MARTEDÌ 02 LUGLIO 2019, 00:11, IN TERRIS


USA

Allarme nervino: evacuata la sede di Facebook

Possibile presenza di sarin in un plico recapitato a Menlo Park, in California: nessun contagiato. Si indaga

DM
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
L'insegna all'ingresso della sede di Facebook
L'insegna all'ingresso della sede di Facebook
Q

uattro edifici evacuati del quartier generale di Facebook, nella Silicon Valley, allertati per la possibile presenza di un pericoloso gas all'interno degli spazi. Secondo quanto riferito, una busta recapitata al magazzino dell'ufficio postale, situato nel perimetro della struttura, sarebbe risultato positivo al sarin, quindi a una sostanza riconducibile al gas nervino, ritenuta estremamente pericolosa poiché portatrice di effetti anche letali. L'allamre è scattato quando l'orologio locale segnava le 11 del mattino: secondo quanto riportato dal Tehelgraph, il pacco sospetto sarebbe stato ricevuto e sottoposto ad alcuni controlli prima di essere aperto. Come spiegato da Anthony Harrison, sono stati immediatamente evacuati "4 edifici e stiamo conducendo un'inchiesta in coordinamento con le autorità locali".


L'evacuazione

Una mattinata di paura, dunque, negli uffici che costituiscono il nucleo operativo del social network creato da Mark Zuckerberg, a Menlo Park: sulla vicenda indagano le Forze dell'ordine, le quali avranno il compito di capire se, effettivamente, la sostanza riscontrata a una prima analisi (e riportata dai media americani) fosse realmente sarin e, quindi, potenzialmente mortale per i dipendenti del centro. Le autorità, a ogni modo, non escludono che il plico potesse essere un cosiddetto "falso positivo" anche perché, almeno per ora, non è giunta notizia di persone contagiate o intossicate dalla sostanza, estremamente rischiosa poiché incolore e inodore, facilmente trasmissibile per contatto o inalazione.


Il precedente

Nonostante la situazione sia rapidamente tornata alla normalità, quanto accaduto in California riporta alla mente la pericolosa stagione del nervino di un anno fa a Salisbury, quando il gas tornò alla ribalta delle cronache internazionali poiché ritenuto la sostanza responsabile (nella sua forma Novichok) dell'avvelenamento dell'ex 007 sovietico Sergej Skripal e di sua figlia Yulia, per i quali fu necessaria una lunghissima degenza prima che potessero riprendersi. Una vicenda che presenta tuttora dei punti oscuri e che, nella primavera del 2018, aveva riacceso tensioni crescenti fra il Regno Unito e la Russia, ritenuta autrice del tentato avvelenamento da parte delle autorità britanniche.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un pompiere
TREZZANO SUL NAVIGLIO (MILANO)

Incendio in un capannone, due feriti gravi

Ustionati tre operai, due in codice rosso. Sono i dipendenti di una ditta che lavora cannabis legale
La cantante Emma Marrone al Festival di Sanremo 2013
CANTANTI

Emma Marrone si ferma: "Devo affrontare un problema di salute"

La vicinanza dei colleghi, da Pausini a Nek: "Forza, siamo tutti con te"
Frame di uno dei video che riprende un oggetto volante non identificato - Video © U.S. Department of Defense
EXTRATERRESTRI

Gli Ufo esistono: parola della Marina Usa

Le prove nei filmati diffusi tra il 2017 e il 2018 dal New York Times
I disordini a Torino del 9 febbraio - Foto La Stampa
TORINO

Operazione della Digos contro anarchici: due arresti e 37 indagati

I divieti di dimora sono undici, anche cittadini stranieri. La sera della protesta fermate già undici persone
Staff dell'Oim in Libia - Foto © Organizzazione mondiale per le migrazioni
IMMIGRAZIONE

Libia: migrante in fuga ucciso con un colpo di arma da fuoco

L'uomo, di origini sudanesi, faceva parte di un di persone riportate a terra dalla Guardica costiera Libica
Washington. Transenne nella zona di Columbia Heights
USA

Spari a Columbia Heights: paura a Washington

Ancora non chiara la dinamica, i colpi esplosi non lontano dalla Casa Bianca. Almeno un morto e sei feriti, due gravi
Papa Francesco con un bambino malato - Foto © L'Eco di San Gabriele

Chi ha paura di Papa Francesco?

Se i social fossero uno specchio veritiero della realtà, dovrebbe esserci uno scisma al giorno. E invece,...
Roma-Basaksehir 4-0. Nicolò Zaniolo esulta dopo aver siglato il tris giallorosso - Foto © Twitter
EUROPA LEAGUE

Roma sul velluto, Basaksehir affondato: 4-0

All'Olimpico apre un'autorete di Caiçara, poi Dzeko, Zaniolo e Kluivert. La Lazio cade a Cluj
Palazzo Chigi, sede della Presidenza del Consiglio
GOVERNO

Consiglio dei ministri approva il "decreto cybersecurity"

Introdotto il "golden power" a garanzia del mercato azionario italiano. Assente il dl del ministro Costa
Tor Bella Monaca (Foto-Cgil Roma Rieti)
PERIFERIE

Tor Bella Monaca: famiglia di rom mandata via da una protesta

Il nucleo di quattro persone era legittimo assegnatario di un alloggio popolare, ora potrebbe rinunciare
Rider
L'INCHIESTA

Milano, la Procura indaga sul giro dei riders

Sotto la lente degli inquirenti le ipotesi di presunto caporalato e possibile violazione degli standard di sicurezza
Justin Trudeau
CANADA

Nuova bufera su Justin Trudeau

Time pubblica una foto giovanile del premier con un travestimento "blackface". Scuse immediate ma è polemica