LUNEDÌ 29 MAGGIO 2017, 12:04, IN TERRIS

Attentato a Manchester, Mi5 apre indagine interna: allarmi ignorati su Salman Abedi

Secondo una ricostruzione della Bbc, gli 007 britannici avrebbero ricevuto delle segnalazioni relative a Salman Abedi che, in almeno tre occasioni, lo indicavano come un mussulmano radicalizzato

MANUELA PETRINI
Attentato a Manchester, Mi5 apre indagine interna: allarmi ignorati su Salman Abedi
Attentato a Manchester, Mi5 apre indagine interna: allarmi ignorati su Salman Abedi
L'Mi5, l'agenzia di controspionaggio e antiterrorismo britannica, ha deciso di avviare un'indagine interna per far luce sul modo in cui sono state trattate le segnalazioni su Salman Abedi, l'attentatore di Manchester che si è fatto esplodere al termine del concerto di Ariana Grande, causando la morte di oltre 20 persone. 

Abedi ignorato dagli 007 per tre volte


Secondo una ricostruzione della Bbc, gli 007 britannici avrebbero ricevuto delle segnalazioni relative a Salman Abedi che, in almeno tre occasioni, lo indicavano come un mussulmano radicalizzato potenzialmente pericoloso. Il jihadista, a soli 16 anni aveva combattuto - a fianco del padre, Ramadan Abedi, e il fratello, arrestato nei giorni scorsi a Tripoli - contro l'esercito del rais Muhammar Gheddafi. Inoltre, mentre frequentava il Manchester College, due conoscenti avevano segnalato Abedi all'antiterrorismo per avvertire delle sue idee estremistiche.

Due indagini parallele


Per chiarire i punti oscuri della vicenda, saranno aperte due indagini: la prima interna all'agenzia di servizio segreto per capire come mai non sia stata prestata la sufficiente attenzione nei confronti di una persona segnalata come radicalizzata; la seconda, preparata appositamente, per i ministri e gli altri responsabili che hanno la supervisione dell'Mi5.

Un nuovo arresto per l'attentato


Nel frattempo, continuano le indagini sulla rete di attentatori che avrebbero favoreggiato - fornendo sostegno logistico o materiale per costruire la bomba - l'attentatore di Manchester. La polizia britannica, questa mattina, ha annunciato l'arresto di un uomo di  25 anni. Sale così a 14 il numero delle persone che fino a ora sono finite in manette, accusate di complicità per la strage al concerto di Ariana Grande. Due di loro - una donna e un adolescente - sono tornati in libertà; gli altri 12 restano sotto custodia.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Filippine, il monte Mayon in fase di eruzione
FILIPPINE

Allarme Mayon: il vulcano in fase di eruzione

Villaggi sommersi dalla cenere e rischio colate piroclastiche: evacuate 30 mila persone
Congresso degli Stati Uniti
USA

Shutdown, accordo bipartisan per la revoca

Lo annuncia il leader della minoranza democratica, Schumer: "voteremo per riaprire il governo federale"
Sparatoria a Bellona, nel casertano
PAURA NEL CASERTANO

Uccide la moglie e spara ai passanti, poi si toglie la vita

Morto suicida il 48enne, guardia giurata, che ha seminato il terrore a Bellona dopo aver assassinato la moglie
Una valanga sulle Alpi
MALTEMPO AL NORD

Tre metri di neve in Val Senales. Pericolo valanghe sulle Alpi

Oltre un centinaio di turisti sono rimasti bloccati a causa della chiusura delle strade che portano a valle
CORIGLIANO CALABRO

Spara al figlio e alla nuora e poi si barrica in casa: arrestato

A finire in manette un uomo di 85 anni. Ignoti i motivi del gesto
Carles Puigdemont
CATALOGNA

Puigdemont: "Voglio formare un nuovo governo"

Le "minacce di Madrid" non spaventano l'ex president. "Non capitoliamo davanti all'autoritarismo"