DOMENICA 21 AGOSTO 2016, 15:14, IN TERRIS

L'ONU CRITICA LE FILIPPINE: TROPPA VIOLENZA. E DUTERTE MINACCIA: "CE NE ANDIAMO"

La lotta alla droga passa per esecuzioni sommarie e giornalisti "imbavagliati". Sale lo scontro sui diritti umani

ANGELO PERFETTI
L'ONU CRITICA LE FILIPPINE: TROPPA VIOLENZA. E DUTERTE MINACCIA:
L'ONU CRITICA LE FILIPPINE: TROPPA VIOLENZA. E DUTERTE MINACCIA: "CE NE ANDIAMO"
Il presidente filippino Rodrigo Duterte ha minacciato di far uscire il Paese dall'Onu, dopo le critiche alla sua politica sulla droga. Lo riferisce la Cnn. Da quando è stato eletto, il 10 maggio, promettendo un giro di vite contro criminalità e droga, l'Onu stima ci siano state 850 persone uccise, 650 delle quali in sole sei settimane. Tre giorni fa, la Commissione diritti umani ha invitato Duterte ad adottare misure per porre fine agli assassini mirati e agli omicidi extragiudiziali. L'Onu "è inutile" ha detto Duterte.

Proprio il presidente delle Filippine, all'inizio di agosto ha accusato di legami con il traffico di droga oltre 150 tra giudici, sindaci, deputati e militari. Duterte ha subito rimosso i militari e poliziotti indicati e ha revocato la scorta ai politici menzionati. Il neopresidente ha fatto della lotta alla droga un cavallo di battaglia. Quasi 300 sospetti spacciatori di droga sono stati uccisi nelle Filippine nelle prime tre settimane della sua presidenza.

In discussione dunque non c'è l'obiettivo, che è condiviso, ma i metodi per ottenerlo. La sistematica violazione dei diritti umani, le sommarie esecuzioni non sono la strada corretta, secondo l'Onu, per debellare la piaga della droga.

Il relatore delle Nazioni Unite, Christof Heyns, ha puntato il dito contro le uccisioni e l'annullamento della libertà di espressione, condannando le dichiarazioni del Presidente eletto delle Filippine, Rodrigo Duterte, che giustifica l'uccisione di giornalisti.

Recentemente, Duterte ha infatti detto in una conferenza stampa che "solo perché sei un giornalista non significa che sei esente dall'essere ucciso se sei un figlio di una cagna". "Ammettiamo che ci sono giornalisti che sono morti inutilmente,. ha detto ancora - ma se sei in basso per me puoi morire, non mi interessa". LìOnu è insorto, ma Duterte non ha preso bene le critiche.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
INDONESIA

Sisma di 6.5 a Giava: morti e crolli

L'epicentro a 92 km dalla superficie: panico e gente in strada. Non è ancora chiara l'entità dei danni
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
La Suprema Corte australiana
AUSTRALIA

Rapporto sulla pedofilia, "una tragedia nazionale"

Presentate 409 raccomandazioni tra cui quella di rivedere il segreto della confessione e il celibato dei preti
Joe Biden
AUDIZIONI AL COPASIR

"Nessuna ingerenza russa": 007 italiani smentiscono Biden

L'ex vicepresidente Usa parlava di interferenze nella campagna per il referendum costituzionale
Assemblea regionale siciliana
PRESIDENZIALI ARS

Deficit di un voto, Micciché sfiora la nomina

Doppia fumata nera: rinviata a domani l'elezione del presidente dell'Assemblea siciliana
Calcio, Italia vs Spagna
MONDIALI RUSSIA 2018

Fuori la Spagna, dentro l'Italia

Per la Fifa le ingerenze del governo spagnolo possono essere sanzionate con l'esclusione della Roja dalla fase finale del...
Shopping natalizio per le vie di Milano
NATALE | COLDIRETTI

Il 39% degli italiani spenderà la tredicesima in regali

Ogni famiglia spenderà in media 528 euro tra cibo, viaggi e divertimento
Turista al Colosseo
MIBACT

Al via Passeggiate Fotografiche Romane

Dal 15 al 17 dicembre lungo 5 percorsi capitolini