GIOVEDÌ 19 SETTEMBRE 2019, 22:56, IN TERRIS

TUNISIA

Ben Ali, il presidente deposto dalla Primavera araba

Al potere dall'87 al 2011, quando la rivoluzione popolare lo destituì: l'ex presidente è morto in Arabia Saudita

DM
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
L'ex presidente Ben Ali
L'ex presidente Ben Ali
V

entitre anni di presidenza, ai quali mise fine una rivoluzione. Anzi, per l'esattezza l'unica delle primavere arabe ad aver avuto una conclusione evidentemente democratica. E' morto a 83 anni Zine El Abidine Ben Ali, presidente di lungo corso della Tunisia, a meno di una settimana dalla terza tornata elettorale dalla fine della sua presidenza, risalente nel 2011. Era in esilio Ben Ali, in Arabia Saudita, dove aveva trascorso gli ultimi otto anni della sua vita, dopo aver ricevuto due condanne (una a 35 anni per furto e appropriazione indebita, l'altra a 20 per accuse estremamente pesanti come incitamento al disordine, omicidi e saccheggi sul territorio tunisino) ed essere stato allontanato da quello stesso popolo che aveva accompagnato il suo colpo di stato nel 1987 senza opporsi, restando fedele alla linea occidentalista avviata già dal vecchio presidente Habib Bourguiba.


Ascesa e declino

Bourguiba, all'epoca già ultraottantenne, lo rimosse appellandosi ai suoi medici, favorevoli nell'indicare il leader del Paese, emblema della lotta anti-coloniale, come ormai incapace di assolvere al suo compito di guida della Tunisia. Ben Ali, allora primo ministro, fece leva sulla Costituzione tunisina (che su questo tema lo appoggiava tramite l'articolo 57) e si guadagnò la presidenza in modo lineare, promettendo continuità rispetto alla politica di Bourguiba e avviando immediatamente una riforma economica che contribuì a risollevare le sorti di un Paese sull'orlo della crisi, che divenne in una ventina d'anni la più competitiva d'Africa, certificata dal World economic forum a nemmeno dieci anni dalla tornata elettorale che consolidò la leadership del Raggruppamento costituzionale democratico di Ben Ali con una percentuale di oltre il 99% dei consensi. Un traguardo che avrebbe fatto da contraltare a una corruzione dilagante, una disoccupazione preponderante e, nondimeno, una crisi del comparto alimentare che aveva di fatto messo in ginocchio la popolazione tunisina che, dopo 23 anni di presidenza Ben Ali e nella piena folata del vento delle primavere arabe, decise di mettere fine all'era della rivoluzione medica.

Il colpo di stato ordinato che portò Ben Ali alla presidenza vide la sua conclusione sì in una rivoluzione, ma senza rovesciamenti autoritari, come avvenuto in altri Stati. In Tunisia si proseguì con la democrazia che, nonostante i contorni di regime assunti dai suoi 23 anni alla guida del Paese, era rimasta, almeno sulla carta, anche durante la presidenza Ben Ali.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
ARTE

Ritratto di signora di Klimt è autentico

La conferma dell'autenticità del quadro arriva dai periti a poche settimane dal ritrovamento nello stesso luogo dove...
Deborah Dugan
MUSICA

Caos Grammy: silurata la prima presidente donna

A pochi mesi dalla sua nomina, Deborah Dugan è stata rimossa dal suo incarico e c'è chi parla di un vero e...
Il Politeama di Catanzaro
CALABRIA

Catanzaro, Arlia e Mogol inaugurano la stagione sinfonica

Il celebre direttore d'orchestra e il grande autore aprono l'annata del Politeama, con un incontro fra musica classica e...
Tribunale di Milano
IL CASO

Condannato per l'omicidio del suocero: “Abusava di mia figlia”

A quasi un anno dal fatto, arriva la sentenza di condanna: 20 anni a chi ha sparato, 18 al complice
GERUSALEMME

Tensione sulla Spianata delle Moschee

I fedeli islamici hanno protestato in "difesa della moschea di al-Aqsa"
Il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov
MOSCA

Lavrov: "Non è l'Italia ad aver fatto errori nella crisi libica"

Il ministro degli Esteri russo incontrerà di Maio a Berlino il prossimo 19 gennaio
Il luogo dell'incidente
REGGIO EMILIA

Operaio cade in una cisterna e muore

L'incidente è accaduto ieri notte presso la Cantina sociale di Massenzatico
Il taser
ARMI

Il taser entra nelle dotazioni delle forze dell'ordine

Oggi l'ok dal Consiglio dei ministri. Sarà utilizzato da polizia, carabinieri e guardia di finanza
L'epicentro del sisma
CALABRIA

Albi trema: terremoto 4.0 vicino Catanzaro

Due scosse nella notte anche in Sicilia, tra Enna e Messina
La firma dell'accordo commerciale Usa-Cina

Il costo dell'irrilevanza

Dopo fulmini e tuoni durati mesi e mesi, ecco che arriva l’intesa commerciale tra Cina ed Usa. Lo hanno siglato...
Il premier Conte e il presidente algerino Tebboune
NORD AFRICA

Conte ad Algeri, sforzi congiunti per la stabilità libica

Il premier fa visita a Tebboune: "E' il momento del dialogo e del confronto"
Un momento della manifestazione

Si può credere in una Foggia diversa

Dobbiamo diventare portavoce attivi dei bisogni del territorio. Ce lo impongono il momento e le emergenze di una...