GIOVEDÌ 30 MARZO 2017, 12:46, IN TERRIS

Ulivi nelle madrase: cristiani e musulmani insieme per la pace

Ne parla p. Francis Nadeem, Segretario esecutivo della Commissione nazionale per il dialogo interreligioso e l’ecumenismo della Cep

AUTORE OSPITE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Ulivi nelle madrase: cristiani e musulmani insieme per la pace
Ulivi nelle madrase: cristiani e musulmani insieme per la pace
“Il nostro obiettivo è incoraggiare e favorire la cultura della pace, la comprensione e l'armonia tra le religioni in Pakistan, specialmente tra musulmani e cristiani”. Sono le parole rilasciate da p. Francis Nadeem Ofm Cap, Segretario esecutivo della Commissione nazionale per il dialogo interreligioso e l’ecumenismo della Conferenza Episcopale del Pakistan (Cep), con le quali esprime gratitudine per l’operato della comunità cattolica, all’indomani di due iniziative promosse dalla Commissione. Lo riporta l'agenzia Fides.

Il primo evento ha riguardato l’Iftar, il rito di rottura del digiuno islamico il mese sacro del Ramadan, al quale hanno preso parte anche molti cristiani. Il secondo ha visto la piantumazione di alcuni alberi di olivo nel comprensorio islamico del Markiz Bilal, a Lahore, che include una moschea e una madrasa, la scuola di studi superiori.

P. Nadeeem ha raccontato all'organo di informazione delle Pontificie Opere Missionarieche tali gesti simbolici sono importanti per diffondere una cultura del dialogo e della pace: “L’ulivo ricopre un significato importante sia nella religione islamica che in quella cristiana ed è citato nei rispettivi libri sacri. Il gesto di piantare questi alberi - spiega il sacerdote - intende creare una buona atmosfera tra le religioni. Gli ulivi cresceranno e ricorderanno agli studenti che qui vivono e crescono nella fede, ma anche a tutti i fedeli e ai pellegrini che passeranno, il valore della pace, dell’accoglienza, della tolleranza, dell’armonia nella società”.

Shafat Rasool Nuri, che guida la comunità islamica sufi del complesso islamico Markiz Bilal, ha accolto la delegazione dei leader con grande benevolenza, affermando: “Vogliamo portare a tutto il mondo questo messaggio: siamo chiamati a lavorare insieme e a scoprire i punti in comune, guardando a quello che ci unisce. E’ utile conoscere e apprezzare le differenze, con lo scopo di comprendersi a fondo l'un l'altro, in pienezza, rispettarsi e amarsi”. Alla fine dell’incontro, altri leader musulmani hanno espresso il desiderio di piantare ulivi nelle madrase da loro guidate.

A conclusione dell'incontro, padre Nadeem ha ringraziato Shafat Rasool e gli altri leader religiosi intervenuti, ribadendo lo spirito della Commissione per il dialogo interreligioso e l'ecumenismo: "Lavorare senza sosta per edificare in Pakistan l’armonia tra persone di tutte le religioni".
Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Classe elementare

I meno pagati

I   Sindacati della Scuola hanno revocato lo sciopero programmato per il 17 maggio, a fronte della...
Milan-Lazio 0-1. Un contrasto fra Luiz Felipe e Castillejo
COPPA ITALIA

Correa stende il Milan: Lazio in finale

Una rete dell'argentino manda i biancocelesti alla loro decima finalissima con una tra Atalanta e Fiorentina
Aereo EasyJet
PAURA AD ALTA QUOTA

Tenta di aprire il portellone in volo: fermato dai passeggeri

Attimi di panico sul volo Londra-Pisa: l'uomo, un giovane con disturbi psichiatrici, è stato immobilizzato e poi...
Sergio Mattarella
25 APRILE

Mattarella: "Fu un secondo Risorgimento"

Il Capo dello Stato alle associazioni dei combattenti: "La Liberazione, un momento fondante della nostra democrazia"
Di Maio al tavolo permanente per il Contratto istituzionale di sviluppo.
TARANTO

Di Maio: "Tolta l'immunità penale per i vertici di Ilva"

L'annuncio del vicepremier non lo esenta da dure contestazioni dei cittadini
Lo striscione inneggiante a Mussolini
25 APRILE

Choc a Milano, striscione neofascista e saluti romani

Autori del gesto sarebbero alcuni ultrà laziali. La scritta "Onore a Mussolini" esposta nei pressi di Piazzale...