GIOVEDÌ 26 LUGLIO 2018, 18:24, IN TERRIS


MIGRANTI

A Ceuta l'assalto
dei 600

Superata la recinzione che separa il Marocco dall'enclave spagnola. Ventidue agenti feriti

REDAZIONE
L'assalto alla rete di Ceuta
L'assalto alla rete di Ceuta
N

uova giornata di tensioni a Ceuta. Circa 600 migranti hanno assaltato e superato la recinzione che separa il Marocco dall'enclave spagnola.


L'assalto

Negli scontri con la polizia spagnola sono rimasti feriti 22 agenti. Si tratta dall'assalto più imponente dal febbraio del 2017, quando ci riuscirono in 850. La Croce Rossa ha soccorso 132 feriti. L'Associazione spagnola delle guardie civili (Aegc) ha riferito che gli immigrati, armati di cesoie e bastoni, hanno lanciato contro gli agenti oggetti appuntiti, calce, sostanze corrosive, escrementi e urina" e 22 i feriti sono stati trattati per "ustioni chimiche, occhi infiammati, lividi e disturbi respiratori". Dopo essere entrati in Spagna, i migranti si riversati in strada e hanno raggiunto un vicino centro di accoglienza, in cui si trovano ora 1.200 persone, piu' del doppio di quante ne possa alloggiare.


Andalusia

L'emergenza non riguarda solo Ceuta, ma anche l'Andalusia. Il sistema di accoglienza nella provincia di Cadice, che si affaccia sullo Stretto di Gibilterra, è al collasso dopo lo sbarco di circa 1.300 persone negli ultimi tre giorni, in particolare nella città di Algeciras, che, avvertono le autorità, rischia di diventare la "nuova Lampedusa". Oggi altre 329 persone sono state soccorse dalla Guardia costiera spagnola a largo dell'isola di Alboran e nello Stretto di Gibilterra. Si trovavano a bordo di 18 imbarcazioni intercettate. Si tratta per lo piu' di persone provenienti dall'Africa sub-sahariana, tra loro anche donne e bambini. 


Emergenza

A Malaga, che non ha centri di accoglienza, migliaio di persone arrivate negli ultimi sei mesi sono senza alloggio: si sta cercando di sistemarle in strutture sportive. "Dobbiamo definire azioni per le persone che arrivano sulle nostre coste per non diventare la nuova Lampedusa del Mediterraneo occidentale", ha avvertito il sindaco di Algeciras (e senatore del Partito Popolare) Josè Ignacio Landaluce, parlando con il quotidiano El Mundo. Landaluce ha invocato un coordinamento con l'Unione europea. "Questo non è un problema del sindaco di Algeciras o del ministro dell'Interno spagnolo, è una questione europea", ha sottolineato. La situazione più difficile, riporta El Pais, si registra nella baia di Algeciras ma si sta complicando anche in altri comuni andalusi dove l'affluenza degli immigrati via mare dall'Africa ha già superato di gran lunga le capacità
dell'apparato di accoglienza.
 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
RIMINI

Anziani maltrattati, sequestrata casa di riposo

Arrestata la titolare della struttura
La sede della Bce
FRANCOFORTE

Bce, stop al Qe da gennaio e tassi fermi

Draghi: "Dati più deboli di quanto atteso. I bond in scadenza saranno reinvestiti"
Sala slot
CODACONS

Stop al proliferare delle sale slot in Puglia

La legge: "Divieto di esercizio in un raggio inferiore ai 500 metri dai siti sensibili"
Selattin Demirtas
TURCHIA

Demirtas contro i giudici: "Amici di Erdogan"

Respinta la richiesta di scarcerazione. L'ex leader filo curdo: "Vi allineate all'Akp"
GROSSETO

Quindici bimbi intossicati dal monossido di carbonio

Per alcuni di loro si è reso necessario il ricorso alla camera iperbarica
Soldatesse-bambine nelle Farc
ARGENTINA

Onu: "Proteggere coloro che difendono i diritti umani"

Coscientizzare la popolazione sull’importanza del rispetto e creare delle reti sociali
Il luogo dell'incidente
FRANCIA

Gilet Gialli: 23enne investito e ucciso da un camion

L’autista del mezzo pesante, 26 anni, è stato fermato e interrogato
Cristiani in Iran
IRAN

Arrestati più di 100 cristiani nell'ultima settimana

Secondo l'organizzazione Open Doors continua il clima di persecuzione ai danni della minoranza religiosa
SICILIA

Registrate tre scosse di terremoto in poche ore

L'epicentro individuato sulle Madonie, a Gangi
Omaggio alle vittime
ATTACCO A STRASBURGO

Il killer: "Vendetta per la Siria"

Chekatt lo avrebbe detto al tassista che lo ha accompagnato dopo l'attentato