SABATO 15 LUGLIO 2017, 16:27, IN TERRIS

Liu Xiaobo tra silenzi e ipocrisie

GIANNI FONTANA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Liu Xiaobo tra silenzi e ipocrisie
Liu Xiaobo tra silenzi e ipocrisie
Molte cose ci dice la morte di Liu Xiaobo. Di chi? Appunto. La prima è che siamo ignoranti. Letteralmente. Non sappiamo nemmeno chi sia. Tranquilli: neanche mezza Cina lo sa. L’altra metà, invece, non sa ancora che è morto. Chi era? Un dissidente, dicono. Come dire che Michelangelo era uno scalpellino. Liu Xiaobo era molto di più. Era un martire della libertà. E se esiste davvero il Dio nel quale io credo, egli ora è con Lui.

Cosa chiedeva? Democrazia e fine del partito unico. Due cose che a noi sembrano normali, scontate, dovute. Non abbiamo lottato per averle, non ce le siamo guadagnate. Abbiamo trovato la “pappa pronta”. E ci permettiamo persino il lusso di guardare nel piatto, storcere il naso e lamentarci che la “minestra” è “poca” o, addirittura, non abbastanza “buona”. Ogni volta che ci viene voglia di allontanare da noi quel piatto, ricordiamoci di Liu Xiaobo, morto chiedendo per il suo popolo (1,4 miliardi di persone) un sorso di quell’acqua – la libertà – che noi sprechiamo, rovesciandola a fiumi per terra. Senz’acqua non c’è vita: ricordiamocelo.


Democrazia e fine del partito unico sono bestemmie per Pechino. Bestemmie che nessuna lingua deve osare pronunciare e nessun orecchio deve ascoltare. Liu Xiaobo è stato condannato a 11 anni di prigione per “incitamento alla sovversione del potere dello Stato”. Era la quarta volta che veniva privato della libertà: 1989-1990, 1995-1996, 1996-1999. Malgrado il Nobel per la Pace (ottenuto nel 2010, nonostante la diffida del governo cinese) e le pressioni – tiepide, in verità – dei governi occidentali, che chiedevano fosse liberato per essere curato (aveva un tumore al fegato), è morto prigioniero, all’ospedale di Shenyang, sotto gli occhi della moglie Liu Xia. Una donna – poetessa e dissidente, agli arresti domiciliari, isolata dal resto del mondo e ridotta alla fame e al disagio mentale dal regime – che non vedeva il marito da quasi 10 anni.

Cos’altro ci dice questa morte? Che siamo ignavi. Tutti: esseri umani, cittadini, governi, nazioni, continenti. “Il coraggio, uno non se lo può dare”, si giustificava Don Abbondio. Forse. O forse no. Ognuno risponda a se stesso. Certo è che gli interessisempre più interconnessi di questo mondo globalizzato, vengono non solo prima di libertà e democrazia (secondo il rapporto ‘Freedom in the World’ su 195 Paesi del mondo 49 – il 25% – ‘non sono liberi’ e 59 – il 30% – sono ‘parzialmente liberi’), ma persino prima di dignità e pietà.

La morte di Liu Xiaobo ci dice anche che siamo indifferenti. Non solo dell’altro non ci importa nulla, ma sarebbe molto meglio se girasse alla larga. È un fastidio, un ingombro, un ostacolo, un nemico. E va eliminato. Viviamo su una polveriera. Sotto di noi monta un odio che la politica non è in grado di ridurre né di contenere. Presto si scatenerà un tutti-contro-tutti nel quale l’unica legge sarà “mors tua vita mea”. Sicuri che staremo meglio? Se lo siete, allontanate pure il “piatto”. Altrimenti ringraziate quanti lo hanno “cucinato” per noi. Questa morte ci dice ancora un’ultima cosa:siamo ingratiPretendiamo che gli altri combattano per i nostri diritti – libertà, democrazia, benessere – e, poi, quando hanno bisogno di noi, ci voltiamo dall’altra parte. Chi si volterà verso di noi quando saremo noi ad aver bisogno di loro?
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Dispersione scolastica
RAPPORTO OXFAM

Cresce la dispersione scolastica

L'appello: "Il nuovo Governo investa nell’istruzione pubblica"
Italiani di seconda generazione
MIGRANTI

Istat: “I nuovi italiani sono oltre 1,3 milioni"

I bambini di seconda generazione costituiscono il 13% della popolazione minorenne
Il giornalista Angelo Paoluzi

È scomparso Angelo Paoluzi, firma del giornalismo italiano

Direttore di Avvenire, è noto il suo impegno per un'informazione cattolica
Migranti
MIGRANTI

Nuovi sbarchi a Lampedusa, hotspot in emergenza

Un centinaio di persone arriva direttamente in porto, il centro è sovraffollato. Altre 109 a bordo di Ocean Viking
Il ministro dell'Ambiente Sergio Costa
GOVERNO CONTE BIS

Decreto legge ambiente: sconti per chi rottama auto fino Euro4

Misure contro il consumo di plastica e per una mobilità sostenibile. Dal 2020 taglio 10% dei sussidi dannosi
OCSE

Crollano le richieste d'asilo in Italia: -58% nel 2018

Il dato nel rapporto annuale dell'Ocse "Migration Outlook". Lo scorso anno accolte oltre il 30% delle domande
La stazione Centrale di Milano
MILANO

Aggredisce militare e grida "Allah Akbar": "Volevo essere ucciso"

Espulso dalla Germania, non risulterebbero legami con il terrorismo. L'uomo, irregolare in Italia, è yemenita
Poligono di tiro

Quattro milioni di italiani armati

Cresce del 4% all'anno il numero di cittadini che hanno in casa un fucile o una pistola, quasi sempre per uso sportivo. Porto...
Delfino
ANIMALI

Non solo l'uomo: la resistenza agli antibiotici colpisce anche i delfini

Uno studio mette in luce i trend in linea con quelli dell'uomo.
Pirateria online
REATI ONLINE

Operazione europea contro le tv pirata: "spenta" Xtream Codes

Arrestato a Salonicco il fondatore e gestore della piattaforma. Solo in Italia gli utenti erano 5 milioni
Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella - Foto © Wiki
LAVORO

500 mila imprese: cantiere per la Roma del prossimo decennio

Giornata di dibattiti al Tempio di Adriano con il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella sul futuro della capitale
Simboli religiosi
DIALOGO INTERRELIGIOSO

"Liberiamoci dai fardelli della diffidenza che sfociano nell’odio"

L’arcivescovo di Matera-Irsina nel suo saluto alla delegazione interreligiosa di ebrei e musulmani