L’impegno di papa Francesco per la pace in Ucraina. L’ombra dell’Innominato

Papa

Non c’è pace senza dialogo. “Dialogare significa ascoltarsi, confrontarsi, accordarsi e camminare insieme– testimonia papa Francesco-. Favorire tutto questo tra le generazioni vuol dire dissodare il terreno duro e sterile del conflitto e dello scarto. Per coltivarvi i semi di una pace duratura e condivisa”. Avverte il Pontefice: “Ogni dialogo sincero non è privo di una giusta e positiva dialettica. Ma esige sempre una fiducia di base tra gli interlocutori“. Ed è di questa fiducia reciproca che “dobbiamo tornare a riappropriarci”.

pace
La Spezia 12/03/2022 – campionato di calcio serie A / Spezia-Cagliari / foto Image Sport nella foto: bandiera della pace

Nell’introduzione al libro “Un’enciclica sulla pace in Ucraina” ribadisce che “senza pace siamo tutti sconfitti“. La guerra in Ucraina, già alla vigilia del suo inizio, “ha interrogato ciascuno di noi“. Jorge Mario Bergoglio richiama gli “anni drammatici” della pandemia. “Non senza grandi difficoltà e molte tragedie stavamo finalmente uscendo dalla sua fase più acuta“. E invece è arrivato “l’orrore di questo conflitto insensato e blasfemo, come lo è ogni guerra”. Si interroga papa Francesco: “Possiamo parlare con sicurezza di una guerra giusta? Possiamo parlare con sicurezza di una guerra santa?”

Papa
Kiev 15/03/2022 – guerra in Ucraina / foto ufficio stampa Presidente Ucraina/Imago/Image
nella foto: Volodymyr Zelensky

Fin dall’inizio della guerra russo-ucraina papa Francesco è in prima linea per la pace. Il ministro degli esteri ucraino Dmytro Kuleba ha ricevuto nei giorni scorsi un gruppo di giornalisti internazionali. Al seguito di una missione organizzata dall’ambasciata ucraina presso la Santa Sede. “La sua commozione alla celebrazione dell’Immacolata l’8 dicembre  è arrivata dritta al cuore degli ucraini. Abbiamo visto quanto la sua reazione fosse sincera e profonda. Non vediamo l’ora che il Papa venga. Speriamo in una visita del Papa“. I rapporti tra Kiev e Santa Sede sono continui. Kuleba ha incontrato l’arcivescovo Paul Richard Gallagher. Il segretario vaticano per i rapporti con gli Stati ha preso alla riunione dell’Osce a Lodz, in Polonia. La diplomazia pontificia è impegnata su numerosi dossier. Dal grano ai prigionieri. Il Papa ha detto a Vladimir Putin di fermare la guerra. E a Volodymyr Zelensky di essere aperto a proposte. Kiev guarda con favore ad un possibile ruolo della Santa Sede in una futura trattativa di pace. “Arriverà il momento della mediazione. E se la Santa Sede vorrà prendervi parte sarà benvenuta”, precisa il ministro degli Esteri ucraino.PapaIl volume appena pubblicato (Edizioni Terra Santa, a cura di Francesco Grana) raccoglie gli interventi del Pontefice sul conflitto in Europa. “Gli orrori della guerra, di ogni guerra, offendono il nome santissimo di Dio. E lo offendono ancora di più se il Suo nome viene abusato per giustificare tale indicibile scempio – sostiene il Papa introducendo l’opera-. Il grido dei bambini, delle donne e degli uomini feriti dalla guerra sale a Dio. Come una preghiera struggente per il cuore del Padre. Ogni guerra è unicamente una strada di morte che illude soltanto alcuni di essere i vincitori“. Con la guerra è sconfitto anche chi, “nell’indifferenza vigliacca”, è rimasto a guardare questo orrore. “Senza intervenire per portare la pace”. Nessuno è escluso dal dovere di essere uomo di pace. Nessuno è legittimato a “guardare da un’altra parte“. Papa“In questo mondo della globalizzazione siamo caduti nella globalizzazione dell’indifferenza– avverte il Pontefice- Ci siamo abituati alla sofferenza dell’altro. Non ci riguarda. Non ci interessa, Non è affare nostro! Ritorna la figura dell’Innominato di Manzoni. La globalizzazione dell’indifferenza ci rende tutti ‘innominati’. Responsabili senza nome e senza volto”. E invece “non dobbiamo abituarci alla guerra in Ucraina come a nessun’altra.  Preghiamo per la pace! Lavoriamo per la pace!”.