MARTEDÌ 12 MAGGIO 2015, 13:00, IN TERRIS

ALGERIA, IL CASO DEGLI STUDENTI VIOLENTI: OLTRE 40 MILA EPISODI IN UN ANNO

Il fenomeno di bullismo non è solo tra i ragazzi ma vede gli stessi insegnanti tra le vittime

HORTENSIA HONORATI
ALGERIA, IL CASO DEGLI STUDENTI VIOLENTI: OLTRE 40 MILA EPISODI IN UN ANNO
ALGERIA, IL CASO DEGLI STUDENTI VIOLENTI: OLTRE 40 MILA EPISODI IN UN ANNO
In Algeria il fenomeno della violenza giovanile diventa sempre più diffuso, tanto da aver "scomodato" l'ispettore generale del Ministero dell'Educazione nazionale, Medjadi Messeguem. Nelle scuole e negli istituti superiori del Paese sono stati segnalati solo nell'ultimo anno circa 40 mila casi di aggressività tra i banchi. E' una stima però che secondo esperti del Ministero è stata arrotondata per difetto, lasciando intendere che molti altri episodi potrebbero essere non denunciati per paura.

Le esplosioni di violenza non coinvolgono solo i gruppi di studenti, ma anche i professori sempre più spesso vittime di questa sorta di "bullismo" ormai consolidato. Medjadi Messeguem ha parlato di questa delicata questione nel corso di una intervista rilasciata alla radio nazionale, senza cercare di ridimensionare il fenomeno che sembra non avere confini geografici precisi, dal momento che si manifesta in ogni provincia e in moltissime città.

Non si tratta però solo di semplice violenza tra gruppi di ragazzi, l'aggressività di questi adolescenti si manifesta anche con atti di vandalismo, uso di sostanze stupefacenti e consumo di bevande alcoliche, ma anche di racket, ad opera di studenti che taglieggiavano loro colleghi. Un disagio che il Ministero dell'Educazione nazionale ha deciso di affrontare alle sue radici per capire le motivazioni che spingono i giovani a questo tipo di azioni. Il primo obiettivo è valutare se questi rabbia sia conseguenza di emarginazione sociale e familiare da cui provengono gli alunni e gli studenti o se per parte sua la scuola non sia corresponsabile di quanto accade.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Una partecipante al corteo pro migranti a Roma
ROMA

Corteo pro migranti: "Diritti senza confine"

Gli organizzatori: "Oltre 15 mila partecipanti"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau