MERCOLEDÌ 03 FEBBRAIO 2016, 000:02, IN TERRIS

La Rete dell'odio

ANGELO PERFETTI
La Rete dell'odio
La Rete dell'odio
A parole tutti si dicono paladini della democrazia, a chiacchiere sventolano la difesa dei diritti altrui. Sui social network è un fiorire di disegnini e vignette in cui la libertà di pensiero sembra il dogma intoccabile per ogni Paese che voglia dirsi civile, condite da migliaia di “like” e “sorrisi”. La realtà però è un’altra, ed è inquietante.

Si è arrivati ad un livello tale di odio che ogni confronto non passa più per il dialogo ma per le barricate. Si alzano muri “a prescindere”, e quindi non si vede più cosa c’è dall’altra parte. Si percepisce solo il “nemico”, senza valutare nel concreto cosa fa e chi lo fa. E contro di lui si vomita tutto il possibile, in un crescendo inarrestabile che mette a nudo il livello nel quale è sprofondata la nostra società.

Il caso dell’annuncio della maternità di Giorgia Meloni è emblematico: una selva di prese in giro, sfociate in alcuni casi nelle offese personali, nel turpiloquio. Non entro nel merito delle battute sessiste, perché non è questo il punto, seppur grave.

Ciò che non è accettabile è la violenza con la quale ci si scaglia ormai contro chi non la pensa come noi, un’aggressività che non si ferma nemmeno davanti a una cosa bella come l’annuncio di una nascita. Tutto diventa sporco, corrotto, strumentale. Anche in questo il relativismo ha mietuto le sue vittime: tutto è concesso, purché a farlo sia una parte. Non esiste il limite invalicabile, ma lo sproloquio “a far male”.

Il web è pieno di persone che sanno tutto, capiscono tutto, giudicano tutti. Ognuno si erge dalla propria tribuna e come un novello imperatore prepara il pollice verso. La presentano come democrazia, perché – dicono - ciascuno ha il diritto di dire la propria. Ma non è così, e per capirlo basterebbe ricordare la definizione del termine rispetto: disposizione ad astenersi da atti offensivi o lesivi, implicita nel riconoscimento di un diritto. Quanto siamo lontani dalla presunta indipendenza della Rete.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
TAGS
rete web
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau
Paolo Gentiloni e Maria Elena Boschi in una foto d'archivio
BRUXELLES

Gentiloni difende il ministro Boschi

Il premier: "Ha chiarito, sarà candidata Pd"
Il museo Must di Vimercate
MOSTRA

"Il Segno del '900": da Cezanne a Picasso, da Kandinskij a Fontana

Dal 16 dicembre 2017 all'11 marzo 2018 presso il Museo del territorio di Vimercate (MB)
Lo Sferisterio di Macerata
MACERATA OPERA FESTIVAL

Il Mof si tinge di "verde speranza"

Le opere: Flauto magico, Elisir d'Amore e Traviata degli specchi
Maria Elena Boschi

La solita storia

Gran rumore sulla vicenda di Maria Elena Boschi e del suo ‘interesse’ per la Banca Etruria di cui il suo...
Megan e Harry
REGNO UNITO

Il 19 maggio le nozze di Harry e Megan

Il matrimonio sarà celebrato nella cappella di San Giorgio del castello di Windsor