I BAMBINI IN PELLEGRINAGGIO PER LA PACE A LOURDES CON L’UNITALSI, IL PAPA: “PREGATE PER I PICCOLI MIGRANTI”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:44

Damiano, un bambino di otto anni, ha scritto qualche giorno fa una lettera per invitare il Papa ad andare con lui in pellegrinaggio per la pace a Lourdes. E, come oramai molto spesso, Francesco ha deciso di rispondere al piccolo che si trova nel santuario mariano francese insieme all’Unitalsi. “Pregate per i piccoli migranti che tentano viaggi speranza”, ha scritto il Papa nel suo messaggio di risposta a Damiano.

In realtà si è rivolto a tutti i bambini in “missione di pace a Lourdes” e li ha invitati a pregare “ai piedi della Madonna per chiedere la sua protezione”.  “Sono contento di questo vostro viaggio, favorito dall’Unitalsi, e voglio dirvi che vi accompagno con la preghiera: sentitemi accanto spiritualmente a ciascuno di voi, in particolare a voi piccoli ammalati. Dite con fiducia alla Madonna e al suo figlio Gesù le vostre attese, le vostre speranze, le vostre gioie le vostre sofferenze e confidate nell’aiuto del Signore e nel sostegno di Maria – ha scritto Papa Francesco nel suo messaggio -. La vostra sia una missione di preghiera e di testimonianza: fate vedere agli adulti che i bambini sono capaci di pregare, di volere bene a Gesù, l’amico che non tradisce mai, di aiutarsi reciprocamente, di sperare in un futuro migliore”.

Nella sua breve lettera di risposta Francesco ha invitato tutti i bambini a ricordare i “tanti piccoli che tantano il viaggio della speranza” e ha chiesto “di pregare per loro la Madonna di Lourdes”. “Rinnovo a ciascuno il mio saluto e il mio incoraggiamento e vi chiedo, – ha concluso Francesco – per favore, di pregare per me. Vi benedico di cuore”.   La lettera personale del Papa verrà letta nella giornata di oggi a Lourdes, a margine della grande processione eucaristica al santuario francese, nell’ambito del pellegrinaggio nazionale dell’Unitalsi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.