MERCOLEDÌ 15 LUGLIO 2015, 18:30, IN TERRIS

ACCORDO SUL NUCLEARE, OBAMA RASSICURA ISRAELE E ARABIA SAUDITA

Inoltre il presidente statunitense ha "minacciato" il Congresso di porre il veto su qualsiasi proposta di legge "mirata a prevenire l'implementazione dell'intesa"

AUTORE OSPITE
ACCORDO SUL NUCLEARE, OBAMA RASSICURA ISRAELE E ARABIA SAUDITA
ACCORDO SUL NUCLEARE, OBAMA RASSICURA ISRAELE E ARABIA SAUDITA
L'accordo tra i Paesi del 5+1 (Usa, Russia, Cina, Francia, Gran Bretagna e Germania) e l'Iran sul programma nucleare della Repubblica Islamica è stato raggiunto ieri e non sono mancate le polemiche che il presidente Barack Obama ha definito "critiche sbagliate". Il capo si Stato a stelle e strisce ha telefonato al re saudita Salman per discutere sull'intesa siglata ieri a Vienna. L'annuncio è stato fatto da un portavoce della casa Bianca, dopo che nella giornata di ieri le autorità saudite avevano espresso l'augurio che, in seguito all'accordo, Teheran "metta fine alla sua interferenza nella regione".

"Visto che l'Iran è un Paese vicino - ha dichiarato un portavoce del governo - l'Arabia Saudita spera di costruire con esso relazioni migliori in tutti i settori, sulla base del buon vicinato e della non interferenza negli affari interni". In un'intervista rilasciata in forma anonima alla Cnn, una fonte ufficiale saudita aveva affermato che il governo statunitense ha commesso un "grave errore storico". "Il presidente Obama - ha continuato la fonte - ha lasciato una pesante eredità al suo successore, che dovrà gestirla e correggerla".

La telefonata alle autorità di Abu Dhabi arriva qualche ora dopo quella fatta al premier israeliano Benyamin Netanyahu che aveva definito l'accordo "un errore di grave portata storica", ipotizzando che il governo di Teheran avrà così la possibilità di dotarsi di armi atomiche e "disporrà adesso di centinaia si miliardi di dollari con i quali potrà rilanciare i meccanismi di terrorismo, il suo espansionismo e la sua aggressività in Medio Oriente e in tutto il mondo".

Nel frattempo Obama ha spiegato che l'accordo con l'Iran - raggiunto dopo 21 mesi di trattative - si basa su "verifiche e non sulla fiducia". Inoltre il presidente degli Stati Uniti ha dichiarato di essere sicuro di aver lavorato ad un'intesa nell'interesse della sicurezza nazionale e ha promesso di porre il veto a qualsiasi proposta di legge del Congresso "mirata a prevenire il successo dell'implementazione dell'accordo".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Monsignor Antonio Riboldi
NAPOLI

Addio a monsignor Riboldi, protagonista della lotta alla camorra

Il vescovo emerito di Acerra (Napoli) si è spento all'età di 94 anni
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella
MATTARELLA

"Il rispetto dei diritti umani è il pilastro di una società giusta"

Il messaggio del presidente della Repubblica in occasione della Giornata mondiale per i diritti umani
Il Duomo di Milano
CONCERTO DI NATALE

Arie sacre in Duomo di Milano

In scaletta le più belle "Ave Maria" del reportorio classico
La Stazione spaziale internazionale
MICRORGANISMI IN ORBITA

Trovati batteri terrestri all'interno della Stazione Spaziale

Sono stati portati in orbita dagli astronauti
il vescovo di Mazara del Vallo, monsignor Domenico Mogavero

Il senso d'umanità

In seguito alla decisione del Tribunale di sorveglianza di Roma che ha respinto la sua richiesta di sospensione della...
Una frazione di gioco di Juventus-Inter
CALCIO | SERIE A

Juve-Inter a reti bianche: Spalletti è ancora primo

I bianconeri giocano meglio ma non sfondano: 0-0. Il Napoli può tornare davanti