VENERDÌ 23 SETTEMBRE 2016, 000:02, IN TERRIS

IL PAPA CHE FA ARRABBIARE I PRINCIPI

DON ALDO BUONAIUTO
IL PAPA CHE FA ARRABBIARE I PRINCIPI
IL PAPA CHE FA ARRABBIARE I PRINCIPI
Molto spesso abbiamo sentito Papa Francesco richiamare quei pastori che amano più le comode poltrone che gli sgabelli del servizio. È il santo Vangelo a dargli sempre lo spunto e quindi l’occasione per parlare degli scribi e dei farisei dei nostri tempi. Tra questi peccatori – i vanitosi, gli egoisti, i narcisisti e i carrieristi – possiamo esserci un po’ tutti. Nessuno è immune dalla tentazione di primeggiare o di cercare in qualche modo le comodità.

Le lezioni di vita del Santo Padre, però, vengono spesso recepite come un’accusa, e alcune categorie della società, a partire da quella ecclesiale, si sentono bruciare la cosiddetta “coda di paglia”. Ormai questo clima indispettito si respira in certi ambienti cattolici dove i moniti di Bergoglio danno realmente fastidio. Il denunciare ipocrisie e inerzie, nello stile di San Francesco, sta provocando in alcuni ceti, medio e alti, un susseguirsi di proteste condite da maldicenze che spesso sono occasione di scandalo.

Il popolo ama e ascolta con gioia e speranza il Pontefice, mentre non pochi sono quei potenti che lo temono e osteggiano. Eppure Papa Francesco non si lascia di certo intimorire, anzi, va avanti per la sua rotta, incurante delle reazioni velenose di certe serpi così come delle smodate e continue tesi di quei quattro complottisti che si nutrono di fantasie da propagare e di retroscena da vendere al vasto pubblico; per “partito preso” già sai che ne parleranno sempre male al fine di compiacere i romanzieri e turbare i semplici.

La Chiesa, comunque, continua a essere assediata e circondata da lupi rapaci, dentro e fuori le sue mura, e questo non meraviglia più di tanto chi ne conosce un po’ la storia. Certo, oggi si respira un disegno diabolico di distruzione verso tale istituzione e personalmente soffro quando è proprio la figura del vicario di Cristo a essere ferocemente attaccata da chi invece dovrebbe ascoltare, imparare e testimoniare.

Nell’era dei social ognuno si sente in diritto di poter insegnare e addirittura aggredire verbalmente colui che sta servendo la Chiesa e l’umanità con amore e sacrificio. Non c’è vergogna né freno nell’insultare e insinuare erroneamente sentendosi addirittura in dovere di farlo. Quanti cattolici citano più i praenotanda dimenticando del tutto il Vangelo!

Quanta zizzania cresce accanto al buon grano! Vale la pena di ricordare, allora, le parole di Gesù, almeno quelle valgono sempre: “Lasciate che tutti e due crescano insieme fino alla mietitura”. Come va a finire gli esperti e i maestri della legge dovrebbero saperlo...
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
EUROPA LEAGUE

Atalanta e Milan, cinquine per i sedicesimi

Orobici e milanesi, con un 5-1, passano il turno con una giornata di aniticipo. Pari della Lazio
Robinho
VIOLENZA SESSUALE

Robinho condannato a nove anni

L'attaccante dell'Atletico Mineiro, ex Milan, avrebbe praticato una violenza di gruppo nel 2013
Una foto d'archivio di Pietro Orlandi con il manifesto che ricorda la sorella Emanuela
GIALLO IRRISOLTO

Caso Orlandi, presentata denuncia in Vaticano

L'avvocato Sgrò: "Emersi nuovi dati, speriamo che la Gendarmeria indaghi"
Il premier Gentiloni e il ministro dell'Economia Padoan
ETÀ PENSIONABILE

Nel 2019, stop all'aumento a 67 anni per 14.600

Presentato l'emendamento del Governo: aumentano a 15 i lavori gravosi
Il Sostituto della Segreteria di Stato mons. Angelo Becciu
MALESIA

Inaugurata la Nunziatura "green"

Il sostituto mons. Becciu ricorda la libertà religiosa sancita dalla Costituzione
TRAGEDIA DEL RIGOPIANO

Altre 23 informazioni di garanzia per il disastro

A spedirle la Procura di Pescara: la valanga aveva provocato 29 vittime
Papa Francesco riceve in udienze le famiglie francescane in Vaticano
VATICANO

La peggiore delle mondanità secondo Bergoglio

Il Pontefice riceve in udienza il Primo e Terz’Ordine regolare francescano
Monsignor Lorenzo Leuzzi
VESCOVI

Monsignor Leuzzi trasferito a Teramo

Nominati ausiliari a Roma don Paolo Ricciardi e padre Daniele Libanori