L’opera più grande che lo Spirito Santo può compiere in noi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:02

“Andate: ecco vi mando come agnelli in mezzo a lupi…” Gesù non sta parlando a missionari consacrati, ma a tutti i cristiani.

Però, nessuno che conta di avere successo nel mondo vuole essere “agnello”; anzi, occorre farsi rispettare, non mostrarsi mai deboli e se è necessario, alzare la voce. Non possiamo lasciarci mettere “i piedi in testa”, giustificati dal fatto che “In mezzo ai lupi, devi essere lupo feroce”.

Cristo però si è fatto agnello, un agnello mansueto, che nemmeno scappa davanti ai suoi tosatori, che piega dolcemente la testa: “Maltrattato, si lasciò umiliare e non aprì la sua bocca; era come agnello condotto al macello, come pecora muta di fronte ai suoi tosatori, e non aprì la sua bocca” (Isaia 53).

L’uomo che non ha incontrato l’Amore di Dio ma solo una regola da seguire, qualche precetto per sentirsi più a posto, questo Amore di Cristo lo rifiuta, la mansuetudine che oggi ascolteremo nel Vangelo, la reputa una sciocchezza per i preti e le suore o per i deboli.

Quest’uomo religioso mai potrà compiere questo, mai accetterà l’ingiustizia o il rifiuto: in una parola, non potrà portare il peccato di nessuno.

Ma è questa mansuetudine che ci ha salvati: divenire simili a Cristo, semplici e mansueti come agnelli, è l’opera più grande che lo Spirito Santo possa compiere in noi, è l’unico modo di annunciare al mondo che Cristo è vivo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.