SABATO 02 GENNAIO 2016, 17:21, IN TERRIS

ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATO IL LEADER SCIITA IRANIANO NIMR AL-NIMR

Teheran aveva già avvertito nei giorni scorsi che Riad avrebbe "pagato cara" l'esecuzione di Nimr

MILENA CASTIGLI
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATO IL LEADER SCIITA IRANIANO NIMR AL-NIMR
ARABIA SAUDITA: GIUSTIZIATO IL LEADER SCIITA IRANIANO NIMR AL-NIMR
Non si placano le tensioni tra l’Arabia Saudita (a maggioranza musulmana sunnita) e il vicino Iran, sciita. Il paese peninsulare ha infatti giustiziato uno dei principali leader sciiti presenti in Arabia: Nimr al-Nimr. Nimr aveva guidato garndi proteste sciite nella parte orientale del paese ed era noto per le sue posizioni critiche verso il governo saudita. Arrestato nel luglio 2012, era stato condannato a morte l'anno scorso accusato di sedizione. Insieme a lui, Ryad ha giustiziato altre 46 persone con l’accusa di “terrorismo” per aver progettato e compiuto attacchi terroristici contro civili. Quelle di ieri sono state le prime esecuzioni del 2016 nel regno ultraconservatore della scimitarra che, solo nel 2015, ha mandato a morte 153 persone.

L’Iran non è rimasto a guardare in silenzio la morte di uno dei suoi “protetti”. Teheran aveva già avvertito nei giorni scorsi la vicina Arabia che Riad avrebbe "pagato cara" l'esecuzione di Nimr, imam della moschea sciita di Qatif a Al Awamiyya. Il fratello del religioso sciita, Mohammed al-Nimr, ha però espresso l'auspicio che qualsiasi risposta alle esecuzioni sia di tipo pacifico: "Nessuno – ha dichiarato a poche ore dall’esecuzione - deve avere reazioni al di fuori di una cornice pacifica, basta bagni di sangue".

Segnali di distensione, invece, tra l’Arabia e il confinante Iraq, sempre a maggioranza sciita. Dopo 25 anni, Rihad ha riaperto oggi la propria ambasciata a Baghdad permettendo così una maggiore cooperazione con l'Iraq nella lotta al terrorismo. Lo riferisce il sito della tv al Arabiya citando il nuovo ambasciatore saudita in Iraq, Thamer al-Sabhan. L'ambasciata era stata chiusa nel 1990 dopo l'invasione irachena del Kuwait. Si tratta di un miglioramento nelle tese relazioni tra la monarchia saudita e l'Iraq che potrebbe rafforzare un'alleanza regionale contro l'Isis.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La questura di Reggio Calabria
'NDRAGHETA

Vietati i funerali solenni di Carmelo Muià

La procura: "Motivi di sicurezza". "Mino" fu ucciso in un agguato il 18 gennaio
Il cardinal O'Malley e Papa Francesco
O'MALLEY

"Il Papa riconosce gli errori di chi ha abusato di bambini"

L'arcivescovo di Boston: "Non c'è posto nella Chiesa per i pedofili. Tolleranza zero"
Toto Riina
PALERMO

Cinque fermati, c'è anche il figlio dell'autista di Riina

L'accusa è di mafia ed estorsione. Di Stasio: "Continuano ad alimentarsi con il pizzo"
Il segretario del Pd, Matteo Renzi
FLAT TAX

Renzi: "E' un Robin Hood al contrario". E rilancia gli 80€

Il segretario Pd: "E' per i milionari come Berlusconi e Grillo, irrealizzabile economicamente"
Il vicepresidente americano Mike Pence
MEDIO ORIENTE

Deputati arabi contro il discorso di Pence

Il vicepresidente Usa incontra Al Sisi, poi la visita in Giordania e Israele
Particolare dello
ARTE

Al via il restauro dello "Stendardo" di Tiziano

Trasferito dalla Galleria Nazionale delle Marche nei laboratori dell’Istituto Superiore per la Conservazione