MERCOLEDÌ 13 MARZO 2019, 20:57, IN TERRIS


REGNO UNITO

Bocciato il no deal, la Brexit è un caso

Westminster esclude un'uscita senza accordo, si va verso il prolungamento. E Corbyn annuncia un accordo trasversale

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Bandiera europea e del Regno Unito davanti Westminster
Bandiera europea e del Regno Unito davanti Westminster
S

uccede di tutto a Londra, dove alla bocciatura del piano May è seguita quella del no deal. Per poco, soli 4 voti (312 a 308), decisivi però per rendere ancora più incerto lo scenario della Brexit. In pratica, così come l'ha proposta la premier l'uscita della Gran Bretagna dall'Ue non si farà, ma non si farà nemmeno l'uscita senza accordo, circostanza che invece appariva abbastanza fattibile visto il k.o. numero due rimediato da May e qualche sentore che, in fin dei conti, il no deal sarebbe potuto risultare meno devastante del previsto. Invece a Westminster le idee non sono ancora chiare: la mozione, modificata da un emendamento, è passata rendendo tutto complicato e, ora come ora, largamente aperto a tutte le possibilità. Fondamentale sarà capire di quanta fiducia goda ancora la premier e se, eventualmente, una dilazione dei tempi potrà essere utile.


Verso l'articolo 50

Dalle due votazioni è emerso sostanzialmente che il Regno Unito non vuole uscire dall'Unione europea senza accordo ma, al  tempo stesso, che nessun accordo è finora andato bene. Nè il primo, bocciato, e nemmeno il secondo, stroncato nettamente nonostante la revisione last minute dell'accordo sul backstop, il quale non aveva comunque lasciato tranquilli i falchi della Brexit né i nordirlandesi del Dup, vero ago della bilancia. La premier May è stata chiara, di nuovo: "Senza accordo si rischiano conseguenze gravi, di cui bisogna tenere conto". A questo punto, il ricorso all'articolo 50, quello che permetterebbe di allungare i tempi, sembra la soluzione più logica. Più tempo non tanto per trattare con l'Ue, visto il muro alzato da Juncker e Barnier (chiari sul punto che le concessioni di Bruxelles si fermeranno qui), quanto per convincere il resto del Parlamento che per perseguire l'obiettivo dell'uscita con deal, da qualche parte bisognerà concedere qualcosa. Va detto, però, che a maggio ci saranno le europee e una trattativa troppo prolungata andrebbe inevitabilmente a influire sulla Brexit. Corbyn, nel frattempo, valuta il prolungamento come la migliore soluzione, precisando che i laburisti presenteranno una nuova bozza di accordo votabile dal Parlamento. Al quale, per il leader lab, dovrebbero andare le redini delle trattative.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Sea Watch
MIGRANTI

Il comandante della Sea Watch ai pm: "Rifarei tutto"

Arturo Centore, interrogato alla Procura di Agrigento, si sarebbe assunto la piena responsabilità di quanto accaduto
Migranti
GOVERNO

Sicurezza bis, via il riferimento al soccorso dei migranti

Nuova bozza che punta a risolvere le criticità palesate dal Colle. Il Viminale: "Ora l'approvazione"
Manifesto con il volto di Stefano Cucchi
IL PROCESSO

Cucchi, Arma e Difesa chiedono di essere parte civile

Il gip Antonella Minunni si è riservata di decidere. Ilaria Cucchi: "Una cosa senza precedenti"
Van der Bellen e Kurz
AUSTRIA

Governo: c'è l'ok di Van der Bellen ai tecnici

Nelle prossime ore Kurz dovrebbe presentare la lista dei nuovi ministri
Incendio doloso alla sede della municipale di Mirandola (MO)
MIRANDOLA

Rogo nella sede dei vigili: due morti. Arrestato un uomo

Le fiamme di origine dolosa: fermato un nordafricano. Salvini: "Azzerare immigrazione clandestina"
Niki Lauda
F1

Lauda, il pilota che capiva la macchina

Un campione discreto, con l'orecchio assoluto per l'automobile