MERCOLEDÌ 01 LUGLIO 2015, 000:10, IN TERRIS

Il ritorno del muro

ANGELO PERFETTI
Il ritorno del muro
Il ritorno del muro
L'ipocrisia dell'Europa è ormai un dato di fatto certo. Da una parte le testimonianze di sgomento quando il mare restituisce centinaia di corpi di migranti, le facce scure ai funerali, le generiche dichiarazioni sul fatto che “simili tragedie non devono più accadere”. Dall'altra l'assoluta indisponibilità a contribuire economicamente in forma sostanziale al programma di salvataggio e accoglienza di questi disperati che fuggono dall'orrore, nessuna politica di intervento nei Paesi arabi dai quali provengono.

Ma nonostante questi segnali, c'era comunque la sensazione che il problema fosse realmente percepito come comunitario, globale, mondiale, e non come un fatto che l'Italia doveva risolvere da sola. Sembrava esserci, insomma, la percezione che prima ancora dei governi c'erano le persone, i migranti, le loro storie. Sembrava che la politica viaggiasse sui suoi soliti binari, fatti di lungaggini e farraginosità, ma che i potenti del mondo avessero però coscienza dell'urgenza di salvare dal dramma altri esseri umani.

Questo però fino a che il “disturbo” non si è presentato alle porte di casa degli altri partner europei. In quel momento tutte le stelle della bandiera di Bruxelles sono miseramente crollate a terra. Niente più unione, né condivisione, né mutuo soccorso. Nessun respiro di cooperazione internazionale, né afflato umanitario.

La Francia ha messo i poliziotti armati alle frontiere, l'Inghilterra tira su le barriere, che ricordano quelle elettrificate del muro di Berlino. Il loro esempio sarà la stella polare per altre future decisioni dei governi locali, tutti tesi a proteggere... l'indifendibile. Perché la forza della disperazione non può essere fermata con un cavallo di frisia, tanto più se dietro a quei drammi ci sono sempre più persone, fino a diventare milioni. Per quanto ci sforziamo di dividerlo in settori, il pianeta è uno solo, e l'unico modo per esseri sicuri di stare bene stabilmente è far star bene gli altri. Lo ha detto anche Papa Francesco nell'ultima enciclica, facendo capire chiaramente che la salute della Terra e quella dei suoi abitanti sono strettamente correlate, che bisogna creare le condizioni di una vita dignitosa ovunque. Purtroppo invece sta tornando prepotente la filosofia del Nimby (acronimo inglese per “Not in my back yard”, letteralmente “Non nel mio cortile”), marginalizzando la solidarietà ad interventi che non impegnino in prima persona Stati e Popoli.

Le soluzioni che i nostri governanti riescono a immaginare non sono mai virtuose ma sempre costrittive. Si alzano le tasse spremendo all'inverosimile le famiglie dei Paesi che sono già più in crisi, si sbatte la porta in faccia agli immigrati che provano a immaginare una vita futura. Si blocca, si ferma, si stoppa. Con questo sistema è impossibile pensare a uno sviluppo futuro, soprattutto equo e solidale. Per (non) risolvere i problemi ci si accanisce sempre contro i più deboli, gli ultimi, coloro che soffrono e sono in difficoltà.

L'Europa sta smontando pezzo per pezzo i valori sui quali è stata fondata, e – non è un caso – contestualmente si sta ripiegando su se stessa. Più in generale, nel mondo con la scusa di rivendicare i diritti dei singoli si sta perdendo di vista il bene comune. In ogni settore. Ma attenzione, perché indifferenza e arroganza sono soltanto le estremità di un boomerang che tornerà indietro. E farà male.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
La navetta Soyuz
MISSIONE VITA

Rientrata la Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

La navetta è atterrata nella steppa del Kazakistan dopo 139 giorni nello spazio
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
Il ministro Mohamed Taher Siala
MIGRANTI

Tripoli replica ad Amnesty: "Rapporto esagerato"

Il ministro libico degli Esteri: "L'Italia ci sta aiutando. Abusi? C'è una commissione al lavoro"
Jorge Glas
CASO ODEBRECHT

Condannato il vicepresidente dell'Ecuador

Sei anni a Jorge Glas, già sospeso dalle funzioni: avrebbe intascato 14 milioni di dollari in tangenti