MARTEDÌ 12 FEBBRAIO 2019, 12:41, IN TERRIS


SPAGNA

Alla sbarra gl'indipendentisti catalani

Al via "El proces": 12 imputati, grande assente Puigdemont

EDITH DRISCOLL
Manifestazione in Catalogna
Manifestazione in Catalogna
"M

i chiedo perché l'Unione europea appaia più preoccupata dal Venezuela che da quel che accade oggi a Madrid: abbiamo bisogno di una voce chiara dall'Ue in difesa dei diritti dell'uomo e dei diritti fondamentali del mondo. Quel che accade a Madrid deve interessare tutti i democratici del mondo". Lo ha detto l'ex presidente catalano Carles Puigdemont nel giorno dello storico processo a Madrid contro i leader indipendentisti, parlando di "processo politico".  


"El proces"

I dodici secessionisti alla sbarra, in detenzione preventiva da 15 mesi, sono usciti dai carceri madrileni di Alcalà Meco e Soto del Real e sono diretti in due furgoni verso le aule dove si terranno le udienze. Tra di essi, l'ex vicepresidente Oriol Junqueeras. Sono accusati per aver organizzato il referendum consultivo sull'indipendenza della Catalogna ed espresso la dichiarazione unilaterale di indipendenza della regione spagnola.


Le accuse

In Spagna l'evento catalizza l'attenzione, non a caso il procedimento giudiziario viene chiamato "el proces", il processo per antonomasia. Malversazione, sedizione e ribellione sono le accuse di cui devono rispondere i 12 leader politici. Oltre a Junqueras, gli accusati sono gli ex consiglieri Jordi Turull, Josep Rull, Joaquim Forn, Raul Romeva, Dolores Bassa, Santi Vila, Carles Mundò e Meritxell Borras; l'ex presidente del Parlamento Carme Forcadell e i rappresentanti delle associazioni sovraniste Anc e Omnium Cultural, Jordi Sanchez e Jordi Cuixart. La procura chiede pene che vanno dai 7 ai 25 anni di prigione per i crimini di ribellione, appropriazione indebita e disobbedienza, mentre l'avvocatura dello Stato pene tra i 7 a 12 anni di carcere per l'accusa di sedizione. L'estrema destra di Vox, che si è costituito parte civile, chiede pene dai 24 a 74 anni

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Conferenza Parole Guerriere alla Camera
LA RAI DEL CAMBIAMENTO

Foa: "Valorizzare l'informazione alternativa"

Il presidente del servizio pubblico ha partecipato al seminario del M5s "Parole guerriere"
Migranti minori in Italia
RAPPORTO MINORI MIGRANTI IN ITALIA

Unicef: "Obiettivo 2019, raggiungere 6mila ragazzi"

"Manca il 30% dei fondi necessari per raggiungere questi risultati"
SCUOLA

Studenti in piazza contro il nuovo esame di maturità

Gli alunni: "Bocciamo il governo"
Matteo Messina Denaro
CAMPOBELLO DI MAZARA (TP)

Soldi alla famiglia di Messina Denaro: 3 fermi

Un avviso di garanzia è stato notificato al deputato regionale di Forza Italia Stefano Pellegrino
I manifesti contro Juncker e Soros
PPE

Fidesz di Orban rischia l'espulsione

Non rientra il caso degli attacchi a Juncker da parte del governo ungherese
Gianfranco Duini e la vittima, Claudia Bortolozzo
MARGHERA (VE)

Uomo uccide la moglie, poi si costituisce

Gianfranco Duini, 43enne, ha accoltellato la consorte, Claudia Bortolozzo di 52