MARTEDÌ 12 MAGGIO 2015, 000:01, IN TERRIS

Migranti e briganti

ANGELO PERFETTI
Migranti e briganti
Migranti e briganti
Il tema dei migranti è e deve essere un problema di tutta l’Europa. La norma per la quale si può chiedere asilo solo sul suolo toccato al momento dello sbarco (o al passaggio del confine) è antistorica e immorale. Antistorica perché scritta quando la globalizzazione non era ancora compiuta, e dunque la transumanza etnica era un evento eccezionale; immorale perché relega coloro che espatriano per fuggire dalla fame, dalla povertà o dal terrore delle guerre a “numeri” da gestire in maniera burocratica, senza alcuna attenzione per l’essere umano; in realtà senza guardare né all’immigrato né al popolo ospitante.

La freddezza con la quale il nord Europa ha liquidato fino a oggi la questione come un fatto tutto mediterraneo, lascia trapelare quel filo di razzismo non tanto nei confronti degli occupanti dei barconi quanto verso gli abitanti del sud del Vecchio continente, siano essi italiani, spagnoli o di altre nazionalità.

Ora dunque siamo alla stretta finale: non è in discussione l’aiuto ai Paesi di origine e transito dei migranti, né lo sono il controllo delle frontiere a sud della Libia e nei paesi limitrofi e le missioni di sicurezza e difesa contro trafficanti e scafisti, argomento che merita comunque una riflessione. Oggi in ballo c’è l'obbligatorietà della suddivisione dei profughi in base ad un meccanismo di quote; una descrizione che può brutalmente sembrare una distribuzione di un problema, ma che vista con altri occhi significa un’assunzione globale di responsabilità nei confronti degli ultimi.

L'ex ministro degli Esteri italiano, Mogherini, si è presentata con un vero e proprio "piano migranti”, e ha lanciato un appello all'Onu: "Siamo pronti ad agire ma non possiamo agire da soli. Quella degli immigrati nel Mediterraneo è una crisi dell'Europa, una crisi dell'Africa e una crisi del mondo. La nostra prima priorità dovrà essere quella di salvare vite umane e agire insieme", ha concluso Lady Pesc.

Per farlo ci sarà bisogno di un’azione decisa contro i trafficanti di vite umane. Colpire i briganti e toglierli le barche con le quali fanno il loro sporco traffico è un obiettivo irrinunciabile. Ma anche – come detto – assistere i migranti. Non farlo, girarsi dall’altra parte, metterebbe i governi sullo stesso piano dei malviventi. Altro che briganti: l’indifferenza uccide tanto quanto la violenza.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Medico in corsia (repertorio)
SCIOPERO DEI MEDICI

A rischio 40 mila interventi chirurgici

Incrociano le braccia in 134 mila. Lorenzin: "Sono al loro fianco"
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...
prostitute
PROSTITUZIONE

Cisl Campania contro la tratta

Una conferenza a Napoli per promuovere strumenti di contrasto al fenomeno
Donald Trump
ATTACCO A NEW YORK

Trump: "Pene più severe per i terroristi"

Appello al Congresso: "Sistema lassista. Urgenti riforme sull'immigrazione"
L'esultanza dei Granata
CALCIO | SERIE A

Lazio, Immobile-rosso: il Toro espugna l'Olimpico

I granata vincono 3-1 a Roma ma è furia biancoceleste per l'espulsione dell'attaccante
VAPRIO D'ADDA

Uccise ladro in casa: archiviata l'accusa di omicidio

Riconosciuta la legittima difesa a Francesco Sicignano: colpì a morte un giovane albanese nel 2015