SABATO 10 NOVEMBRE 2018, 00:01, IN TERRIS

Asia Bibi: l'incubo è davvero finito?

L'ex ministro della Difesa Mario Mauro, che si occupa del caso fin dal suo inizio: "Situazione complessa"

FEDERICO CENCI
Manifestanti chiedono l'impiccagione di Asia Bibi
Manifestanti chiedono l'impiccagione di Asia Bibi
L

a fiamma della speranza si è accesa, ma il lieto fine non è ancora stato scritto nella vicenda di Asia Bibi. Resta appeso a un fragile filo il destino della madre cristiana, arrestata in Pakistan nel 2010 con un’accusa di blasfemia e condannata a morte. Lo scorso 31 ottobre la Corte suprema l’ha assolta, ma soltanto dopo qualche giorno le autorità l’hanno potuta trasferire dalla città di Multan, dove è rimasta detenuta oltre nove anni, alla capitale Islamabad, a causa dei disordini provocati da estremisti islamici risentiti per la mancata esecuzione. Ora la famiglia della donna e il suo avvocato desiderano essere trasferiti, insieme ad Asia Bibi, in un Paese che possa offrir loro sicurezza. Tuttavia, la donna cristiana resta in attesa del giudizio di revisione della sentenza, chiesto dagli avvocati del suo principale accusatore. In Terris ne ha parlato con Mario Mauro, presidente di Popolari per l’Italia, già ministro della Difesa e vicepresidente del Parlamento europeo, che segue il caso dal 2010.

Asia Bibi è stata finalmente scarcerata e sarebbe pronta per espatriare. Le autorità del Pakistan hanno dato prova di civiltà e coraggio?
“Per non correre il rischio di dare interpretazioni semplicistiche, conviene fare mente locale sullo scenario pachistano. Quello del Pakistan è un caso forse unico al mondo, perché quelli che noi in Occidente chiamiamo fondamentalisti e terroristi, lì sono esponenti di gruppi politico-sociali che, in alcune zone del Paese, sono persino maggioritari. Essi esercitato un’enorme influenza sull’opinione pubblica facendo della discriminazione nei confronti di altre comunità religiose la chiave del proprio successo. Quindi questa criminalizzazione di Asia Bibi, che parte da settori influenti e coinvolge addirittura i bambini che sono invitati ad impiccarla, fa parte di una strategia ben radicata che deve la sua esistenza a dinamiche geopolitiche complesse”.

Si riferisce alle storiche alleanze occidentali del Pakistan?
“Il Pakistan è uno Stato nato da una divisione di carattere religioso: dopo la quasi guerra civile che ci fu nell’immediato dopoguerra, ottenne l’indipendenza dall’India grazie al sostegno dei Paesi di matrice anglo-sassone, in particolare degli Stati Uniti. Questi ultimi sono sempre stati alleati del Pakistan in chiave anti-indiana, per porre un freno all’Unione Sovietica e per dare una piattaforma militare per la resistenza afgana contro l’armata rossa. Questo asse che da Peshawar arrivava a Kabul ha prodotto però i mujahidin, tra i quali si distinsero volontari stranieri, in particolare sauditi come Osama Bin Laden. Dunque l’operazione nata nel Congresso statunitense per liberare quella parte del mondo dall’oppressione comunista, è diventata strumento per una saldatura di interessi e di legami ideologici tra predicazioni islamiche radicali”.

L’attuale Governo del Pakistan, tuttavia, sembra avere una matrice meno radicale…
“Nessuno può pensare di governare il Pakistan senza scendere a compromessi con questi gruppi fondamentalisti. Ne sa qualcosa la famiglia Bhutto, che ha pagato con una scia sanguinosa l’ostilità dell’Islam radicale”.

È questo il motivo per cui c'è voluto tanto tempo per l'assoluzione di Asia Bibi?
“Esatto. Bisogna dare merito alla Corte suprema pachistana, ma va ricordato che quegli stessi giudici hanno dovuto subito negoziare perché soprattutto un partito, Tlp, ha minacciato di mettere a ferro e fuoco il Paese. Il governo del Pakistan ha quindi dovuto accettare qualcosa che non rientra nelle procedure giuridiche, ossia un ricorso quando i ricorsi non possono più essere accettati”.

Bisogna dunque attendere una nuova sentenza prima di poter vedere Asia Bibi espatriata in un Paese sicuro?
“È encomiabile l’atteggiamento di alcuni settori della comunità internazionale, che si sono mobilitati offrendo cittadinanza ad Asia Bibi e alla sua famiglia per concedere l’espatrio, ma proprio per questo ricorso, al momento non è possibile farli partire”.

Cosa può fare ancora la comunità internazionale?
“Continuare a fare pressione. I Solzenicyn, i Siniavskij, i Sacharov, i Walesa non sarebbero mai tornati liberi senza una mobilitazione della comunità internazionale. Va detto che le mobilitazioni addotte contro Asia Bibi hanno un sapore ancora più totalitario di quelle della dittatura comunista, perché quest’ultima prendeva in ostaggio il popolo per giustificare le proprie azioni, mentre in Pakistan l’ostaggio è addirittura il nome di Dio per annichilire la persona umana”.

E il ruolo dell’Italia?
“Mi attengo a quanto ha dichiarato giorni fa il ministro Salvini, cioè che l’Italia sta lavorando ‘con discrezione’ in favore di Asia Bibi. Rimane il fatto che il nostro Paese ha buone relazioni con il Pakistan e che qualche estremista pachistano potrebbe rappresentare un pericolo”.

Cosa glielo fa pensare?
“Indagini della magistratura hanno delineato una rete logistica per pianificare gli attentati di Mumbay, in India, che parte da Brescia. E ancora: alcuni di quegli attentatori sono passati in Italia”.

Che epilogo si attende?
“Non è facile fare previsioni. Ciò che posso dire è che la vera vittoria sarebbe vedere Asia Bibi al sicuro, certo, ma nel proprio Paese. Finché la religione resterà un motivo di discriminazione, il Pakistan non avrà pace. Come diceva Giovanni Paolo II, la libertà religiosa è ‘la cartina di tornasole per verificare il rispetto di tutti gli altri diritti umani’”.

Quando nasce il suo interesse per la vicenda di Asia Bibi?
“Fin da subito. Ai tempi in cui ero vice-presidente del Parlamento europeo ottenni risoluzioni a favore di questa donna e contro la persecuzione dei cristiani. Divenni amico di Shahbaz Bhatti, l’ex ministro per le Minoranze cattolico che fu ucciso dagli estremisti islamici anche per il suo impegno a garantire un processo equo ad Asia Bibi. Fu una tragedia nella tragedia, fonte di riflessione profonda”.

Martedì in Campidoglio alle 14 ci sarà un presidio per Asia Bibi organizzato da CitizenGo. Lei sarà presente?
“Penso di sì. È un’iniziativa lodevole da parte di un’associazione, CitizenGo, che segue con costanza questo come altri casi di libertà religiosa violata. Come il loro, va ricordato l’impegno di Aiuto alla Chiesa che Soffre e tante altre organizzazioni, che si battono per tenere accesa la fiamma della speranza”.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Fedeli in piazza San Pietro
PIAZZA SAN PIETRO

Il testo integrale dell'Angelus del Papa

Il Pontefice ha commentato il Vangelo sulle Nozze di Cana
Soccorritori al lavoro
SPAGNA

Bimbo nel pozzo: è corsa contro il tempo

Scavata la metà del tunnel parallelo che potrebbe salvare la vita al piccolo Julen
Donald Trump
USA

Shutdown: arriva la proposta di Trump

Estensione della tutela per i "Dreamer" in cambio dei fondi per il muro al confine col Messico
Alunni col grembiule

Grembiuli e civismo

La proposta del ministro Salvini, di obbligare gli alunni fino alle medie di indossare grembiuli durante le lezioni di...
Naufragio nel Mediterraneo
MIGRANTI

Almeno 170 morti in due naufragi

Un gommone affondato ieri: 117 dispersi. L'Unhcr: "Morte altre 53 persone". Ramonda: "Potenziare viaggi sicuri...
Don Luigi Sturzo

Il messaggio di don Sturzo "agli uomini liberi e forti"

Riportiamo il commento di un nostro lettore che ci ha inviato il suo contributo: "Gentile direttore. Il...
Roma-Torino 3-2. L'esultanza di Nicolò Zaniolo, il migliore in campo - Foto © Twitter
SERIE A

La Roma segna, soffre e vince: Toro domato

I giallorossi superano 3-2 i granata: Zaniolo e Kolarov nel primo tempo, Rincon e Ansaldi nella ripresa. Decide El Shaarawy
Pattuglia della Polizia
BRESCIA

Quattro ragazzini in fuga scomparsi da giorni

Non si tratterebbe di un allontanamento dovuto a situazioni familiari complesse
Mons. Paolo Giulietti
LA NOMINA

Mons. Giulietti nuovo arcivescovo di Lucca

Papa Francesco sceglie l'attuale vescovo ausiliario di Perugia-Città della Pieve. Bassetti: "Un riconoscimento...
Jose Javier Salvador Calvo nel 2003, il giorno dell'arresto
TERUEL (SPAGNA)

Uxoricida uccide la nuova compagna e si suicida

Jose Javier Salvador Calvo aveva già scontato 15 anni di carcere per l'omicidio della moglie
Scarpa contraffatta con l'etichetta asportabile
ANAGNI (FR)

Contraffazione: sequestrate 140mila paia di scarpe

Materiali di scarsa qualità e riproducenti illecitamente diversi modelli del marchio Nike
Il Papa in udienza con i delegati luterani finlandesi - Foto © Vatican Media
UDIENZA AI LUTERANI FINLANDESI

Il Papa: "Preghiera ed ecumenismo, impegni non rimandabili"

Il Santo Padre riceve i delegati finlandese: "E' nell'annuncio del Vangelo che ritroviamo il nostro cammino...