MARTEDÌ 14 APRILE 2015, 16:00, IN TERRIS

BOKO HARAM: A UN ANNO DAL SEQUESTRO NON SI HANNO NOTIZIE DELLE 200 STUDENTESSE RAPITE

Nella notte tra il 14 e il 15 aprile 2014 un gruppo di ragazze veniva sequestrato dai combattenti del Califfato nero

AUTORE OSPITE
BOKO HARAM: A UN ANNO DAL SEQUESTRO NON SI HANNO NOTIZIE DELLE 200 STUDENTESSE RAPITE
BOKO HARAM: A UN ANNO DAL SEQUESTRO NON SI HANNO NOTIZIE DELLE 200 STUDENTESSE RAPITE
E' passato esattamente un anno da quando il mondo si stringeva intorno alla Nigeria per il rapimento di 200 studentesse della scuola di Chibok, nel nordest del paese. Da un emisfero all'altro dell'universo si poteva leggere l'hashtag #BringBackOurGirls, dove quell'aggettivo possessivo sottolineava la preoccupazione per quelle ragazze giovanissime di cui si persero le tracce. Dalle radio alle televisioni, dai giornali ai social network risuonava il nome di Boko Haram, il gruppo terroristico autore del sequestro, e che da allora avrebbe sempre più dominato sulla scena internazionale.

Un rapporto di Amnesty International pubblicato in occasione dell'anniversario dal rapimento delle studentesse, ha raccolto sotto il nome de "Il regno del terrore di Boko Haram" quasi duecento testimonianze, tra cui quelle di 28 persone riuscite a fuggire ai loro sequestratori. Dai dati del documento emerge che sono state rapite oltre duemila tra donne e ragazze in un solo anno.

Amnesty descrive inoltre i metodi brutali usati dai militanti islamisti che reclutano sistematicamente i giovani e uccidono uomini e bambini. Alle donne è riservato forse il peggiore dei trattamenti, nella maggior parte dei casi vengono stuprate o costrette a sposare i combattenti e a prendere parte ad attacchi contro contro la popolazione, talvolta con attentati nei loro stessi villaggi d'origine. "Uomini e donne, bambini e bambine, cristiani e musulmani, sono stati assassinati, sequestrati o sfruttati nel regno del terrore che ha colpito milioni di persone", dichiara Salil Shetty, segretario generale dell'organizzazione con base a Londra. Le studentesse di Chibok sono solo una piccola parte delle donne e ragazze che hanno subito la brutalità di Boko Haram, sottolinea.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Serie A, 17ma giornata
CALCIO | SERIE A

L'Inter cade con l'Udinese, Napoli solo in vetta

Gli azzurri vincono 3-1 in trasferta. I nerazzurri cadono a San Siro, primo ko di Spalletti
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau
Paolo Gentiloni e Maria Elena Boschi in una foto d'archivio
BRUXELLES

Gentiloni difende il ministro Boschi

Il premier: "Ha chiarito, sarà candidata Pd"
Rahul Gandhi
INDIA

Rahul Gandhi è il leader del Partito del Congresso

Nipote di Indira, succede alla madre, l'italo-indiana Sonia