SABATO 23 MAGGIO 2015, 10:41, IN TERRIS

ARABIA SAUDITA, L’ISIS RIVENDICA LA STRAGE NELLA MOSCHEA SCIITA

Un kamikaze fedele al Califfato si è fatto esplodere durante la preghiera del venerdì causando almeno 20 morti

STEFANO CICCHINI
ARABIA SAUDITA, L’ISIS RIVENDICA LA STRAGE NELLA MOSCHEA SCIITA
ARABIA SAUDITA, L’ISIS RIVENDICA LA STRAGE NELLA MOSCHEA SCIITA
E’ il primo attacco dell’Isis all’Arabia Saudita sebbene non sia stato possibile verificare l’attendibilità della rivendicazione. Una strage, con almeno venti persone morte e 100 ferite. E’ avvenuta nella moschea sciita dell’imam Ali di Kudeih che si trova nella provincia orientale di Qatif. Su un account Twitter indicato come braccio mediatico del Califfato, si afferma che Abu Amer an Najdi, originario della regione saudita del Nejed, si è “infiltrato nel tempio” facendosi esplodere durante la preghiera del venerdì. I jihadisti hanno promesso “altri giorni bui” per gli sciiti finché non “saranno cacciati dalla Penisola Arabica”. Infatti l’Isis si dice ostile sia degli sciiti e dell’Iran, sia del regime dei Saud, considerato usurpatore del titolo di “custode dei due luoghi santi”, Mecca e Medina.

L’area in cui si verificato l’attentato, ricca di risorse energetiche, è abitata in prevalenza da sciiti e vive da decenni un forte antagonismo col governo centrale di Riad, sospettoso nei confronti di una comunità accusata da più parti di fare il gioco della Repubblica islamica. La coalizione guidata dalla stessa monarchia del Golfo ha ripreso intensi i raid aerei contro postazioni di miliziani sciiti in Yemen, sostenuti almeno politicamente dall’Iran, storico rivale della casa dei Saud. In un nuovo bilancio diffuso dall’Onu, in due mesi di attacchi aerei sono stati uccisi in Yemen oltre 200 minori. L’Arabia Saudita, inoltre, partecipa alla coalizione internazionale capitanata dagli Stati Uniti contro l’autoproclamato Stato islamico.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'accusa nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Facebook
SOCIAL MEDIA E FISCO

Svolta Facebook: pagherà le tasse dove incassa

Il colosso di Menlo Park passerà a un sistema di vendite locali
Sergio Mattarella e Paolo Gentiloni (repertorio)
VERSO IL VOTO

Elezioni il 4 marzo, l'annuncio prima di Capodanno

Lo riporta il Corriere della Sera. Gentiloni l'antidoto di Mattarella allo "scenario spagnolo"
Donna abusata

Stupri: chi non condanna è complice

Un nuovo efferato stupro ai danni di una donna italiana. Legata con filo telefonico, è stata violentata ad Asti...