MERCOLEDÌ 22 APRILE 2015, 16:15, IN TERRIS

ANCORA RAID IN YEMEN, OBAMA AMMONISCE L'IRAN: "NON FORNITE ARMI AI RIBELLI"

Intanto gli Usa inviano alcune navi da guerra nel Golfo Persico per garantire la navigazione e intercettare rifornimenti iraniani

AUTORE OSPITE
ANCORA RAID IN YEMEN, OBAMA AMMONISCE L'IRAN:
ANCORA RAID IN YEMEN, OBAMA AMMONISCE L'IRAN: "NON FORNITE ARMI AI RIBELLI"
Ancora raid della coalizione araba guidati dall’Arabia Saudita: nel mirino postazioni dei ribelli nella città di Taez, che ha preso il controllo della base di una brigata militrare. Gli attacchi arrivano nonostante la conclusione dell’offensiva aereo-navale denominata “tempesta decisiva”, annunciata dai sauditi. Infatti proprio ieri la coalizione araba aveva dichiarato la fine della campagna sullo Yemen denominata “Firmness Storm” per dare il via all’operazione “Restauration of Hope” (Ricorstruzione della speranza), secondo quanto stabilito dal Consiglio di sicurezza dell’Onu. Una decisione presa su richiesta del presidente yemenita Abd Rabbo Mansur Hadi che il mese scorso era fuggito dalla città portuale di Aden, nel Sud del Paese, per rifugiarsi a Riad.

Sabato però Obama aveva telefonato al re saudita Salman, facendo capire al sovrano che in Yemen avrebbe preferito una soluzione politica e non solo militare. Ma oggi è arrivata la notizia di nuovi scontri a Sud, che hanno spinto la coalizione araba a colpire di nuovo i ribelli. L’ultimo raid ha avuto come obiettivo i depositi di armi sull’area montuosa di Faj Atan, alle porte della capitale Sanaa, dove si pensa fossero custoditi anche i missili Scud caduti nelle mani dei ribelli. I morti dopo quasi quattro settimane di bombardamenti sono oltre 900. Secondo i testimoni, scontri a fuoco sono stati segnalati questa mattina ad Aden, seconda città dello Yemen, a Taez, Dhaleh e a Huta.

Gli stati uniti intanto hanno deciso di mantenere alcune navi da guerra “nella regione del Golfo Persico per garantire la libertà di navigazione”, afferma il presidente americano Barack Obama, aggiungendo che gli Usa hanno detto agli iraniani che “se ci fossero consegne di armi alle fazioni yemenite, questo potrebbe minacciare la navigazione e sarebbe un problema”. Il coinvolgimento iraniano in Yemen, ha detto ancora Obama, può solo complicare la ricerca di una soluzione del conflitto tra le forze governative e ribelli sciiti Houti: “Quello che dobbiamo fare – ha detto – è portare tutte le parti a un tavolo e trovare un accordo politico. Abbiamo indicato agli iraniani – ha aggiunto – che devono essere parte della soluzione, non parte del problema”.

Il dispiegamento di una portaerei degli Stati Uniti al largo delle coste dello Yemen è focalizzato a garantire il libero flusso del commercio e la libertà di movimento nel Golfo di Aden e nel Mar Rosso, ha detto il portavoce Josh Earnest. affermando che il dispiegamento della "Theodore Roosevelt" non è legato al trasporto delle armi nelle navi da guerra iraniane agli Huthi, sottolineando tuttavia che gli Stati Uniti sono preoccupati per il sostegno iraniano ai ribelli.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'incendio al Cameron House Hotel in Scozia
SCOZIA

Fiamme in un hotel di lusso: 2 morti

Le fiamme hanno distrutto una grande porzione della struttura turistica
Incendio in una fabbrica in India
INCIDENTI SUL LAVORO IN INDIA

Mumbai, rogo in una fabbrica di dolci: 12 morti

Il calore sprigionato dal rogo ha causato un rapido cedimento di parte della struttura
Altero Matteoli
POLITICA IN LUTTO

Morto l'ex ministro Matteoli

Fatale un incidente all'altezza di Capalbio. Cordoglio nel mondo delle istituzioni
Pier Carlo Padoan
CASO BANCHE

Padoan: "Mai autorizzati colloqui dei ministri"

Il titolare del Mef: "Sugli istituti di credito la responsabilità è di via XX Settembre"
Il premier austriaco Sebastian Kurz
AUSTRIA

Il governo Kurz giura tra le proteste

L'esecutivo sostenuto dall'ultradestra dell'Fpoe entra in carica. Manifestazioni a Vienna
Luigi Di Maio
ELEZIONI

Di Maio apre alle alleanze

Il candidato premier M5s non esclude coalizioni: "Il 40% o governiamo con chi ci sta"
Marco Orsi e Luca Dotto
NUOTO | EUROPEI

Dotto, Orsi, Sabbioni: a Copenaghen brillano le stelle azzure

L'Italia vince la classifica per nazioni del torneo continentale di vasca corta con 959 punti
Un tunisino durante le proteste del 2011
PRIMAVERE ARABE

La Tunisia celebra la "rivoluzione dei gelsomini"

Sette anni fa scoppiava la rivolta che portò alla caduta di Ben Ali
I due presunti assassini: Raffaele Rullo e Antonietta Biancaniello
OMICIDIO LA ROSA

Il presunto killer: "Non sono stato io"

La madre ha dichiarato di aver fatto tutto da sola
Jacqueline de la Baume Dürrbach, Il cartone del Guernica esposto in Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Roma
PICASSO

In mostra "Guernica icona di pace"

Alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018