GIOVEDÌ 06 DICEMBRE 2018, 15:48, IN TERRIS

SVEZIA

Al via i negoziati sullo Yemen

L'inviato Onu Griffiths: "Lavoriamo per un accordo". Ma il dialogo tra le parti è difficile

LUANA POLLINI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Martin Griffiths, inviato Onu in Yemen
Martin Griffiths, inviato Onu in Yemen
A

l via in Svezia i negoziati per la pace in Yemen. "Non è stato facile portare tutte le parti al tavolo", ha detto l'inviato delle Nazioni Unite nel Paese arabo, Martin Griffiths, aprendo i lavori in cui è stato definito l'accordo sullo scambio di prigionieri tra le forze filo-governative e i ribelli houthi.


Al lavoro

"Lavoreremo nei prossimi giorni per raggiungere un accordo che allevi la sofferenza degli yemeniti", ha aggiunto il diplomatico britannico. "Ringrazio l'Arabia Saudita e l'Alleanza araba per il loro sostegno volto a facilitare i negoziati di pace".


La minaccia

Il dialogo, però, resta complicato. Lo dimostrano le parole di uno dei leader houti, che ha minacciato la chiusura alle Nazioni Unite dell'aeroporto della capitale Sanaa, se non sarà riaperto anche al resto dei voli. "Se durante i colloqui di pace in Svezia non si deciderà l'apertura dell'aeroporto della capitale al popolo yemenita, chiederà al Consiglio politico e al governo (dei ribelli) di chiudere lo scalo a tutto il traffico aereo", ha twittato Mohamed Ali al-Houthi, capo della cosiddetta Commissione Rivoluzionaria Suprema del movimento Ansarullah. "Nel caso in cui l'aeroporto non sia aperto, i funzionari delle Nazioni Unite saranno in grado di raggiungere Sanaa solo come tutti gli altri viaggiatori, che hanno bisogno di 15 ore per arrivare su strada", ha scritto l'esponente ribelle. L'aeroporto internazionale è stato chiuso al traffico commerciale civile dopo l'intervento militare della coalizione araba a guida saudita contro i ribelli. Al momento, per atterrare e decollare da Sanaa, gli aerei delle Nazioni Unite hanno bisogno di un'autorizzazione della coalizione


L'assedio

Il governo internazionalmente riconosciuto dello Yemen ha chiesto, dal canto suo, il ritiro di tutti i ribelli dalla città occidentale di Hodeidah, l'unico porto in mano agli houthi e il cui blocco ha messo a rischio l'arrivo di cibo e medicinali nelle zone da questi controllate. Il ministro degli Esteri yemenita Khaled al-Yamani ha chiesto su Twitter ai ribelli "di ritirarsi completamente dalla costa occidentale e di consegnare al governo legittimo la regione". Hodeidah è oggetto da mesi di un'offensiva delle forze filo-governative contro i ribelli sciiti filo-iraniani huthi, che è stata interrotta a metà novembre per favorire i colloqui di pace. La caduta della città potrebbe determinare il crollo del fronte ribelle. La Fao ha fatto sapere di essere disposta a svolgere un ruolo di supervisione nell'amministrazione del porto yemenita, ma il governo internazionalmente riconosciuto ha rifiutato questa proposta. 

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
CARITAS

Ristorante Solidale per Natale: ecco il "Piatto Sospeso"

I cibi saranno raddoppiati da Just Eat e donati a comunità e case famiglia bisognose
IL PUNTO POLITICO

Quel che resta dopo il Mes

La maggioranza tiene e approva la risoluzione sul Fondo salva Stati, ma nel M5S votano contro in quattro parlamentari
Il sindaco di Scalea Gennaro Licursi
COSENZA

Si assenta dal posto di lavoro: arrestato il sindaco di Scalea

Sospensi tre dipendenti dell'Asp accusati di essere complici del primo cittadino, Gennaro Licursi
Pastore con le greggi
UNESCO

La Transumanza è Patrimonio culturale immateriale dell’umanità

Bellanova: "Siamo fieri di questo riconoscimento per la tradizione rurale italiana"
Il crollo a Montelupo Fiorentino
FIRENZE

Crolla muro a Montelupo: evacuate 5 famiglie

Il Sindaco: "Ho temuto il peggio, zona altamente frequentata per la presenza di ristoranti"
Marta Cartabia

Buone notizie

Grandi soddisfazioni per la nomina di Marta Cartabia alla presidenza della Corte Costituzionale, per la forte ragione...
Il Banco dell'Agricoltura dopo l'esplosone

Piazza Fontana, una strage senza giustizia

Diciassette morti, uccisi dalla bomba piazzata al Banco dell'Agricoltura. Cinquant'anni dopo, un buco nella coscienza...

Il profitto ad ogni costo

In una barzelletta si racconta un processo per disastro edilizio per il quale vengono convocati in tribunale il...
Giuseppe Conte in Senato
IL VOTO

Mes, il governo supera lo scoglio del Senato

Ok delle Camere alla risoluzione della maggioranza ma il M5s si spacca sui dissidenti
EMERGENZA STRESS

9 adulti su 10 a rischio burnout in ufficio

Affaticamento mentale in aumento. Migliora l'inserimento nel mondo del lavoro delle persone con disabilità
RIFLESSIONE

Una buona giornata per le donne

In un solo giorno tante "prime volte" per le donne nel mondo
ISTRUZIONE

E' boom di ripetizioni

Uno studente su tre prende lezioni private per alzare la media dei voti o per recuperare il deficit di apprendimento nelle aule...