LUNEDÌ 08 GIUGNO 2015, 000:10, IN TERRIS

La grande depressione

ANGELO PERFETTI
La grande depressione
La grande depressione
Il dato risulta essere statistico e psicologico allo stesso tempo. In Italia – afferma l'Istat - ci sono oltre 3,5 milioni di persone che, pur essendo disponibili a lavorare, non cercano impiego; 1,6 milioni di questi non lo fa perché si dice scoraggiato. Se infatti nel primo trimestre sono aumentati gli occupati (133.000 in più rispetto al primo trimestre 2014) sono cresciute anche le forze di lavoro “potenziali”, ossia le persone formalmente inattive ma pronte a uscire dall'inattività; in particolare tra queste coloro che si dichiarano disponibili a lavorare – ma che in realtà non cercano alcun impiego - sono aumentate di 300.000 unità. Il picco è nel Mezzogiorno con oltre 2 milioni di “sfiduciati”.

La depressione economica, dunque, sta portando come conseguenza la sua omologa psichiatrica. Nella fascia d'età che va dai 15 ai 34 anni troviamo 1.347.000 tra coloro che si dicono disponibili a un impiego ma non hanno fatto azioni di ricerca attiva nelle settimane precedenti la rilevazione. Una disponibilità solo virtuale, dunque, senza alcuna spinta propulsiva.

Una sfiducia che parte però da diverse considerazioni. 1) l'atavica stortura della raccomandazione, ancora ben lungi dall'essere estirpata sul suolo italico, che rende inutile la ricerca di lavoro se non si è appartenenti a una cordata politica o non si ha la fortuna di conoscere direttamente qualche “santo in Paradiso”; 2) l'immobilismo del mercato del lavoro, che rende impossibile l'uscita e il rapido rientro dal sistema produttivo; 3) le condizioni di offerte al ribasso, senza tutele sindacali, col risultato di dover essere costretti a lavorare molto per percepire poco.

La cosa grave è che questa alterazione cronica dell’umore contraddistinta da tristezza, riduzione dell’interesse e delle attività e senso di solitudine, si sta diffondendo anche a livello scolastico. Nel momento in cui i nostri giovani si avvicinano all'università la scelta per molti non è più cosa studiare ma dove, con una fuga sempre più marcata – per chi se lo può permettere- verso l'estero. Siamo dunque in una fase dove le perplessità, se non addirittura il pessimismo, sulla reale possibilità di trovare sbocchi lavorativi nel Paese è molto evidente.

Da questa situazione se ne esce solo con uno choc sul mercato del lavoro, favorendo le aziende che creano occupazione, controllando che questo processo non finisca con le solite truffe, e collegando il mondo della scuola a quello del lavoro in maniera fattiva. Ma queste sono cose che si dicono da anni, e che la politica per ora ha recepito solo in parte. Jobs act e Buona scuola sono due aspirine; il malato, per essere recuperato, ha bisogno di interventi molto più profondi e condivisi.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Incendio in una fabbrica in India
INCIDENTI SUL LAVORO IN INDIA

Mumbai, rogo in una fabbrica di dolci: 12 morti

Il calore sprigionato dal rogo ha causato un rapido cedimento di parte della struttura
Pier Carlo Padoan
CASO BANCHE

Padoan: "Mai autorizzati colloqui dei ministri"

Il titolare del Mef: "Sugli istituti di credito la responsabilità è di via XX Settembre"
Luigi Di Maio
ELEZIONI

Di Maio apre alle alleanze

Il candidato premier M5s non esclude coalizioni: "Il 40% o governiamo con chi ci sta"
Marco Orsi e Luca Dotto
NUOTO | EUROPEI

Dotto, Orsi, Sabbioni: a Copenaghen brillano le stelle azzure

L'Italia vince la classifica per nazioni del torneo continentale di vasca corta con 959 punti
I due presunti assassini: Raffaele Rullo e Antonietta Biancaniello
OMICIDIO LA ROSA

Il presunto killer: "Non sono stato io"

La madre ha dichiarato di aver fatto tutto da sola
Jacqueline de la Baume Dürrbach, Il cartone del Guernica esposto in Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Roma
PICASSO

In mostra "Guernica icona di pace"

Alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018