DOMENICA 06 NOVEMBRE 2016, 13:35, IN TERRIS

Cacace: "Se torno in Libia le mie figlie mi sparano"

L'abbraccio dei familiari ai due tecnici rapiti e liberati l'altra notte. Calonego: "L'abbiamo scampata"

MATTIA SHERIDAN
Cacace:
Cacace: "Se torno in Libia le mie figlie mi sparano"
L'incubo è finito ma nelle parole di Bruno Cacace e Danilo Calonego c'è ancora l'eco dei giorni terribili del rapimento subito in Libia il 19 settembre scorso insieme a un collega italo-canadese, Frank Poccia. Dopo la loro liberazione i due tecnici dell'impresa Con.I.Cos. sono tornati in Italia, dove sono stati ascoltati a Roma dal pm Sergio Colaiocco che indaga per sequestro di persona con finalità di terrorismo. Dopo il lungo interrogatorio, nella caserma del Ros dei carabinieri a Ponte Salario, nella notte, finalmente, il ritorno a casa. "L'ho proprio scampata. Stavolta ho rischiato grosso. Potevo rimetterci la vita" ha detto Danilo Calonego appena ha riabbracciato i suoi familiari a Peron di Sedico, in provincia di Belluno, questa notte alle 2. "L'ho visto molto provato, stanco – ha raccontato Daniela, una delle due sorelle - ma felice. Ci ha detto che stavolta ha rischiato molto, che poteva rischiare la vita, ma era contento dell'esito positivo della vicenda. Ha detto che ogni giorno pensava alla mamma. Ha 94 anni e le abbiamo sempre raccontato che Danilo era all'estero per lavoro, per questo non la chiamava".

Stesse scene di gioia a Borgo San Dalmazzo, nel Cuneese, dove è rientrato Bruno Cacace. "Se torno in Libia le mie figlie mi sparano, non posso tornare" ha detto nel cortile di casa parlando con i giornalisti. Insieme a lui la figlia Stefania e la mamma, Maria Margherita Forneris. Questa sera è previsto l'arrivo dell'altra figlia, Lorenza, che vive a Parigi. "Io piango poco, ma le mie figlie hanno pianto molto" ha detto il tecnico italiano. "Sto bene, questa notte ho dormito" aggiunge. Poi, riferendosi al giorno in cui è stato rapito, racconta: "Ho capito subito che non volevano solo la macchina, ho capito subito che era un'altra cosa. Fortuna che siamo qui a raccontarlo...". “Sono stati giorni infernali” commenta la mamma Maria Margherita - Ho avuto tanti momenti di sconforto, ma la comunità di Borgo ci è stata vicino. Faremo una festa di famiglia e una festa di ringraziamento. Siamo felicissimi tutti quanti”.
I due tecnici hanno spiegato al magistrato che i loro rapitori non erano jihadisti. Bevevano alcol e non pregavano. Si sarebbe trattato di una banda di criminali convinta che a bordo dell'auto su cui viaggiavano i due italiani insieme a Poccia ci sarebbe stato in realtà il manager libico della Con.I.Cos. Quel giorno, infatti, era prevista la cerimonia di consegna dell'aeroporto di Ghat e i banditi erano convinti di trovare il manager con i soldi dei lavori. Secondo le vittime del sequestro, uno dei rapitori avrebbe anche esclamato “Non è lui”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau
Paolo Gentiloni e Maria Elena Boschi in una foto d'archivio
BRUXELLES

Gentiloni difende il ministro Boschi

Il premier: "Ha chiarito, sarà candidata Pd"
Il museo Must di Vimercate
MOSTRA

"Il Segno del '900": da Cezanne a Picasso, da Kandinskij a Fontana

Dal 16 dicembre 2017 all'11 marzo 2018 presso il Museo del territorio di Vimercate (MB)
Lo Sferisterio di Macerata
MACERATA OPERA FESTIVAL

Il Mof si tinge di "verde speranza"

Le opere: Flauto magico, Elisir d'Amore e Traviata degli specchi
Maria Elena Boschi

La solita storia

Gran rumore sulla vicenda di Maria Elena Boschi e del suo ‘interesse’ per la Banca Etruria di cui il suo...
Megan e Harry
REGNO UNITO

Il 19 maggio le nozze di Harry e Megan

Il matrimonio sarà celebrato nella cappella di San Giorgio del castello di Windsor