LUNEDÌ 01 APRILE 2019, 16:45, IN TERRIS


VENEZUELA

Blackout, Maduro: "Un mese per tornare alla normalità"

Il governo continua a parlare di "sabotaggi" e punta il dito contro le opposizioni

EDITH DRISCOLL
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Nicolas Maduro
Nicolas Maduro
S

ervirà circa un mese per tornare alla normalità dopo il maxi blackout che ha colpito il Venezuela. Lo ha detto Nicolas Maduro, annunciando "un piano di contingenza di 30 giorni per amministrare l'energia disponibile e ritornare progressivamente alla normalità". 


Il piano

In un messaggio alla Nazione il capo dello Stato ha reso noto di "avere approvato un piano di 30 giorni che permetta un equilibrio fra il processo di generazione di energia e il consumo in tutto il Paese, ponendo enfasi anche sulle garanzie per la distribuzione di acqua che dipende dall'elettricità". "Stiamo affrontando 'mostri' - ha concluso - che vogliono distruggere il Venezuela portando violenza". Da parte sua il vicepresidente venezuelano Jorge Rodríguez ha indicato che le scuole resteranno ancora chiuse - Madurospera di riaprirle "martedì o mercoledì" - mentre le attività del settore pubblico e privato saranno limitate alle 14.


La teoria

Secondo il regime, riporta l'agenzia Nova, le frequenti interruzioni del servizio elettrico sarebbero dovute a vere e proprie azioni di sabotaggio messe in atto dalle opposizioni, su ordine di alcuni governi esteri. "Sabotaggi elettrici", "attacchi elettromagnetici", incendi ed altre azioni avrebbero l'obiettivo di creare una situazione di disagio nel Paese, facendo così crescere il malcontento della popolazione. Lo scorso mese il procuratore generale, Tarek William Saab, ha annunciato la nomina di tre magistrati per indagare sull'accaduto. Le opposizioni, guidate dall'autoproclamato presidente Juan Guaidò, invece, accusano il governo di "incompetenza" e mancanza di investimenti per l'ammodernamento delle strutture.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
TREVISO

Morta dopo aver scelto una chemio non invasiva per partorie

La notizia del tumore al seno durante la gravidanza. Le cure meno forti le consentono di diventare madre, ma muore tre mesi dopo
TASSE

Fino al 25 ottobre è possibile integrare il proprio “730”

Nel caso si sia dimenticata una deduzione o una detrazione, si ricorre al modello integrativo. Per i rimborsi o le compensazioni...
La vittima, Melissa Trotter, e a dx Larry Swearingen
USA

Pena di morte, nuova esecuzione in Texas

Le ultime parole del condannato: "Perdonali, non sanno quello che fanno"
L'epicentro del sisma
LAZIO

Terremoto, scossa nel Tirreno vicino Roma

Non sono stati riportati danni a cose e persone né sulla costa né nella Capitale
Ufficio comunale chiuso
PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Quota 100: oltre 10mila domande nella Pa

E' boom di richieste di pensionamento ma è allarme "rimpiazzi" in comuni e ospedali
Carabinieri del Ros in azione
GIARDINI NAXOS

Ndrangheta: arrestato il latitante Riitano

Era ricercato per traffico internazionale di stupefacenti ed altro