MERCOLEDÌ 29 LUGLIO 2015, 000:36, IN TERRIS

LA CORRUZIONE NELLA CHIESA

DON ALDO BUONAIUTO
LA CORRUZIONE NELLA CHIESA
LA CORRUZIONE NELLA CHIESA
Il termine "corruzione" applicato alla Chiesa Cattolica farebbe ripensare ai tempi grigi delle gerarchie quando i principi della Chiesa e non pochi Papi usarono il potere temporale per raggiungere i propri scopi personali, perdendo così la stima del popolo. Chi conosce un po' di storia dovrebbe ricordare come già nel connubio con l'Impero romano iniziò di fatto la decadenza del vero potere ecclesiastico. La vita spirituale, evangelica dovette così sottomettersi ad ogni sorta di speculazione, usata per conquistare i beni terreni e la supremazia politica di interi Paesi.

La sete di dominio di non pochi papi divenne il boomerang per una progressiva profonda e perversa dicotomia tra ciò che la Chiesa annunciava e ciò che poi di fatto organizzava; la corruzione ha avuto dei picchi storici ricordati anche dalla famosissima ed impressionante richiesta di perdono di Papa Giovanni Paolo II quando supplicò per sette volte la misericordia di Dio ricordando i periodi più bui della sua storia. A partire dalla nota inquisizione, alle violenze compiute durante le crociate e alle persecuzioni contro i dissidenti; sembrava illusoriamente quasi del tutto purificata da quel grande Giubileo del nuovo millennio mentre di fatto il peggio – sul piano morale e spirituale - doveva ancora realizzarsi.

Negli anni a seguire, e con il successore di Wojtyla, la Chiesa si vedrà stravolta da innumerevoli scandali legati all'immoralità del clero fino alle rivelazioni scioccanti dei tanti crimini commessi contro i minori. L'istituzione ecclesiastica, e in particolar modo la figura del sacerdote come educatore e promotore di accoglienza dei più deboli, decadrà così tanto da trasformare l'immagine dei rappresentanti di Cristo in persone inaffidabili e corrotte. Gli scandali si moltiplicheranno con un mondo mediatico quasi accanito e rumoroso nell'evidenziare ogni singolo "albero cadente" dimenticando la foresta del bene e tutte quelle infinite realtà totalmente dedicate a sacrificarsi per i più deboli e dimenticati. La santità della Chiesa è stata così svilita e mortificata dai comportamenti loschi e tenebrosi che hanno abbattuto persino Papa Benedetto XVI, dimessosi dal proprio pontificato. Una scelta, di fatto, senza precedenti di un uomo, il Vicario di Cristo, continuamente attaccato fuori e dentro l'Ecclesia, in modo feroce, senza pietà come se tutto fosse dipeso da lui. Impressionando per la sua umiltà e profonda sofferenza Ratzinger ha dimostrato di non essere di certo "attaccato" alla poltrona bensì soltanto desideroso di vedere la propria Chiesa guidata con la forza di un Pastore idoneo a risollevarla, in un tempo così difficile dell'umanità.

E aveva proprio ragione; con l'arrivo di Bergoglio si cambia ritmo e la rivoluzione auspicata dal suo predecessore si concretizza fin da subito. Certo è molto facile criticare chi deve governare quando non si hanno responsabilità... E' semplicistico accusare e pretendere di correggere un Papa e un'intera Istituzione così complessa e variegata quando si resta a guardare dalla finestra... Oggi è proprio lui in persona, Papa Francesco, a denunciare concretamente quella corruzione che tocca ogni ambito della società attuale, civile e religiosa.

La sua incessante e scandalosa (per alcuni) richiesta di unità della cristianità mira ad abbattere quegli steccati che inevitabilmente creano le condizioni di interessi particolari. Per difendere questi recinti ideologici e religiosi si arriva persino ai combattimenti armati.

E allora non prendiamoci in giro! Sappiamo che la madre di tutte le corruzioni è il peccato, dove il fautore del male, il demonio, “come leone ruggente va in giro cercando chi divorare”, per distruggere lo spazio di Dio nella società, che è la sua Chiesa.

Le porte degli inferi, però, non prevarranno perché, come declina Pessoa, “La terra è fatta di cielo. Non ha nido la menzogna”.

Chi ama veramente la Chiesa può iniziare per primo a cambiare, dentro di sè e nel proprio ambiente, dando l'esempio. Il mondo ha bisogno oggi di nuovi santi e di nuovi martiri, testimoni autentici del vangelo di Gesù, impregnati di Spirito Santo, lontani dagli imbrogli, dai carrierismi e dalle cordate di potere. Persone autentiche e pure di cuore, integre e incapaci di corrompersi.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
La chiesa di San Giorgio restaurata
PIANA DI NINIVE

Riconsacrata la chiesa di Tellskuf

Profanata e semidistrutta dall'Isis, è stata restaurata con i soldi raccolti da Acs
New York, il capolinea attaccato
ATTACCO A NEW YORK

Arriva la condanna del Bangladesh

Dacca: "Tolleranza zero con i terroristi". Ullah era giunto negli Usa nel 2011
La Bibbia su smartphone
GERMANIA

In un'App la nuova traduzione della Bibbia

La versione in tedesco della Sacra Scrittura è gratuita per iOs e Android