VENERDÌ 02 SETTEMBRE 2016, 000:02, IN TERRIS

L’era del webete

ANGELO PERFETTI
L’era del webete
L’era del webete
Attribuita a Giacomo Badoar, librettista e poeta veneziano del ‘600, torna prepotentemente d’attualità la celeberrima frase “Un bel tacer non fu mai scritto”. Il fiume di parole, video, riflessioni, commenti, sfoghi che caratterizza la “rete” specialmente dopo la diffusione dei social network ha provocato un corto circuito. Non solo chiunque può parlare – e questo fa parte dei diritti fondamentali dell’uomo – ma può dire qualunque cosa.

Se ai tempi di Badoar era seccante sentire chi sproloquiava, oggi è pericoloso. Perché la platea si è allargata a dismisura, e non esistendo più il filtro di chi verifica le notizie (i cosiddetti “media”) tutto arriva con il crisma di verità. Anche quando il concetto propugnato è il più strampalato o, peggio, asservito a un’ideologia di base che deforma la cronaca per adattarla all’idea.

Già Umberto Eco, scrittore e semiologo, in occasione di un incontro con i giornalisti nell'Aula Magna della Cavallerizza Reale a Torino per la consegna della laurea honoris causa in Comunicazione e Cultura dei media, sottolineò come il web abbia dato “diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività”.

Oggi è il giornalista Enrico Mentana a mettere il dito nella piaga, definendo “webete” un tizio che contestava le tende ai terremotati mettendole in correlazione con gli alberghi destinati ai migranti.

Purtroppo oggi chiunque abbia un pensiero personale crede di aver il diritto di renderlo globale, senza alcuna verifica, senza dati, senza approfondimento; basandosi sulle sensazioni o, peggio, sul proprio convincimento scevro da analisi sui dati reali. Qualche volta va bene, il più delle volte è un disastro. Si punta il dito, si fanno accuse generiche o addirittura personali, senza dare un peso alle conseguenze di ciò che si afferma. Si può definire “ignoranza”, ma sta in cattedra.

Ciò che si sta verificando sul web, poi, è l’assoluta mancanza di contraddittorio, che invece è il sale della crescita umana. I gruppi “opposti” non interagiscono, piuttosto si allontanano e formano monadi nelle quali ci si riconosce e applaude, qualunque cosa si dica.
“La comunicazione, i suoi luoghi e i suoi strumenti – ha sottolineato tempo fa Papa Francesco nel suo messaggio per la 50ma giornata mondiale delle comunicazioni sociali - hanno comportato un ampliamento di orizzonti per tante persone. Questo è un dono di Dio, ed è anche una grande responsabilità”. Non dimentichiamolo.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Andres Escobar
LA SVOLTA

Omicidio Escobar, verso la giustizia 24 anni dopo

Arrestato il presunto mandante dell'omicidio del calciatore colombiano, "colpevole" di un autogol
Papa Francesco incontra i popoli dell'Amazzonia Photo © Vatican Media
PAPA IN PERÙ

"Preservare l'Amazzonia dai nuovi colonialismi"

A Puerto Maldonado l'incontro del Pontefice con i popoli indigeni: "Difendere l'ambiente significa difendere la...
Papa Francesco incontra i popoli dell'Amazzonia Photo © Vatican Media
PAPA IN PERÙ

"Non ignoriamo le complicità della tratta"

Testo integrale dell'incontro del Pontefice con i popoli dell'Amazzonia a Puerto Maldonado
Due indigene mentre si preparavano all'incontro nel Coliseo Madre de Dios (foto da Twitter)
PAPA IN PERÙ

Il grido degli indigeni: "Ci difenda"

La testimonianza dei popoli amazzonici all'incontro con il Pontefice
Migranti sbarcati al porto di Pozzallo
MIGRANTI

Nuovo sbarco a Pozzallo, morti 2 neonati e un ventenne

I migranti sono arrivati nel porto siciliano con la nave dell'ong spagnola Proactiva Open Arms
Liliana Segre
PALAZZO MADAMA

Liliana Segre nominata
senatrice a vita

Scelta da Mattarella per altissimi meriti in ambito sociale. E' sopravvissuta ad Auschwitz
Beppe Grillo
ELEZIONI

Grillo detta la linea: "Nessuna alleanza"

L'ex comico afferma che il M5S è nella sua "fase adulta"
Giorgio Morandi, Natura morta (particolare), olio su tela, 35 x 50 cm. Collezione privata
BRESCIA

Picasso, De Chirico e Morandi in mostra

Cento capolavori del XIX e XX secolo dalle collezioni private bresciane
Sofia Goggia
SCI

Sofia Goggia vince la discesa libera di Cortina

Con 1.36.45 conquista i 2.660 metri della pista Olympia delle Tofane
Ambulanza davanti alla scuola in Russia
RUSSIA

Adolescente assalta scuola con ascia e molotov

Ci sarebbero almeno 7 feriti
Auto piomba sul lungomare a Copacabana
COPACABANA

Auto piomba sul lungomare: morta una bimba di 8 mesi

Per la polizia locale non si tratta di terrorismo, ma di un tragico incidente
ELEZIONI POLITICHE 2018

Sondaggi: il centrodestra conquista il Nord e vola al 37%

Battaglia con il M5s al Sud; al Pd solo le "Regioni Rosse"