VENERDÌ 21 OTTOBRE 2016, 000:02, IN TERRIS

Prigionieri delle città

ANGELO PERFETTI
Prigionieri delle città
Prigionieri delle città
Più della metà della popolazione mondiale vive nelle città. Entro il 2030, si prevede che 6 persone su 10 saranno gli abitanti di una metropoli. La corsa verso una vita migliore vede ancora come obiettivo l’abbandono delle zone rurali e l’insediamento cittadino, ma oggi come oggi più che una risorsa diventa un rischio.

Siamo infatti abituati a pensare alle zone depresse (economicamente e socialmente) come quelle più difficili da vivere, ma la direzione che abbiamo preso da decenni è tutt’altro che rassicurante.

Già nel 2014 – conferma un’analisi dell’Unicef - il 30 per cento della popolazione urbana vive in condizioni pericolose quando addirittura inaccettabili. Come la crescita della popolazione supera di terreno disponibile, le città si espandono ben oltre i loro confini amministrativi formali. Questa espansione incontrollata è evidente in molte città di tutto il mondo, e non solo nelle regioni in via di sviluppo. Dal 2000 al 2015, il rapporto tra il tasso di consumo di suolo rapportato a quello di crescita della popolazione in Asia orientale e l'Oceania è stato il più alto del mondo. E per ogni 10 per cento di aumento abitativo, vi è un aumento del 5,7 per cento pro capite delle emissioni di anidride carbonica e un incremento del 9,6 per cento pro capite di inquinamenti pericolosi.

Allo stesso modo, la gestione dei rifiuti solidi è spesso problematico in aree densamente popolate. Infatti, in molte regioni di sviluppo, meno della metà di questi materiali è smaltita in modo sicuro.

L’inquinamento atmosferico urbano provoca malattie e milioni di morti premature ogni anno nel mondo. Nel 2014, circa la metà della popolazione urbana mondiale è stata esposta a livelli di inquinamento atmosferico almeno 2,5 volte superiore rispetto agli standard massimi stabiliti dall'Organizzazione Mondiale della Sanità.

Ecco, questa è la fotografia delle nostre città. E non è più rassicurante, nel lungo periodo, di una previsione catastrofica dovuta ad alluvioni o siccità. In questo caso, paradossalmente, non è la differenza di censo o classe a definire chi rischi e chi no. E’ l’aria stessa che respiriamo a fare da discriminante. L’uomo torna ad essere ciò che è, parte del creato, senza alcuna distinzione di sesso o colore della pelle. Nudo, di fronte alle proprie responsabilità. Dall’effetto serra alla cementificazione selvaggia, dal rischio idrogeologico all’inquinamento delle falde, sta al nostro discernimento decidere del futuro dell’umanità. E non basteranno quattro mura a proteggerci.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Shopping natalizio per le vie di Milano
NATALE | COLDIRETTI

Il 39% degli italiani spenderà la tredicesima in regali

Ogni famiglia spenderà in media 528 euro tra cibo, viaggi e divertimento
Turista al Colosseo
MIBACT

Al via Passeggiate Fotografiche Romane

Dal 15 al 17 dicembre lungo 5 percorsi capitolini
Il sistema Kepler 90 e il nostro a confronto:
KEPLER

Scoperto il gemello del Sistema Solare

Formato da otto pianeti, dista 2.545 anni luce
Polizia
OSTIA

Arrestati ex dirigente del Municipio e due imprenditori

Accusati di corruzione, abuso d’ufficio, falsità ideologica e millantato credito
MEDICI E VETERINARI

Nuovo sciopero a febbraio

Fermi i giorni 8 e 9. Sindacati: "La sanità pubblica è in emergenza"
Il premier Paolo Gentiloni
MIGRANTI

Gentiloni: "Dublino e relocation scogli in discussione Ue"

Lo ha detto il premier italiano dal summit europeo di Bruxelles
L'esito del voto sul Biotestamento (Lapresse)

Congiura contro la vita

Il cupo sodalizio tra Pd e Movimento 5 stelle sul fine vita ha determinato al Senato della Repubblica...
Maria Elena Boschi
BANCA ETRURIA

Boschi: "Nessun favoritismo, non mi dimetto"

Il sottosegretario ospite a 'Otto e mezzo'. Scontro con Travaglio: "Fossi stata uomo non mi avrebbe tratta...