GIOVEDÌ 14 LUGLIO 2016, 11:13, IN TERRIS

BATACLAN, L'IRA DELLE TESTE DI CUOIO: "NON CI FECERO INTERVENIRE, IL NOSTRO COLONNELLO HA ESITATO"

La lettera è stata fatta circolare subito dopo la pubblicazione delle conclusioni della Commissione d'Inchiesta parlamentare sugli attentati di Parigi

AUTORE OSPITE
BATACLAN, L'IRA DELLE TESTE DI CUOIO:
BATACLAN, L'IRA DELLE TESTE DI CUOIO: "NON CI FECERO INTERVENIRE, IL NOSTRO COLONNELLO HA ESITATO"
Sembra avvicinarsi sempre più minacciosamente il ciclone che potrebbe travolgere alcuni vertici delle forze speciali francesi. Alcuni agenti del corpo di élite del Gign, il gruppo d'intervento della gendarmeria nazionale, che hanno chiesto di rimanere nell'anonimato, hanno inviato una lunga lettera all'agenzia di stampa Afp e alla testata satirica Canard Enchiné, in cui accusano il loro colonnello di aver "esitato e atteso" troppo prima di ordinare l'intervento alla sala concerti Bataclan, durante l'attentato dello scorso 13 novembre a Parigi.

Secondo i membri del Gign, il colonnello Hubert Bonneau "si nascondeva dietro una storia di competenza territoriale ed ha saggiamente atteso di essere chiamato". Un'accusa pesantissima contenuta nella lettera anonima, che per alcuni rappresentanti delle forze speciali rappresenta solo lo sfogo di "un pugno di delusi, a cui molti altri non si sono associati".

Intanto i gendarmi insorti contro il loro capo si dicono "scandalizzati e traumatizzati da questo evento", cioè dal fatto che il blitz al Bataclan sia stato condotto da unità d'élite della polizia. Nella lettera, indirizzata al patron della gendarmeria nazionale, Denis Favier, il cauto colonnello viene descritto come "un cattivo capo, che fa di tutto per minimizzare la Forza d'intervento".

All'inizio dell'azione jihadista un gruppo del Gign fu preposizionato su richiesta delle autorità in una caserma nel centro della capitale francese, in caso di bisogno. Secondo quanto scritto nella lettera, 40 uomini erano pronti a intervenire al Bataclan, erano da poco passate le 23, ma Bonneau tergiversava e cercava di entrare in contatto con le altre unità d'élite, senza riuscirci. Così per alcune ore, mentre un poliziotto di quartiere era arrivato alla sala concerti già alle 21.57.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La questura di Reggio Calabria
'NDRAGHETA

Vietati i funerali solenni di Carmelo Muià

La procura: "Motivi di sicurezza". "Mino" fu ucciso in un agguato il 18 gennaio
Toto Riina
PALERMO

Cinque fermati, c'è anche il figlio dell'autista di Riina

L'accusa è di mafia ed estorsione. Di Stasio: "Continuano ad alimentarsi con il pizzo"
Il segretario del Pd, Matteo Renzi
FLAT TAX

Renzi: "E' un Robin Hood al contrario". E rilancia gli 80€

Il segretario Pd: "E' per i milionari come Berlusconi e Grillo, irrealizzabile economicamente"
Particolare dello
ARTE

Al via il restauro dello "Stendardo" di Tiziano

Trasferito dalla Galleria Nazionale delle Marche nei laboratori dell’Istituto Superiore per la Conservazione
L'attacco allhotel Intercontinental di Kabul
KABUL

Talebani rivendicano l'attacco all'hotel Intercontinental

Uccisi tre assalitori. 6 i morti e 5 i feriti, 126 persone tratte in salvo
Donne al lavoro

Discriminate

Le donne, secondo le statistiche mondiali, guadagnano meno degli uomini nelle professioni e nei lavori in cui sono...