SABATO 03 SETTEMBRE 2016, 12:54, IN TERRIS

LIBIA, LE MILIZIE POSTANO I DOCUMENTI DELL'ISIS: "ECCO LA LORO LEGGE"

Le carte riguardano le disposizioni adottate dai fondamentalisti per matrimoni e divorzi

EDITH DRISCOLL
LIBIA, LE MILIZIE POSTANO I DOCUMENTI DELL'ISIS:
LIBIA, LE MILIZIE POSTANO I DOCUMENTI DELL'ISIS: "ECCO LA LORO LEGGE"
L'Isis senza segreti. Dopo la liberazione (non ancora conclusa) della città di Sirte - roccaforte libica del Califfato - le forze libiche hanno rinvenuto e resi pubblici nuovi documenti sulla vita quotidiana sotto il dominio dell'Isis. Le milizie dell'operazione al Bunyan al Marsous hanno postato sulla loro pagina Facebook una serie di documenti ritrovati nei palazzi riconquistati e sottratti ai jihadisti.

Le carte riguardano principalmente le "leggi" interne e le disposizioni adottate dai fondamentalisti. Si tratta di una trentina di documenti che attestano atti civili quali, ad esempio, divorzi, annullamenti di matrimonio o eredità. L'apostasia - vale a dire l'abbandono della fede islamica - o il coniuge che non aderisce all'Isis sono ritenuti dal giudice ottimi motivi per concedere il divorzio. Nei documenti si leggono anche le istruzioni e gli ordini che un fantomatico "emiro di Sirte" - il cui nome non viene però mai citato - dava al giudice "matrimonialista".

A Sirte intanto non cessano i raid aerei americani - 108 ad agosto e prolungati per altri giorni - concentrati sulle postazioni dell'Isis nell'area circostante la città, importante porto libico. Dal canto loro, le milizie legate al premier Fayez al Sarraj sostenuto dall'Onu, si dicono pronte alla "battaglia finale" ormai da settimane. La loro operazione, che si sviluppa strada per strada lungo i quartieri cittadini, era iniziata a maggio e si sta prolungando più del dovuto, con pesanti perdite umane militari e civili. Le offensive internazionali hanno infatti indebolito i jihadisti, ridotti a poche centinaia di combattenti, ma non li hanno ancora neutralizzati del tutto. Nessun insuccesso, assicurano gli esperti, ma solo un rallentamento nelle operazioni che puntano a sradicare il califfato dalle terre del defunto Gheddafi.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
STATI UNITI

Orrore in California: 13 fratelli tenuti in catene dai genitori

I due sono stati arrestati: i ragazzi, fra i 2 e i 29 anni, erano detenuti in condizioni inumane
Filippo Nogarin
ALLUVIONE DI LIVORNO

Indagato il sindaco Filippo Nogarin

Ipotesi di reato di concorso in omicidio colposo: "Non sono stupito". Nella tragedia persero la vita 8 persone
Dolores O'Riordan
LONDRA

Addio a Dolores O'Riordan, voce dei Cranberries

La cantante irlandese se ne va a 46 anni per cause ignote, aveva problemi di salute
Severino Antinori
SANITÀ E DIRITTO

Antinori: chiesta condanna a 9 anni di carcere

Il ginecologo è accusato del prelievo forzoso di ovociti ad un'infermiera
Immigrati fuori la Stazione Centrale di Milano
MIGRANTI

Per Fontana sono una minaccia per la "razza bianca"

Il candidato alla Regione Lombardia poi si scusa: "È stato un errore espressivo"
Scontri all'aeroporto di Tripoli
LIBIA

Scontri all'aeroporto di Tripoli: 16 morti

Nel conflitto sono impegnate la milizia Zamrina e le forze di deterrenza speciali
La nuova Ducati del Moto Mondiale 2018
MOTOGP 2018

Ecco la nuova Ducati di Lorenzo e Dovizioso

I piloti: "E' una moto bellissima. Vogliamo far divertire tanto i tifosi"
Il forte di Bard, in Valle d'Aosta
MOSTRE

Monet, Renoir e Boudin al Forte di Bard

Dal 3 febbraio al 17 giugno “Luci del Nord. Impressionismo in Normandia”