LUNEDÌ 08 LUGLIO 2019, 00:02, IN TERRIS

L'Europa baciata da Giuda

DON ALDO BUONAIUTO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il bacio di Giuda sull'Europa
Il bacio di Giuda sull'Europa
P

apa Francesco ha smascherato un’ipocrisia che in Europa accomuna spesso istituzioni civili e religiose. Aldilà delle speculazioni e strumentalizzazioni di opposto segno, è innegabile che in questi anni l’Italia, intesa come Paese ma anche come Chiesa italiana, sia al primo posto nel continente per accoglienza di persone migranti. 

L’impegno dell’episcopato e del terzo settore cattolico è stato nel nostro Paese costante e coraggioso, mentre gradiremmo maggiori informazioni su quale sia stato davvero il contributo delle conferenze episcopali degli altri Paesi europei. Magari, nel caotico villaggio della comunicazione globale, si sono perse per strada le notizie di questa indispensabile solidarietà (ossia condivisione) di tutte le Chiese europee, nessuna esclusa.

Fatto sta che la Cei si è fatta carico, a sue spese, della collocazione di richiedenti asilo, con una mobilitazione meritevole da Premio Nobel per la Pace. Inoltre, la Chiesa italiana è sempre stata vicina, solidale e collaborativa con i governi, incluso quello in carica, al di là di talune sterili polemiche e con reale spirito costruttivo. Non sappiamo se possiamo dire altrettanto delle altre conferenze episcopali europee. 

L’appello del Papa, è bene ricordarlo, non è rivolto solo al nostro Paese e alla Chiesa italiana. Quella finestra dalla quale si affaccia il successore di Pietro è spalancata sul mondo e non rinchiusa in dispute locali. E soprattutto a prestare ascolto non sono solo interlocutori laici ma anche, anzi innanzittutto, ecclesiali. L’Europa ha un presidente fresco di nomina, anzi ne ha due; sarebbe bene che le parole del Pontefice arrivassero chiare ai governanti e ai pastori del vecchio continente. 

Certo, il mondo non è racchiuso nel Mediterraneo e tra le due Americhe ci sono “mari” di separazione altrettanto dolorosi, ma il pensiero vola spontaneamente a quei Paesi dell’Est che si riempiono la bocca di cristianesimo e poi rifiutano qualunque redistribuzione delle quote dei migranti. Essere cristiani solo a metà contraddice il Vangelo e lo riduce ad un’ideologia intermittente. Non si può prendere dalle Sacre Scritture solo ciò che piace o fa comodo.

“Ero forestiero e mi avete accolto”, c’è scritto in quella Buona Novella che per quei popoli ampiamente aiutati durante la guerra fredda è diventata scomoda. Triste osservare che la storia, ancora una volta, non ha insegnato granché. Dietro il paravento dell’identità nazionale, nel polmone dell’Europa orientale, e non solo, si respira egoismo e ingratitudine per il sostegno ricevuto lungo i tornanti del ‘900. Un po' la stessa amnesia che ha colpito i solitamente loquaci governanti francesi che, sorvolando sull’improvvida destabilizzazione della Libia, dimenticano che a pagare il prezzo dei loro interessi “particolari” (concessioni petrolifere, ingerenze geopolitiche e rivalità interne all’Europa) sono i migranti rinchiusi nei nuovi campi di sterminio dall’altra parte del Mediterraneo. 

E anche quella tomba d’acqua nella quale migliaia di vittime ignote e innocenti si scontrano con l’assenza di una comune politica di accoglienza Ue, implora pietà dal cielo. Così l’Europa, sotto il profilo della pluralità politica e religiosa, non ha ancora trovato un linguaggio condiviso per far sentire concretamente la propria voce. Ai tavoli dove si decidono le nuove “Yalta”, l’Europa semplicemente non esiste. Francesco la chiama “nonna”, ormai rischia di diventare una cara estinta. 

Tre le speranze affinché ci siano sempre meno “Giuda” a tradire l’umanità. Le conferenze episcopali non tacciano con i loro governanti anzi, si facciano avanti per mediare sulle politiche migratorie e diventarne interlocutrici come avviene in Italia. Seguano l’esempio del Patrono San Benedetto che seppe unire azione e contemplazione, carità e preghiera. Sarebbe un grande segno, specialmente per educare i nostri giovani, se la Santa Sede, auspicabilmente, istituisse (o si facesse promotrice) di una giornata del “migrante ignoto” dedicata a tutti coloro che spariscono nelle fauci dei mari e dei deserti. Sono gli invisibili della terra: bambini, mamme, ragazzi giovanissimi finiti negli abissi della tratta e dell’indifferenza. Infine ci si faccia l’esame di coscienza, ogni volta che da dietro una comoda tastiera, si fa il tifo come allo stadio, godendo degli infortuni di chi ha responsabilità da assumere. Troppo facile fingersi esperti quando non si deve decidere.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Immagine di repertorio
IL CASO

Milano, il pm sospende il gioco horror

Per gli inquirenti, l'assenza di illuminazione avrebbe messo in pericolo i concorrenti
La statua d'arte indigena, oggetto di controversie, trasportata lungo via della Conciliazione durante la Via Crucis del 19 ottobre scorso - Foto © Andrew Medichini per AP
SINODO PER L'AMAZZONIA

Statue indigene in chiesa gettate nel Tevere. Per alcuni erano pagane

Continua il caso controverso sulle statue di arte indigena collocate in una chiesa durante il Sinodo
Scritta per Desirée sul portone dello stabile dove il suo corpo è stato ritrovato
ROMA

Morte di Desirée, in quattro a processo

La 16enne venne ritrovata priva di vita, un anno fa, in uno stabile abbandonato del quartiere di San Lorenzo
Il libro di don Aldo Buonaiuto,
SASSOFERRATO | ANCONA

Halloween: un viaggio nel mondo nell'occulto

L'incontro tenuto da don Aldo Buoniauto presso la parrocchia di san Facondino
Giuseppe Conte e Luigi Di Maio
GOVERNO

Manovra, bilaterali coi partiti: Conte prova a ricucire

Il premier incontra le forze di maggioranza per snodare i punti critici. E anche dall'Ue arriva una missiva per chiedere...
L'incendio e i danni al tetto della struttura storica
TORINO

In fiamme la Cavallerizza Reale, patrimonio Unesco

Appendino: "Il tema oggi non è l’occupazione ma che la Cavallerizza così non può stare"
Immagine di repertorio
NUOVI MERCATI

La tecnologia rilancia l'impresa, ma mancano 45 mila tecnici digitali

In agosto recupero della produzione industriale. Richieste nuove competenze e nel weekend 100 mila visitatori a Roma alla fiera...
La merce sequestrata
SALERNO

Contrabbando di tabacchi: 12 arresti

Sospeso il reddito di cittadinanza a cinque dei fermati
Strade allagate
ALLERTA METEO

Nubifragio a Milano, città allagata

Il fiume Seveso è vicino all'esondazione, sotto osservazione anche il Lambro
Pini domestici
EMERGENZA ECOLOGICA

Piano del Campidoglio per le periferie green

In Italia 31 metri quadri di verde a cittadino. Piantare alberi è tra gli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo...
Sampdoria-Roma 0-0. Nicolò Zaniolo contrastato da Bertolacci - Foto © Twitter
SERIE A

Ranieri, buona la prima: la Roma sbatte sulla Samp

Pareggio a reti bianche a Marassi. Il Genoa crolla col Parma, l'Inter soffre ma stende il Sassuolo
Maker Faire Rome
SVILUPPO

Enea, verdure spaziali e hi-tech anti-zanzare

Alla rassegna romana degli inventori 4.0 le ultime scoperte dell’ente pubblico di ricerca